Migranti, slogan e ambulanze

nuova strage migranti 117 morti gennaio 2019

 

“Non li prendo a casa mia perché se incontro una persona ferita o malata, chiamo un’ambulanza, non la porto a casa mia. “

Buonasera e chiediamoci un perché.

Perché, per esempio, ho deciso di postare di nuovo e meglio, con maggiore visibilità, ciò che ho già scritto nella mia pagina personale?

Perché, nonostante sia stufo di provare a confrontarmi con persone ottuse, che replicano ad un ragionamento concreto e logico con frasi standard, preconfezionate e ripetute “a pappagallo”, ritengo giusto insistere, ritengo giusto resistere, ritengo giusto combattere anche con le parole, per quanto futili possano sembrare, l’attuale stato di cose.

Perché centodiciassette, centosettanta, duecento, duecento mila morti in mare (ci arriveremo) non possono e non devono lasciarmi indifferente.

Non li chiamerò più nemmeno “migranti”, ma esseri umani, disperati e condannati a morte perché nati e vissuti nella parte sbagliata del mondo.

Attenzione: non è “sfortuna”, la loro.

Cito spezzo padre Alex Zanotelli (che nessuno finora ha smentito) e lo faccio ancora: la parte immensamente più fortunata del mondo, quella dove abitiamo noi, ha sfruttato e ancora sfrutta l’Africa in tutti i modi possibili e immaginabili, lasciando che le popolazioni si scannino tra loro, perché le armi bisogna venderle, perché il petrolio, il coltan e tante altre materie prime, come l’uranio, ci servono e siccome “a casa nostra” non ne abbiamo, ce le andiamo a prendere lì, con qualsiasi mezzo e a qualsiasi costo.

“Casa loro” non esiste, non ce l’hanno più, ma fare orecchie da mercante è molto più facile: in questo maledetto periodo, aumenta il consenso elettorale e porta voti.

Attenzione: nelle ultime ore si danno un sacco di colpe alla Francia, che di sicuro non è innocente e ha ancora enormi interessi in Africa, ma ce li abbiamo anche noi: la prima che mi viene in mente è la piattaforma petrolifera “Zohr” dell’ENI, a largo delle coste egiziane, giusto per dirne una… Potrei citare anche molte altre nazioni europee, oppure la sempre più inconsistente Europa nel suo insieme… 

Non basta: in questi giorni, in queste ore, le milizie del governo brasiliano ora in mano a Bolsonaro, stanno spazzando via gli indios dalle loro terre perché servono legname e spazio per costruire autostrade e chissà che altro, nel nome del “progresso” e affanculo l’Amazzonia. Tutto questo nel totale silenzio della comunità internazionale, distratta dal nuovo muro che vuole innalzare Trump contro altri profughi stavolta provenienti dal Messico…

Non solo: c’è un idiota neonazista, credo austriaco, che ha potuto tranquillamente affermare, oggi gennaio 2019, mentre sta per cominciare la Giornata della Memoria in ricordo della Shoah, che Salvini è l’unico che in Europa sta difendendo la razza bianca… E le elezioni europee sono dietro l’angolo…

Sono spaventato, atterrito, non credevo saremmo tornati a tutto questo: spero non avvenga, ma questa debolissima Europa sta scricchiolando da tutte le parti, ci sono disordini in Francia con i gilet gialli, in Grecia per il nome della Macedonia, è scoppiata – di nuovo! – un’autobomba a Londonderry…

Non ho figli, ma se li avessi chiederei loro perdono per non essere stato capace di evitare che il mondo prendesse questa deriva sempre più nera

L’unica cosa che sono capace – forse – di fare è dunque scrivere, per cui lo faccio e così manifesto, ricordate, finché mi è ancora possibile, il mio pensiero di uomo libero.

Lo stesso che mi ha spinto a ripescare una coraggiosa risposta a quella frase che – a noi “buonisti”, “radical – chic”, “orfani del PD”, “rosiconi” e così via, di amenità in amenità, ma realisticamente sempre più asserragliati in un Fort Alamo intellettuale e culturale dal quale non sappiamo ancora come venir fuori, bisogna ammetterlo – ci viene sbattuta in faccia ogni volta che proviamo a spiegare, dati e cifre alla mano, il fenomeno “migranti” o “profughi”.

Quella frase di cui parlavo all’inizio, che ognuno di voi s’è sentito o sentita opporre almeno una volta quando tentava di ragionare e far ragionare:

<< Perché non te li prendi a casa tua, questi profughi? >>

La replica a questo “slogan” non è mia, sembra l’abbia data per primo un ragazzo, uno studente, al quale vanno tutta la mia stima e ammirazione; è la seguente:

Non li prendo a casa mia perché sarei un incosciente presuntuoso a pensare che il problema di ciascuna di queste persone lo possa risolvere io in casa mia. Non li prendo a casa mia perché per queste persone serve altro e meglio di quello che so fare io, servono pratiche e organizzazioni che sappiano affrontare le necessità di salute, prosecuzione del viaggio, integrazione, lavoro, ricerca di soluzioni. Non li prendo a casa mia perché voglio fare cose più efficaci, voglio pagare le tasse e che le mie tasse siano usate per permettere che queste cose siano fatte bene e professionalmente dal mio Stato, e voglio anche aiutare e finanziare personalmente le strutture e associazioni che lo fanno e lo sanno fare. Non li prendo a casa mia perché quando c’è stato un terremoto e le persone sono rimaste senza casa non ho pensato che la soluzione fosse prenderle a casa mia, ma ho preteso che lo Stato con i miei soldi creasse centri di accoglienza e strutture adeguate, le proteggesse e curasse e aiutasse a ricostruire loro una casa. Non li prendo a casa mia perché se incontro una persona ferita o malata, chiamo un’ambulanza, non la porto a casa mia. Non li prendo a casa mia perché i problemi richiedono soluzioni adeguate ai problemi, non battute polemiche, code di paglia e sorrisetti auto-compiaciuti: non stiamo litigando tra bambini a scuola, stiamo parlando di problemi grossi e seri, da persone adulte.
E tra l’altro, possono rispondere in molti, qualche volta li prendo a casa mia.
Risposto. Passiamo a domande migliori, va’.

Davide De Vita

Recensioni: “B 17: ali sull’isola”, Alessandro Lai

copertina estesa b 17 per recensione

Buonasera e chiediamoci un perché.

Tranquilli, niente politica oggi, non mi va.

Chiediamoci invece perché leggere un libro per il quale mi sono offerto di fare il lavoro di revisione e editing.

La prima risposta è perché l’autore è un amico di vecchissima data e, presso la sua azienda di famiglia produce un miele (e altri prodotti affini) fantastico, che vi invito ad assaggiare, ma non è il motivo principale.

Il motivo principale è che, con “B 17: ali sull’isola”, che da ieri è disponibile sul sito “ilmiolibro.it”, Alessandro Lai è riuscito a raccontare una bella storia e parlare di Sardegna a modo suo, con un suo stile molto personale che, a mio modo di vedere, di questi tempi non è poco.

Alla prima esperienza come scrittore, Lai mette in scena una vicenda nella quale s’intrecciano ricordi delle due guerre mondiali, la conoscenza e lo sviscerato amore per la terra di Sardegna e una non comune fantasia narrativa.

Ci prende quindi per mano e ci invita a seguire le avventure di un immaginario aviere statunitense che, dopo aver attraversato gli Stati Uniti per finire a bordo di una “fortezza volante”, il “B – 17 “del titolo, si trova impegnato col suo equipaggio in una delle più feroci battaglie aeree svoltesi nei cieli del Mediterraneo durante la Seconda Guerra Mondiale. Il suo aereo avrà la peggio, ma lui si salverà paracadutandosi e atterrando in Sardegna, più precisamente nel Supramonte selvaggio.

Qui entrerà in contatto con una banda di latitanti e, soprattutto, con l’altro co-protagonista del romanzo, tale Borore Tanas di Oliena, figura sì altrettanto immaginaria, ma che racchiude in sé quanto l’Autore ha raccolto e conosce sui banditi e sul banditismo sardo, sulle montagne per le quali i banditi si muovono, sulla vita, gli usi, i costumi, le tradizioni e le usanze della società agro-pastorale sarda di ottanta e più anni fa.

Altri ne hanno scritto e ne scriveranno ancora, magari con il lustro di titoli accademici, però Lai ci mette del suo e lo fa con grande cuore e passione: tutto questo, oltre a dare una vena di romanticismo al testo (che non guasta) gli conferisce lo stesso profumo del pane carasau appena sfornato o lo stupore che conquista chiunque si trovi per la prima volta nella valle di Lanaittu o nell’incredibile rifugio naturale di Tiscali.

Non mancano i racconti di guerra, narrati da Tanas intorno al fuoco, come si faceva un tempo, nei quali lo stesso personaggio acquista ancora più spessore essendo anche un veterano della Grande Guerra che ha conosciuto Emilio Lussu…

“B 17” è insomma una lettura piacevole e sorprendente, scritto da chi, ex sottufficiale di Marina e trekker professionista, proprio durante un periodo difficile della sua vita ne ha voluto fare un dono d’amore per sua moglie, sua figlia e l’aspra e selvaggia terra di Sardegna.

Davide De Vita

Adesso.

befana polidori

Buongiorno, buona domenica, buona Epifania e chiediamoci un perché.

Non lo ricordavo, così sono andato a cercare il significato della parola “epifania”: beh, significa “manifestazione della (o delle, poiché in greco era al plurale) divinità”, nella religione cristiana si riferisce alla prima apparizione di Cristo; significa anche “rivelazione”; dal greco epiphàneia, manifestazioni della divinità, dal verbo epiphànein, composto di epì “dall’alto” e “phànein” apparire. Come da questo significato profondo si sia giunti alla vecchietta dalle fattezze di una strega è altra storia, interessante anche quella, ma non è ciò di cui voglio parlare, se non a fine pezzo, perciò mettetela da una parte e, se vi va, seguitemi.

Oggi voglio parlare, invece e finché mi sarà ancora consentito (guardate che non è così scontata, non è “gratuita” la libertà di pensiero e di parola, è stato versato del sangue, molto, perché voi ed io ne potessimo godere, ma ci dimentichiamo fin troppo spesso anche di quello…) di quanto, forse, sia già troppo tardi, per tutto…

Sto parlando di politica?

Sì, forse la sto pure facendo, nel mio piccolissimo.

Perché, nonostante scriva quasi ogni giorno “quand’è che è troppo?” a corredo dei miei post, evidentemente per tanti, per troppi non lo è mai, non lo è ancora.

Pure, la gente muore, continua a morire in mare, ora gelido ma che è già “concimato”, passatemi il termine, con migliaia, decine di migliaia se non di più, di cadaveri di cui, abbiamo almeno il coraggio di ammettere questo, a molti non è mai fregato, non frega e non fregherà niente.

Sono “altro da noi”, diversi, neri, magari puzzolenti, “ci tolgono il lavoro” e così via.

Non è vero, non è assolutamente vero, non esiste la cosiddetta invasione, basta leggersi i dati ufficiali e dare uno sguardo alle percentuali sia europee sia mondiali.

Ah già, l’Europa, bella anche quella, inesistente, incapace e ipocrita: dura ammetterlo, ma su questo – mi sa solo su questo – sono d’accordo con “quelli là”.

Non leggiamo i dati ufficiali, dicevo e se lo facciamo o non li capiamo proprio o non li vogliamo capire. Non lo facciamo, non lo vogliamo fare, è più facile credere a ciò che ci piace sentirci dire, “quello lìè uno tosto, sta ripulendo l’Italia, lui sì che ci sa fare e via di questo passo.

Semplicemente, non è vero.

Così come, sia ben chiaro, non hanno fatto molto meglio i suoi predecessori: anche questo non può essere motivo di vanto e, purtroppo, è vero.

Questo però non mi impedisce di affermare, sostenere con forza che ritengo quello attuale un governo di incapaci e incompetenti e che il prezzo del suo scellerato operato lo pagheranno le prossime generazioni, proprio anche i figli di leghisti e pentastellati ora osannati su e giù per la Penisola, anzi, isole comprese…

Attenzione però, lo ripeto ancora: se al governo c’è questa classe di mediocri come mai se n’è vista, senza titoli, senza la minima preparazione in qualsivoglia campo, presuntuosi al punto da voler dialogare alla pari con scienziati di chiara fama quando non premi Nobel, non è merito loro.

È colpa nostra, che li abbiamo lasciati fare.

È colpa nostra, che ci siamo girati troppe volte dall’altra parte, convinti, presuntuosamente anche noi, che “il tutto si sarebbe sgonfiato presto da sé.”

Sono nati esattamente nello stesso modo il fascismo in Italia e il nazionalsocialismo in Germania e non sono paragoni esagerati: è, semplicemente, Storia, basta studiarla.

L’ultima – di una lunga serie – scena di questa grottesca rappresentazione è il vicesindaco di Trieste che butta via i vestiti di un barbone prima vantandosene sui social, poi ritrattando il suo stesso post vista la mala parata…

Successero cose simili agli ebrei, poi lo sappiamo – nonostante i tentativi dei “negazionisti” di ridurre o eliminare dalla memoria quell’orrendo sterminio – come andò a finire.

Allora, tornando alla o alle “epifanie”, qui e ora più che alla “manifestazione di una o più divinità” stiamo assistendo, ogni giorno, alla manifestazione degli aspetti più vili e meschini dell’umanità.

Questo mi spaventa, è grave, gravissimo, non è da prendere sottogamba, se lo facessi me ne pentirei, direi tra non molto a me stesso (e a voi che avete la pazienza di leggermi, bontà vostra): perché non hai fatto, o almeno scritto, o almeno detto qualcosa, quando ne avevi ancora il tempo e la possibilità, prima che succedesse?

Beh, quel “prima” è proprio adesso.

Lo sto facendo, io che non ho figli, anche per i vostri, perché un giorno non siano loro a farvi – quando ormai sarà troppo tardi – quelle stesse domande.

Non sono solo io, intendiamoci, sono solo uno dei tanti che ci prova, ma appunto pur essendo tanti, non siamo abbastanza, non ancora almeno.

Riprendendo il discorso sul “voltare la faccia dall’altra parte”, invece, facciamo, perché ci conviene, come le celebri tre scimmiette: non vediamo, non sentiamo, non parliamo.

L’aria che tira è questa, perciò la seguiamo, da campioni del mondo di opportunismo quali siamo e forse siamo sempre stati.

Ci piace l’“uomo forte”, penserà lui a tutto, perché dovrei farlo io?

Perché, semplicemente, ho occhi per vedere, orecchie per sentire, bocca per parlare e, soprattutto, una mente per ragionare con la mia testa.

E tutto questo, non da adesso, ma da parecchio, non mi va, non mi va per niente giù.

Chi me lo fa fare?

L’incrollabile speranza che un futuro migliore sia, nonostante tutto, possibile, lo si possa costruire – rubando una frase al Vangelo – insieme, donne e uomini di buona volontà.

Non solo: la certezza che esistano altre strade, vie che ripudiano l’odio, l’intolleranza, il razzismo, l’incomprensione.

Vie faticose e sempre in salita perché, come lessi una volta, con lo zaino sulle spalle “la strada piana non porta mai in alto.”

Crescere è faticoso, maturare è faticoso, studiare è faticoso, lavorare con coscienza e responsabilità è faticoso, ragionare è faticoso: le altre vie sono ignobili scorciatoie, degne di donne e uomini ignobili.

Sarò l’ultimo degli utopisti, dei sognatori?

Può darsi: ma è seguendo dei sogni, ispirandoci ad essi che, per esempio, alla fine sulla Luna ci siamo arrivati.

Se questo è fare politica, mi sta bene, ci sto, mi ci sporco le mani e come sempre ci metto faccia e firma.

Mi schiero, perché la penso come padre Zanotelli, l’ho scritto di recente, credo che anche Dio stesso sia schierato, con gli ultimi, i poveri, gli schiavi, gli oppressi.

Senza tirarla tanto per le lunghe sì, o Salvini (e vista la brutta virata verso destra anche dei Cinque Stelle…) e il “Movimento”, oppure il Vangelo e i suoi valori, che mai come in questi ultimi tempi hanno assunto un sapore rivoluzionario.

Non è più tempo di imitare le tre scimmiette, è tempo di muoversi, agire e reagire, con le parole e la non violenza, sempre, ma bisogna smetterla di voltarsi dall’altra parte e prendere posizione, prima che sia troppo tardi, prima che “gridino le pietre”.

Non ci sono più scuse, bisogna farlo…

Adesso.

Davide De Vita

 

Recensioni: “Prima che gridino le pietre”, padre Alex Zanotelli.

Prima che gridino le pietre immagine per blog

Buongiorno, buon anno e chiediamoci un perché.

Perché, per esempio, leggere (e capire bene) “Prima che gridino le pietre” non è diventato ormai necessario, ma indispensabile?

Perché quest’urlo di “santa collera” (cit.) di padre Alex Zanotelli è illuminante, smentisce ancora una volta tutte le menzogne che ci sono state propinate in questi ultimi anni, ultimi mesi, con dati alla mano raccolti da chi, per decenni, “a casa loro” ci ha vissuto, la conosce, la ama pur devastata da secoli dalla cosiddetta civiltà dell’uomo bianco occidentale (ma non solo).

Il libro comincia col racconto di una miniera di sale controllata dai francesi (sì, i nostri “cari cugini d’oltralpe” …) nel diciannovesimo secolo. Lì erano les italiens a vivere nelle baracche, ad essere sfruttati ai limiti della schiavitù, ad essere accusati di puzzare e di essere sempre ubriachi oltre che pigri… Beh, prendete tutte, proprio tutte le accuse che oggi rivolgiamo agli immigrati e calatele in quel contesto: ora avete il quadro completo, preciso. Aggiungete poi il diffondersi di una falsa notizia di un gravissimo crimine (poi rivelatasi assolutamente infondata) e il gioco è fatto: l’odio esplose, ci furono morti, una strage.

Questo è quanto: l’odio non porta ricchezza, non è di certo portatore di pace, genera soltanto altro odio e violenza sempre più feroce.

“Casa loro”, dicevamo.

A “casa loro”, l’Africa, la schiavitù, quella proprio delle navi negriere, delle catene, degli indicibili inferni, l’abbiamo portata noi, bianchi “civili” e “bravi cristiani”, spesso giustificandola citando la Bibbia… Beh, a loro e ai loro discendenti questa cosa (chissà come mai… ) non è andata giù, è rimasta come un marchio indelebile nell’anima che li ha sempre fatti sentire – mentre noi gettavamo benzina sul fuoco e magari anche un bel po’ di loro stessi – inferiori.

Noi, invece, cari signori, tutti quanti, tutta l’umanità, dall’Africa discendiamo: l’uomo come lo conosciamo è nato qui. Solo questo dovrebbe farci riflettere e non poco, in un mondo ideale…

Questo però non è un mondo ideale: questo è un mondo dove l’Africa, da sempre, è il grande magazzino gratuito (o quasi) dell’Occidente industrializzato, ma non solo: anche gli stati arabi e di recente i cinesi (che stanno comprando vastissime aree di territorio a prezzi stracciati) se ne sono accorti e si servono comodamente, prendendo quello che vogliono.

Avete un cellulare o un pc?

Se state leggendo queste righe, evidentemente sì. Ne scrissi tempo fa, ne hanno scritto in tanti prima di me e ne scriveranno ancora: la maggior parte di questi apparecchi è costruito col coltan, una sorta di silicio indispensabile per il loro funzionamento.

Questo materiale è estratto da bambini e bambine, uomini e donne ridotti in schiavitù (sì, ancora oggi duemila diciannove appena cominciato) dai signori della guerra che controllano le aree nelle quali si trovano le miniere a cielo aperto e che lucrano vendendolo ai grandi colossi occidentali, inutile fare i nomi delle varie aziende, non ne manca una.

Ci sono poi l’uranio, il legname pregiato, l’oro, i diamanti, il petrolio

Per non parlare del fantastico sbocco del traffico d’armi internazionale: anche all’interno di uno stesso stato africano (di tanti di essi…) ci sono varie fazioni, i cui eserciti più o meno raffazzonati hanno – tutti – fame di fucili mitragliatori automatici e mine antiuomo (giusto per fare qualche esempio).

Armi che molto spesso, vista l’altissimo tasso di mortalità in generale, non solo infantile, finiscono tra le mani dei bambini-soldato.

All’Occidente questo stato di cose fa comodo, è sempre stato così: le nefandezze commesse “a casa loro” da noi italiani (“brava gente”?) in Etiopia, Eritrea, Somalia non sono state dimenticate. Non sono stati da meno però francesi, inglesi, tedeschi, belgi. Tutti hanno preso, depredato, stuprato, incendiato, distrutto tutto ciò che volevano e in certi casi continuano a farlo impunemente. Chi osa opporsi a questo stato di cose, oggi, è torturato, stuprato, ucciso insieme a tutta la sua famiglia…

Ecco perché scappano da “casa loro”: quella è casa loro.

Non ditemi che non sareste contenti anche voi di essere violentati, abusati, torturati davanti a vostra madre e alla vostra famiglia intera mentre a tutti loro viene tagliata la testa e altre parti del corpo, a “casa vostra”, no?

Mi raccomando, non vi venga in mente di fuggire (e perché?), potreste sempre sperare nell’aiuto “a casa vostra” di un Salvini di turno…

Padre Zanotelli è cristallino anche su questo:

o la Lega di Salvini (ma anche la Lega prima di lui) o il Vangelo.

Non c’è scampo, per chi ha ancora una coscienza.

Non evita di puntare il dito anche contro la “sua” Chiesa, colpevole, con i suoi rappresentanti a vario titolo, di essersi voltata fin troppe volte “dall’altra parte”.

Perché, afferma ma sembra di sentirlo urlare, con quella “santa collera” di cui sopra:

<< Dio è schierato, è il Dio degli oppressi, degli schiavi, dei poveri. >>

Concetto che non stride nemmeno un po’ col messaggio evangelico.

Zanotelli, inoltre, riconosce a papa Francesco il merito di parlare apertamente di queste cose, di aver fatto discorsi importanti su questo tema.

Però lo vede solo, troppo solo.

Il testo prosegue descrivendo con dati, cifre, statistiche precise e non modificate a favore della propaganda in eccesso o per difetto (tutti dati verificabili da chiunque, basta volerlo fare davvero e ragionare con la propria testa…) la reale situazione dei più noti stati africani dai quali provengono i migranti.

I quali, in tutta Europa, sono un numero enormemente inferiore a quello che ci si vuole far percepire per incrementare la paura del “nero a chilometro zero” e con quel terrore, il consenso di chi ora è al governo.

Non manca di spiegare molto bene come funziona davvero il sistema inefficace dei centri di accoglienza diversi dal modello SPRAR, che invece ritiene sì anche quelli migliorabili, ma già un buon passo nella giusta direzione. Il libro andava in stampa mentre Mimmo Lucano, sindaco di Riace, veniva fermato con diversi capi d’accusa; il “modello Riace” però nel frattempo è diventato famoso nel mondo, mentre molti di quegli stessi capi d’accusa non hanno trovato fondamento giudiziario. Il tutto è ancora in corso, staremo a vedere.

Tornando al business dei migranti, Zanotelli spiega, dati alla mano, come quei famosi trentacinque euro per migrante finiscano invece sempre e per la maggior parte nelle mani di albergatori e “benefattori” senza scrupoli, che gestiscono questi “centri” (diffusi in tutta Italia, da nord a sud isole comprese) come facevano gli agenti delle “riserve indiane” nel West dei giovani Stati Uniti della fine Ottocento…

Dalla Storia, però, non vogliamo imparare mai.

Concludo con quella che nel libro è una “piccola premessa”:

<< Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (Unhcr), i rifugiati nel mondo sono sessantacinque milioni, l’86 per cento dei quali è ospitato nei paesi più poveri. Appena il 14 per cento si trova nell’Occidente ricco e sviluppato. Eppure l’Europa si sente sotto assedio, si sente invasa, reagisce con paura e ostilità, erge muri, srotola filo spinato, chiude i porti, respinge i migranti. Quella stessa Europa che pretende di essere l’esempio della civiltà tollera episodi di discriminazione e xenofobia. Gli italiani, emigrati negli anni in tutto il mondo, hanno dimenticato la loro storia, o fanno finta di non ricordarla. >>

Perché dunque leggere e comprendere bene questo libro è indispensabile?

Perché, tra le altre cose, è uno degli strumenti pacifici che abbiamo per difendere il futuro prossimo, prima che gridino le pietre.

Il 23 e il 26 maggio 2019 ci saranno le prossime elezioni europee.

“Prima che gridino le pietre – manifesto contro il NUOVO RAZZISMO”, padre Alex Zanotelli, chiarelettere, 2018

Davide De Vita

 

“Quinte Emotive” presenta ad Iglesias “Il berretto a sonagli” di Pirandello

Quinte Emotive scena corale 1

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Perché, per esempio, la Verità spesso ci atterrisce, sgomenta e terrorizza?

Fermi, calmi, zitti e buoni.

Non è necessario rispondere subito: sono millenni che l’Uomo si pone questa domanda e ancora stiamo tutti cercando una risposta accettabile, oppure accettabile per noi, per ciascuno di noi, intendo.

C’è chi la trova nella Fede, chi nelle formule della realtà scientifica, chi un ideale sociale e politico e così via.

Un signore che si chiamava Luigi Pirandello[1] ha provato a rispondere a modo suo a questa domanda, scrivendo nel 1916 “Il berretto a sonagli”[2], logica prosecuzione delle novelle “La verità” e “Certi obblighi”.

La commedia, nella quale il “berretto” altri non è che quello del buffone, del giullare, per tutti simbolo della vergogna, del disonore e dello scandalo, ma sotto il quale chi lo indossa – pur tacciato di follia – dice appunto la verità che non vogliamo vedere e sentire, è stata portata in scena ad Iglesias dalla compagnia teatrale “Quinte emotive”[3] al Teatro Electra, domenica sera 16 dicembre.

Il teatro era pieno e lo spettacolo, andato in crescendo sia per il molto apprezzato “lasciarsi andare ai personaggi” degli attori sia per la calorosa risposta del pubblico, che alla fine non ha lesinato applausi.

Personaggi e interpreti: Cristina Pillola “Beatrice”, Giusy Fogu “Saracena” e “Assunta, madre di Beatrice”, Gisella Biggio “Fana”, Andrea Zucca “Fifì”, Leonardo Pani “Ciampa”, Efisio Deiola “Delegato Spanò”, Manuela Perria “Nina, moglie di Ciampa”. Musiche dal vivo Pinuccio Pumoni, costumi Rosa Pinna, audio – luci Service Eventi. Regia di Paolo Angioni.

Giusy Fogu, presidente di “Quinte Emotive” e in quest’occasione portavoce della compagnia (nella piece interpreta sia la “Saracena” sia la madre di “Beatrice”), spiega il lungo, faticoso e impegnativo percorso che ha portato attori e regista fino al palco dell’Electra.

<< Abbiamo scelto tempo fa Pirandello in contemporanea con “Il processo” o poco prima, per avere un classico in repertorio. Consapevoli che col tempo della preparazione, saremmo andati in scena ai 100 anni dalla prima messa in scena dell’opera, avvenuta il 27 giugno 1917 a Roma. Il “Berretto a sonagli” si adattava inoltre al numero e alla tipologia degli attori che potessero comporre il cast. Una scelta nata come una sfida a crescere ancora che il regista, accogliendo la nostra richiesta di un simile spettacolo, ci ha proposto. >>

<< Un lavoro spianato >> prosegue l’attrice << per quanto riguarda la dizione, che abbiamo cercato di curare meglio con l “esercizio” (virgolette obbligatorie) dello spettacolo sul “Processo” di Francoforte. Pirandello necessitava anche di questa particolare preparazione, che stiamo ancora curando in quanto consapevoli della necessità di anni di studio. Per questo la preparazione del “Berretto” è durata circa un anno, ma ormai con quella dell’“Electra” siamo arrivati alla dodicesima replica e ci sentiamo molto stimolati a continuare a crescere >>

<< Iglesias come ha risposto e risponde? >> chiedo

<< La città ha fame di cultura e di teatro. Purtroppo spesso mancano spazi idonei, adeguati, per esempio per portare avanti il laboratorio di “teatro sociale” al quale la nostra compagnia tiene molto. Abbiamo alle spalle lunghi anni di onesto e faticoso lavoro, oggi siamo andati in scena davanti al teatro pieno e non può che farci piacere, ma bisogna pensare anche in prospettiva. Abbiamo molto apprezzato la presenza del sindaco Mauro Usai e dell’assessore alla cultura e allo spettacolo Claudia Sanna, speriamo che loro abbiano apprezzato noi. Non abbiamo, infatti, ancora una sede definitiva, se non due stanze per le riunioni. Dove lavoriamo da circa nove anni prima come laboratorio Arci poi come Compagnia vera e propria siamo per così dire ospiti, ma il nostro progetto di “Teatro sociale” di cui accennavo prima è fermo proprio a causa della mancanza di ambienti adeguati. Abbiamo visto entusiasmo e raccolto applausi, confidiamo in qualcosa di più concreto. >>

La compagnia teatrale “Quinte emotive” di Iglesias è tra le compagnie locali selezionate dal CeDAC[4] per completare il prestigioso cartellone teatrale della prossima stagione a Carbonia.

Sipario, applausi.

Davide De Vita

cartellone stagione teatrale Carbonia

[1] Luigi Pirandello:

(Girgenti, 28 giugno 1867Roma, 10 dicembre 1936) è stato un drammaturgo, scrittore e poeta italiano, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1934. Per la sua produzione, le tematiche affrontate e l’innovazione del racconto teatrale è considerato tra i maggiori drammaturghi del XX secolo. Tra i suoi lavori spiccano diverse novelle e racconti brevi (in lingua italiana e siciliana) e circa quaranta drammi, l’ultimo dei quali incompleto.

[2]Il berretto a sonagli” è una commedia in due atti di Pirandello; il titolo si riferisce al cappello che una volta portavano i buffoni ed era noto a tutti come il “copricapo della vergogna”; la trama si snoda in una non meglio precisata cittadina siciliana dell’interno ed è ambientata nei primi anni del Novecento (1916) con la Grande Guerra appena cominciata ma lontana da quel contesto. Riprende le tematiche già affrontate dall’autore nelle due novelle “La verità” (1912) e “Certi obblighi” (sempre 1912).

La trama: Beatrice Fiorica, gelosa e insoddisfatta, vuole denunciare al delegato Spano’, amico di famiglia, il tradimento del marito, cavalier Fiorica, con la giovane moglie del suo scrivano Ciampa, anziano e a conoscenza dei fatti, che tollera la situazione purché venga salvato il suo “pupo”, cioè la sua rispettabilità e la “faccia”. Inutilmente questi cerca di evitare la denuncia tentando di persuadere Beatrice a girare la corda “seria” quella che fa ragionare ed evita i disastri. Secondo Ciampa portiamo tutti sulla fronte tre corde come d’orologio: “la seria, la civile, la pazza. Sopra tutto, dovendo vivere in società, ci serve la civile, per cui sta qua in mezzo alla fronte…; su la tempia destra, c’è la corda seria, per parlare seriamente, a quattr’occhi; a sinistra la corda pazza…quella che fa perdere la vista degli occhi…  ed uno non sa più quello che fa”. Beatrice però non ci vuol sentire da quell’orecchio e fa scoppiare lo scandalo, ma tutta la famiglia le va contro: madre, fratello, serva e così alla fine il delegato cerca di far apparire che non c’è stato alcun rapporto tra il cavaliere e la giovane Nina Ciampa. Ma è proprio al Ciampa, al marito tradito, che la cosa non va più bene, egli è offeso e ferito, tutti sanno ora, dopo tutto quel chiasso, che porta “il berretto a sonagli”, il cappello da buffone e da becco, e vuole la rivincita. Sarà la signora Beatrice che si è tolta il capriccio di far girare la corda “pazza” a subire le conseguenze dello scandalo e a salvare il buon nome del Ciampa. Come? Facendosi ricoverare per tre mesi in un manicomio… Si è comportata da pazza, “…Ha bollato con un marchio d’infamia tre persone: uno, d’adulterio; un’altra, di sgualdrina e me (Ciampa), di becco. Deve dimostrare di essere pazza-pazza davvero- da rinchiudere!… Bisogna chiuderla! Bisogna chiuderla!  …È pazza! È pazza!” La commedia termina con una ‘orribile risata di Ciampa, risata di rabbia, selvaggio piacere e disperazione ad un tempo.

[3] La compagnia teatrale “Quinte Emotive”:

La compagnia nasce dopo molti anni di laboratori teatrali gestiti dal Centro Iniziative Culturali gestito dall’ARCI di Iglesias e tenuti dall’attore professionista argentino Coco Leonardi; questi parteciperà nel 2011 alla fondazione della Compagnia stessa; con la guida, la regia e la direzione artistica di Leonardi gli attori della compagnia hanno lavorato secondo il metodo Stanislavskij, basato sull’approfondimento psicologico del personaggio e la ricerca di affinità tra il mondo interiore di quest’ultimo e quello dell’attore. Ha debuttato sempre nel 2011 con “Memorie di un tavolo” e vanta ad oggi più di cinquanta repliche dei suoi spettacoli, andati in scena ad Iglesias, Cagliari, Carbonia, Mogoro, Serramanna, Sinnai, Assemini, Sant’Antioco, Monserrato. Ha vinto nel 2016 la prima edizione del “Premio di teatro Amelia Camboni” indetto dal Comune di Villamassargia; attualmente ospitata presso i locali dell’ex mattatoio di Iglesias, prosegue con il nuovo regista e attore Paolo Angioni il lavoro di formazione, seguendo corsi di dizione e approfondimento del metodo già citato. È affiliata UILT (Unione Italiana Libero Teatro); lo spettacolo “Il processo”, liberamente tratto da “L’istruttoria” di Peter Weiss è il primo lavoro messo in scena dalla Compagnia per la regia di Angioni; è stato inserito nelle manifestazioni per la “Giornata della memoria 2017” ed è stato richiesto da alcuni istituti scolastici come materia di studio relativa alla persecuzione nazista.

Compongono l’Associazione Culturale Teatrale “Quinte Emotive”: Giusy Fogu col ruolo di presidente, Leonardo Pani vicepresidente, Manuela Perria segretaria; M. Cristina Pillola tesoriere; Gisella Biggio socia; Corrado Cicilloni socio; Efisio Deiola socio.

[4] CeDAC: Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna.

 

 

Urticante.

urticante foto

Buonasera e chiediamoci un perché.

Ce lo chiederemo a lungo, stavolta, se lo chiederanno per sempre i genitori di quei ragazzini, poco più che bambini, morti in quel modo assurdo, ancora da ricostruire, come sempre… E’ successo a Corinaldo, poteva accadere ovunque, triste affermarlo ma 

accadrà ancora

Non c’è dolore peggiore di chi sopravvive ai propri figli, si usa dire, ma è una frase fatta, in questi casi la scelta migliore dovrebbe essere il rispettoso silenzio.

Il problema è che questa vicenda è urticante, non solo lo spray al peperoncino.

Ho aspettato qualche giorno per scriverne perché volevo provare a digerirla, metabolizzarla, farmene una ragione.

Non ci riesco, mi irrita, è – appunto – urticante, perché non si può e non si deve morire in quel modo e a  quell’età.

Intendiamoci, non si doveva morire nemmeno a Rigopiano (ce lo siamo già scordato, quell’albergo?) oppure sul ponte di Genova, ma i morti ci sono stati.

Perché non si sono rispettate le regole di sicurezza, non si sono fatti i lavori che si sarebbero dovuti fare, ci si è accontentati per l’ennesima volta dell’approssimazione e del pressapochismo:

“Fregatene, cosa vuoi che succeda…”.

Invece è successo e succederà ancora.

Siamo un popolo urticante: cerchiamo scorciatoie, andiamo oltre il compromesso lecito, se ci serve qualcosa, qualsiasi cosa, la vogliamo subito e più o meno gratis, quindi telefoniamo o mandiamo il messaggino di prammatica all’amico o all’amico dell’amico e così via.

Siamo noi la mafia, ce l’abbiamo in testa, poi tutti a fare i buoni (o buonisti, se volete…) dalla sicurezza della nostra casetta col portoncino blindato…

Il problema – urticante – non sono le canzoni di Sferaebbasta (che a me personalmente fanno schifo da tempo, ma ho l’età che ho e ricordo, anche se parliamo di galassie differenti per qualità di testi e musica, che a mio padre faceva schifo Lucio Dalla…) ma è proprio il nostro rassegnato modo di vivere, col quale entriamo in tantissimi in modalità “pecora” senza nemmeno scaricare l’apposita “app” …

E non me ne vogliano le pecore e i loro amici, era una metafora…

È urticante a mio avviso che genitori, insegnanti, altri che dovrebbero conoscere il mondo adolescenziale e giù di lì ignorino che i ragazzini e le ragazzine di oggi, fine duemila diciotto, parlino e/o “messaggino” da anni, quando ritengono di non essere “intercettati”, esattamente come canta Sferaebbasta. Se non ve ne siete ancora accorti, beh, forse è il momento di tentare di ripristinare il collegamento. Non ci piace questo linguaggio, truce e volgare, ma è quello che usano loro, fascia tra il “sono ancora un bambino e mi affaccio all’adolescenza”. 

Vai poi a spiegare che non sono consapevoli della ferocia contenuta nel termine “troia” che le ragazzine, già, le ragazzine, usano tranquillamente tra loro ogni tre per due…

Finito, da molto, il tempo di “mia figlia non userebbe mai simili termini” …

Davanti a lei magari no, signora, ma… La realtà è ben diversa.

Non abbiamo mai tempo per questi ragazzi, l’ho scritto forse un milione di volte, ma una delle chiavi è quella: il tempo. Se comprendessimo che ascolto va di pari passo, a braccetto con “rinuncia” (ad un po’ del nostro tempo, a qualche nostro “inderogabile” impegno) forse un passetto in avanti l’avremmo fatto e, udite udite, saremmo stati anche d’esempio. Invece no, questi mini-uomini e mini-donne che abbiamo messo al mondo sono così … Urticanti ai nostri occhi, tanto vale accontentarli sempre

così non rompono i coglioni.

(frase vera, ahimè, sentita pronunciare con le mie orecchie, da un genitore che pensava di essere pure molto “moderno” …).

Poi capita che questi ragazzini muoiano e ci si ritrovi a piangere fuori da una discoteca diventata l’inferno.

Certo, prima o poi (si spera…) si capirà chi è stato veramente responsabile, ma siamo in Italia e non si è ancora sicuri che Giulio Cesare sia stato veramente assassinato …

Non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello di sentirmi innocente: sono colpevole anch’io, sono urticante anch’io perché non ho fatto abbastanza, perché troppe volte ho guardato da un’altra parte, preferendo fingere di non vedere torti e storture evidenti e farmi i cazzi miei.

Questo siamo o siamo diventati.

Persone urticanti.

Altro che spray al peperoncino.

Con rabbia

Davide De Vita

Memesias : intervista esclusiva!

Memesias intervista immagine da proporre

Buonasera e chiediamoci un perché.

Anzi, un “perché no”?

Solita e doverosa premessa: questo è uno dei pezzi più seri che abbia mai scritto…

(Ehia, se vedi…) Insomma, forse… Forse no… Mah… 

Pero ci siamo divertiti tantissimo, anzi, come direbbero loro, in francese, un casino! 😊

Vabbè, la faccio breve: poiché ad Iglesias la seguiamo tutti, sì, anche tu che stai storcendo il naso (togliti le dita da dentro, anzi, che fa schifo… ) la leggi, lo so, me l’hanno detto loro… Ho pensato di azzardare un’intervista ai “Memesias”, o meglio allo staff che c’è dietro, se possiamo dire così. Gli accordi erano e sono rimasti: anonimato totale, niente incontri veri “di persona”, tutto solo scritto e solo on line.

E questi qua non hanno accettato la proposta?

That’s incredible!

Beh, ciò che segue è il risultato del nostro “incontro” 😊

Domanda 1: Ciao, cominciamo dall’idea: una pagina autoironica su Iglesias. Non me ne vorranno i nostri concittadini, ma si sfiora il paradosso, l’ossimoro… Scusate, avevamo detto niente parolacce…

Risposta 1: Ciao a te. “Ge sesi pagu ossimoro!” : sì, suona bene. Comunque una pagina autoironica su Iglesias era stata già creata (non da noi) anni fa ed era spassosissima: “Villano ecclesiae”.  E già da allora avevamo notato che questa cosa dell’ iglesiente che non ride è poco vera, la maggior parte di quelli che ci seguono ci mandano messaggi di incoraggiamento. Troppo toghi.

D 2: spiegate a me e a chi legge la scelta del nome della pagina?

R 2: Il nome? Due di noi che chiameremo “Gigino e Gigetto” stavano parcheggiando vicino a signora Bastiana e Gigino ha detto

<<Ma il nome della pagina lo abbiamo deciso?>>

Gigetto ha risposto:

<<Iglesias in breve? Per il Breve di Villa di Chiesa! >>

e Gigino:

<<Fa cagare. E memesias? Uniamo la parola meme a Iglesias. >>

Gigetto: 

<<Va bene, basta che esci la colazione.>>

Più o meno è andata così.

D 3: questa la tenevo da tempo in serbo (ma anche in croato): chi ve lo fa fare?

R 3: Boh? Ce lo chiediamo anche noi. Forse il Sindaco? (ahahahhahahaha ). No dai, In realtà siamo crastuli come tutti gli iglesienti. Speriamo solo di essere in grado di dire in maniera ironica e comprensibile quello che pensano gli iglesienti degli iglesienti.

D 4: Rispetto la vostra scelta, ma potete spiegare, se volete, perché rimanete anonimi?

R 4: Perché siamo ad Iglesias … E siccome per ogni meme che si mette qualcuno ha qualcosa da dire, non vogliamo ritrovarci teste di “tigoddiri” appese alla porta di casa. Lo preferiamo in un piatto con prezzemolo e aglio.

D 5: di recente qualcuno al quale evidentemente non piace la vostra ironia vi ha aspramente criticato: come ci siete rimasti, onestamente?

R 5: Non ci siamo rimasti male perché non sappiamo leggere, quindi non abbiamo idea di quali critiche tu stia parlando. Scherzi a parte, no non ci offendiamo sinceramente. Riceviamo screenshot di offese molto pesanti rivolte non solo alla battuta ma anche a noi personalmente (che non abbiamo un’identità quindi è come offendere Batman!). Ci ridiamo sopra e cerchiamo di replicare con ironia perché è quello che accomuna noi quattro  memesiani, la coglionaggine.

D 6: pare abbiate migliaia di “followers”, per usare un termine tanto di moda; vi fa piacere? Mirate ad averne molti di più? A quando il film? Ooops, scusate, sto esagerando!

R 6 : Ci fa piacere vedere che l’iNglesiente si riconosce in quello che scriviamo. Ci fa piacere sentire in un posto pubblico che si parla delle nostre battute e noi siamo li a ridere con loro. Ci sarebbe da dire:

Oh calloni lah che l’ho fatta io stamattina questa coglionata, la so già!”

Ma non fa. Più che fare un film, ci piacerebbe poter mettere meme con foto usando “personaggi” attualmente viventi di Iglesias… Ma ci servirebbe il permesso ….

D 7: come preparate i testi o le vignette? Vi incontrate di persona come una vera e propria redazione o … Ad catzium?

R 7 : Abbiamo una chat su WhatsApp , postiamo qualche vignetta o meme che troviamo carina e vediamo se ispira qualcuno di noi per la coglionate del giorno. Oppure parliamo del disagio iglesiente giornaliero e vediamo il primo di noi quattro che lo rende “meme”. Di solito funziona. Come puoi vedere, graficamente fanno schifo per la maggior parte delle volte, perché tra di noi le due donne e un uomo fanno le battute, il quarto uomo usa solo Photoshop e lo fa male. Non serbiri a nudda alla fine.

D 8: qual è la vostra età media?

R 8: 37,3.

D 9: quale ritenete sia la vostra età mentale?

R 9 : 4.

D 10: Qual è il pubblico al quale vi rivolgete?

R 10 : Facciamo roba nuova e roba vecchia. Citazioni di meme moderni legati anche alle figure e alla storia di Iglesias. In modo che chiunque le possa apprezzare. (questa risposta era serissima. Eh ascò non ci vengono is cazzarasa a comando!)

D 11: Perché avete accettato quest’intervista?

R 11 : Perché non ci caga nessuno. Grazie Davide, ci hai reso felici.

D 12: La domanda delle domande, la più importante, fondamentale: quante mattonelle ci sono in piazza Sella?

R 12 : Gli anni di quintino moltiplicato per il numero di frastimmi che lanci quando becchi un fosso in strada. Minchia, sempre!

Scherzi a parte davvero, ringrazio di cuore lo staff della pagina Facebook “memesias”, in quanto chi è capace di ironia e di autoironia, nonostante sembri non si prenda mai sul serio, dimostra invece intelligenza e capacità d’osservazione non comuni. Di questi tempi, merce rara e preziosa. 

Siete stati voi a rendere felice me, ragazzi, chiunque voi siate! 😉

Auguri per tutto! 

Davide De Vita

Bohemian Rhapsody il film: perché.

Bohemian rhapsody locandina film

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché andare a vedere (e sentire!) “Bohemian Rhapsody”, il film”?

Perché, come sempre a mio modestissimo parere, il film è bellissimo, epico.

Attenzione: la storia della band (i “Queen”[1]) è volutamente stravolta per esigenze cinematografiche e – pare – per espressa volontà degli unici due componenti rimasti in vita, uno dei quali è anche co – produttore della pellicola, per cui ha già fatto storcere il naso ai fan più sfegatati ed esigenti e, nei loro panni, sarei d’accordo con loro ma… Non sono un fan così accanito.

Mi piacciono le storie però e questa è una storia bellissima nonché drammatica, certo in più parti rimaneggiata (penso anch’io che gli altri componenti della band non fossero pulitini e perfettini come si è cercato di mostrarli, non è credibile dato il contesto storico – sociale degli anni Settanta e primissimi Ottanta) ma davvero godibile.  

Ho letto di interminabili vicissitudini occorse durante i vari tentativi di realizzare questo film, cambi di registi e ricerca di un attore adeguato al difficilissimo ruolo di Freddie Mercury[2], ma – ribadisco sempre secondo me – il risultato è ottimo.

Da spettatore medio, oserei dire qualunque come mi ritengo (non sono né un esperto di cinema né di musica), sono uscito dal cinema contento, nonostante abbia versato pure qualche lacrima, lo confesso senza il minimo pudore.

Questo perché la pellicola, la storia e la superba interpretazione di Rami Malek sono stati capaci di comunicare emozioni, il che di questi tempi non è per niente poco.

Così accetto – appunto da spettatore medio – la scelta di “simboleggiare” la miopia di un produttore (di cui non ricordo il nome ora) evidenziando la scena in cui Mercury si oppone al rifiuto dello stesso di accettare “Bohemian Rhapsody” in quanto troppo lunga (sei minuti circa) per essere passata dalle radio dell’epoca e se ne va dicendogli:

<< Passerai alla storia come l’uomo che ha rifiutato i Queen! >>

Oppure l’unica sequenza in cui – secondo me (ma anche di altri più illustri recensori) di nuovo con un’unica scena simbolica – si è voluto rappresentare sia il contrastato rapporto con la stampa e il feroce mondo dello showbiz (il mondo degli affari legato a quello dello spettacolo) e la voce dei Queen.

Oppure ancora la tormentata sessualità del cantante, descritta quasi con accenni – comprensibilissimi – ma mai volgari.

Oltre che intorno alla carismatica figura di Freddie Mercury e alla sua vita tormentata, la storia ruota intorno all’irripetibile concerto – evento del “Live – Aid”[3] tenutosi in Inghilterra allo stadio di Wembley (oltre che a Philadelphia, Sidney e Mosca) il 13 luglio 1985.

Il sottoscritto in quella data marciava in uniforme da fatica, da militare, sui marciapiedi del Centro Addestramento Reclute sotto il sole cocente di Salerno e sia dei Queen sia del Live Aid sapeva ben poco…

Le canzoni però le conoscevo, erano gli anni Ottanta, ignorarle era impossibile; brani come “Will will rock you” o la stessa “Bohemian Rhapsody” erano, insieme ad altri brani cosiddetti più commerciali di altri artisti, la colonna sonora di quelli e degli anni precedenti.

Lessi poi sempre più cose su Freddie Mercury, ascoltai con più attenzione le canzoni sue e della band e scoprii che mi piacevano molto, moltissimo.

Vidi poi alcuni video delle sue perfomance e rimasi allibito: un animale da palcoscenico inarrivabile, capace di conquistare il pubblico come nessuno.

Il video che posto è un pezzetto dell’esibizione di Wembley, per la quale un certo Elton John disse senza fronzoli:

<< Quel giorno Freddie Mercury ha rubato la scena a tutti. >>

Dove, per capirci, “tutti” erano, tra i tanti, personcine come lo stesso Elton John, Status Quo, Elvis Costello, David Bowie, Madonna, Led Zeppelin, B.B. King, Sting, Eric Clapton, Spandau Ballet, Duran Duran e così via…

Trecento milioni di dischi venduti, canzoni che resteranno nella storia non solo del rock ma della musica in senso più ampio.

<< Freddie maledetto Mercury >> (cit. dal film) con la sua sessualità ambigua, omosessuale, bisessuale, di certo affamato di libertà e troppo grande come artista per lasciarsi rinchiudere in una qualsiasi barriera o etichetta…

Una leggenda, un mito.

Una lezione per tanti che, oggi, pensano o credono di essere “bravi”.

Una lezione per chi, oggi quattordicenne o quindicenne, scopre cosa furono davvero quegli anni per la musica.

Da vedere e ascoltare al cinema.

Applausi.

https://www.youtube.com/watch?v=ri97Sk8Gw3s&ab_channel=theytrebel

Davide De Vita

Fonti: wikipedia

[1] Queen furono un gruppo musicale rock britannico, formatosi a Londra nel 1970 dall’incontro del cantante e pianista Freddie Mercury con il chitarrista Brian May e con il batterista Roger Taylor; la formazione storica si è poi completata nel 1971 con l’ingresso del bassista John Deacon.

La band, conosciuta come una tra le più importanti della scena musicale internazionale, ha venduto circa 300 milioni di dischi. Tra le più importanti canzoni del quartetto si ricordano Bohemian Rhapsody, inserita sia da critici sia da sondaggi popolari tra le migliori canzoni di tutti i tempi, Somebody to Love, We Are the ChampionsDon’t Stop Me Now e Crazy Little Thing Called Love di Mercury, We Will Rock YouWho Wants to Live ForeverI Want It All e The Show Must Go On di May, Radio Ga Ga e A Kind of Magic di Taylor e Another One Bites the Dust e I Want to Break Free di Deacon. La loro prima raccolta del 1981, Greatest Hits, risulta l’album più acquistato in assoluto in Inghilterra, con oltre sei milioni di copie vendute, preceduto solo da Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles nella vendita di oltre 25 milioni di copie in tutto il mondo.

Il gruppo ha riscosso nel corso degli anni un grandissimo successo di pubblico e ha avuto una forte influenza sulle generazioni e sui musicisti successivi. Nel 2001 la band è stata inclusa nella Rock and Roll Hall of Fame di Cleveland e, nel 2004, nella UK Music Hall of Fame. Inoltre, i quattro membri della band sono stati ammessi nella Songwriters Hall of Fame. I Queen, che attinsero principalmente al progressive, al glam rock e, soprattutto nei primi anni, all’hard rock, furono influenzati da generi musicali molto diversi, come heavy metal, gospel, blues rock, musica elettronica, funk e rock psichedelico.

Caratteristica del gruppo erano i loro concerti (707 in 26 nazioni dal 1971 al 1986) che, animati da Mercury, considerato uno dei più carismatici frontman di sempre,si trasformavano in spettacoli teatrali; la loro esibizione al Live Aid è stata votata da un vasto numero di critici come la migliore dell’evento. 

[2] Freddie Mercury, pseudonimo di Farrokh Bulsara (Zanzibar, 5 settembre 1946 – Londra, 24 novembre 1991), è stato un cantautore, musicista e compositore britannico di origini parsi.

Ricordato per il talento vocale e la sua esuberante personalità sul palco, è considerato uno dei più celebri e influenti artisti nella storia del rock: universalmente riconosciuto come uno dei migliori frontman nella storia della musica, nel 2008 la rivista statunitense Rolling Stone lo classificò 18º nella classifica dei migliori cento cantanti di tutti i tempi, mentre l’anno successivo Classic Rock lo classificò al primo posto tra le voci rock.

Fu fondatore nel 1970 dei Queengruppo rock britannico di cui fece parte fino alla morte. Per i Queen fu autore della maggior parte dei brani, tra i quali si annoverano successi come Bohemian RhapsodyCrazy Little Thing Called LoveDon’t Stop Me NowIt’s a Hard LifeKiller QueenLove of My LifePlay the GameSomebody to Love e We Are the Champions. Oltre all’attività con i Queen, negli anni Ottanta intraprese la carriera solista con la pubblicazione di due album, Mr. Bad Guy (1985) e Barcelona (1988), quest’ultimo frutto della collaborazione con la cantante soprano spagnola Montserrat Caballé, il cui singolo omonimo divenne l’inno ufficiale dei Giochi della XXV Olimpiade svoltisi a Barcellona.

Ammalatosi di AIDS, sviluppò a causa di ciò una grave broncopolmonite e altre gravi patologie che lo portarono a una prematura morte, sopravvenuta il giorno seguente alla pubblica dichiarazione del suo grave stato di salute. In suo onore, il 20 aprile 1992 fu organizzato il Freddie Mercury Tribute Concert, al quale parteciparono molti artisti musicali internazionali; i proventi dell’evento furono utilizzati per fondare The Mercury Phoenix Trust, organizzazione impegnata nella lotta all’HIV, il virus alla base della sindrome da immunodeficienza acquisita.

Dopo la sua morte uno dei più celebri tributi a lui dedicati è stata la statua ritraente il cantante nella sua famosa posa che si affaccia sul Lago Lemano, in Svizzera, tra le altre numerose erette in suo onore nel corso degli anni. In occasione di quello che sarebbe stato il suo settantesimo compleanno, nel settembre del 2016 l’asteroide 17473, scoperto nel 1991 (anno della scomparsa dell’artista), è stato rinominato 17473 Freddiemercury.

[3] Il Live Aid è stato un concerto rock tenutosi il 13 luglio 1985 in diverse località. L’evento è stato organizzato da Bob Geldof dei Boomtown Rats e Midge Ure degli Ultravox, allo scopo di ricavare fondi per alleviare la carestia in Etiopia. È diventato uno dei più grandi eventi rock della storia, caratterizzando gli anni Ottanta.

Fu presentato come un jukebox globale, e i luoghi principali dell’evento furono il Wembley Stadium di Londra con circa 72.000 presenze, e il John F. Kennedy Stadium di Filadelfia con approssimativamente 90.000 presenze; altri luoghi furono Sydney e Mosca. È stato il più grande collegamento via satellite e la più grande trasmissione televisiva di tutti i tempi: si stima infatti che quasi due miliardi di telespettatori in 150 paesi assistettero alla trasmissione in diretta. Il concerto è stato concepito come seguito di un altro progetto di Geldof e Ure, un singolo a scopo benefico eseguito da un gruppo di artisti provenienti dal Regno Unito e dall’Irlanda, chiamati Band Aid.

Il concerto crebbe di dimensioni man mano che si aggiungevano nuovi musicisti dalle due parti dell’Oceano Atlantico. La raccolta di fondi superò gli obiettivi.

 

[3] Il Live Aid è stato un concerto rock tenutosi il 13 luglio 1985 in diverse località. L’evento è stato organizzato da Bob Geldof dei Boomtown Rats e Midge Ure degli Ultravox, allo scopo di ricavare fondi per alleviare la carestia in Etiopia. È diventato uno dei più grandi eventi rock della storia, caratterizzando gli anni Ottanta.

Fu presentato come un jukebox globale, e i luoghi principali dell’evento furono il Wembley Stadium di Londra con circa 72.000 presenze, e il John F. Kennedy Stadium di Filadelfia con approssimativamente 90.000 presenze; altri luoghi furono Sydney e Mosca. È stato il più grande collegamento via satellite e la più grande trasmissione televisiva di tutti i tempi: si stima infatti che quasi due miliardi di telespettatori in 150 paesi assistettero alla trasmissione in diretta.[1]

Il concerto è stato concepito come seguito di un altro progetto di Geldof e Ure, un singolo a scopo benefico eseguito da un gruppo di artisti provenienti dal Regno Unito e dall’Irlanda, chiamati Band Aid.

Il concerto crebbe di dimensioni man mano che si aggiungevano nuovi musicisti dalle due parti dell’Oceano Atlantico. La raccolta di fondi superò gli obiettivi.

 

Decreto (in)sicurezza: le mafie ringraziano.

Salvini Blowing in the wind

Buongiorno e chiediamoci un…

No, un momento, oggi voglio prima raccontarvi una storiella.

Poniamo che, per esempio il prossimo 24 dicembre, in un paese a caso, che so, mettiamo “Codroipo”, un papà leghista tenga per mano il proprio figlio, che so, di otto, dieci anni, non ancora avvezzo alle amenità della politica.

Poniamo che questo bambino abbia una sorellina più piccola, che – anche lei poco avvezza ai “grandi temi” – avrebbe voluto per Natale un bambolotto molto scuro, ma sì, diciamo proprio nero, uno di quelli bellissimi…

Chiede allora il bimbo al padre:

<< Perché hai detto a Licia che Babbo Natale non le porterà mai un bambolotto nero? >>

<< Perché è contrario alla nostra cultura, credimi, le sta facendo un favore, un giorno sarai grande e capirai anche tu … >>

Il bimbo non è molto convinto, ma se glielo dice papà…

Più avanti, per strada, quello stesso bambino vede tante persone intirizzite dal freddo, molte sono donne, altri bambini come lui; non hanno più un posto dove andare, vagano senza meta in circa di cibo, calore, riparo…

Le accomuna la pelle scura, molto scura, nera proprio come quella del bambolotto che avrebbe voluto sua sorellina Licia e che quest’anno Babbo Natale – dice papà – non le porterà..

Il bambino si fa coraggio e chiede:

<< Papà ma quelle persone hanno freddo e fame, non hanno un posto dove andare, perché non le aiutiamo? >>

Il papà, che pensa di essere molto religioso e fedele a cultura e tradizioni, per tutta risposta molla uno scappellotto al figlio e risponde:

<< Non guardarli: quelli non sono come noi. Ora muoviti che altrimenti facciamo tardi a Messa. >>

(Sic!…)

Fine della storiella.

Ora possiamo chiederci il perché.

Perché, per esempio, non si può stare indifferenti davanti a ciò che accade?

Perché il limite è stato oltrepassato, da tempo, ma si continua a fingere che non sia così.

Perché il signor Matteo Salvini ha giurato sulla Bibbia e sul Vangelo, ma non ha messo in pratica non dico una parola, ma nemmeno il risvolto di copertina di questi testi, ammesso che li abbia mai letti. (se li avesse capiti, non sarebbe… Matteo Salvini.)

Non sapevo nemmeno dell’esistenza di Codroipo, così come ignoravo fosse famosa per essere l’anagramma della più triste delle bestemmie: ora lo so, ma ne avrei fatto volentieri a meno.

Come ormai sappiamo tutti, la storia del divieto dei bambolotti neri è vera.

Questo è il delirio fatto legge.

Bisogna dirlo, urlarlo a gran voce, scriverlo sui muri e gridarlo nelle piazze: è troppo.

No, non è vero: c’è di peggio.

Il decreto (in)sicurezza che passerà alla Storia col nome del vero primo ministro in carica, ha – di fatto – reso un enorme favore alle mafie, fornendo materia prima in quantità industriale e a costo zero alla criminalità organizzata.

Come hanno capito anche i sassi, infatti, decine di migliaia di persone, molte delle quali donne e bambini, seppur regolari in quanto possessori di “permesso di soggiorno umanitario” da un giorno all’altro non lo sono o non lo saranno più, trasformandosi in quei clandestini di cui il “nostro” (va beh, il “vostro”, tenetevelo pure…) si è sempre tanto lamentato…

In breve: lui stesso ha creato il “nemico” di cui – evidentemente – sentiva tanto bisogno…

Non è il primo e non è il solo ad averlo fatto: l’ultimo che mi viene in mente si chiamava

Göring.

Ora, anche questo lo sanno pure i sassi, da sempre la criminalità, organizzata o meno, pesca tra gli ultimi, gli emarginati, i disperati.

Non dico che proprio ogni centro di accoglienza fosse il massimo della perfezione (che non è di questo mondo), però decine di migliaia di persone regolari potevano sperare in un futuro appena migliore del passato lasciato alle spalle attraversando inferni che non possiamo nemmeno lontanamente immaginare.

Tutto questo – bisogna dirlo – peserà anche sul tanto lodato presidente Mattarella che il decreto l’ha firmato.

Perché queste cose bisogna dirle?

Perché – sperando come sempre di sbagliarmi – scorrerà sangue per le strade italiane, aumenterà l’odio a dismisura e ci sarà qualche ingenuo che si chiederà, troppo tardi:

<< Come siamo arrivati a tutto questo? >>

Beh, s’è cominciato in questi giorni, settimane, mesi.

E perché non si può più restare indifferenti?

Perché tutto questo è davvero troppo e l’indifferenza, ora e sempre, è…

Complicità.

Buon Natale.

Davide De Vita

I fili hanno preso il burattino.

Salvini e Bennato

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché un’immagine – oggi – è così importante?

(Ringrazio intanto l’amico carissimo Toto Cadoni: la frase “I fili hanno preso il burattino” che ho scelto per il titolo è sua e gliene do atto.)

Aggiungo la solita doverosa premessa: sono perfettamente consapevole che ci sono problemi ben più gravi, ma oggi mi va di scrivere di questo fatto, proprio perché mi ha colpito e perché le immagini, ciò che rappresentano, hanno un fortissimo impatto, stavolta anche emotivo oltre che politico.

Oggi dunque, dopo aver visto una foto che ritrae insieme Bennato e Salvini, mi sono sentito triste, molto triste, tradito.

Vedi, ormai “poco caro” Edo, non sai chi sono e non lo saprai probabilmente mai, così come molto difficilmente leggerai queste righe, però sono cresciuto cantando le tue canzoni che sapevo a memoria, i primi accordi con la chitarra li ho strimpellati provando “Il gatto e la volpe” o “L’isola che non c’è”, la passione per l’armonica a bocca me l’hai trasmessa tu…

Regalavi sogni al ragazzino che ero e che litigò coi suoi genitori per poter assistere per la prima volta ad un concerto, il tuo.

Eri di sinistra? Non lo eri?

Non lo so, di certo in quegli anni non avresti mai fatto una foto insieme al potente di turno, non saresti salito spudoratamente sul “carro del vincitore”, non saresti stato, per usare il tuo linguaggio, a… Mangiafuoco. 

Mi è stato scritto che me la sto prendendo fin troppo per una semplice foto: beh, “poco caro” Edo, sai molto bene che l’immagine ha una sua forza dirompente, tu che nei tuoi testi hai sempre utilizzato metafore, molte riuscitissime.

Ebbene quella foto, per chi come me ha ancora tutti i tuoi dischi originali e faceva sacrifici per poterseli comprare, è come un pugno nello stomaco: un tradimento per il ragazzino che ero e per l’uomo che sono diventato.

Come ha scritto con intelligenza il mio amico Toto, che ringrazio e dal quale mi sono permesso di “rubare” la frase, i fili hanno preso il burattino.

Mi hai rubato i sogni, tu che me li avevi cantati.

Cantavi ironicamente “Arrivano i buoni” ti sei fatto fotografare insieme al Lupo Cattivo, o quello che ai miei occhi (e non solo i miei) lo è o lo appare, lo percepisco (oggi va tanto di moda questa parola “percepire” …) così.

Preferivo, parecchio, la foto insieme al grandissimo Bo Diddley, pensa un po’…

Per altri sarà soltanto una foto, non per me.

Ho scritto e lo ribadisco, che da oggi “mi dimetto” da tuo fan, perché mi hai deluso profondamente.

Un episodio, giusto per farti capire: il ragazzino che ero, entusiasta del tuo concerto a Carbonia (è un paese del sud ovest sardo del quale probabilmente ti sarai pure dimenticato…) che come t’ho scritto era il primo per me, s’era attardato perché voleva vederti da vicino, stringerti la mano, strapparti un autografo…

Non lo sapevo, non mi rendevo conto dell’ora tarda, ma in quel preciso momento il mio caro nonno, al quale mi avevano affidato i miei genitori, pur anziano ma preoccupatissimo uscì in Lambretta nella notte per venire a cercarmi…

Andò tutto bene, per fortuna, così continuai a cantare le tue canzoni, anche sulla spiaggia intorno al fuoco (un classico…) dove “Il gatto e la volpe” arrivava sempre più o meno dopo “La canzone del sole” di Battisti…

Ho cantato quelle canzoni anche tra le basse ma antichissime montagne della Sardegna, insieme ad amici che condividevano (alcuni di loro li condividono ancora, poi a loro se ne sono aggiunti altri, spesso i loro figli o le loro figlie…) sogni, valori, emozioni…

Altri tempi, altri sogni.

Mai e poi mai avrei immaginato perciò di vederti un giorno anche solo in fotografia, sorridente insieme a qualcuno che, a mio avviso, più che sogni ha mire.

Mai e poi mai avrei immaginato di vederti preso, avviluppato da quei fili del potere che – allora – contestavi in musica.

Sì, mi hai tradito, Edo, resteranno per me le tue prime bellissime canzoni, ma non sarò più un tuo fan, mai più.

Sai? Per me non furono “solo canzonette” e poi com’è che cantavi? 

Ah sì,

e nei sogni di bambino la chitarra era una spada… “.

Già ma per me di certo non era e non sarà mai quella di … Alberto da Giussano.

Davide De Vita