Iglesias? Village People!

Iglesias Village People

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Come va? Come state?

Sono stato un po’ assente su queste pagine in quanto impegnato a vivere, lavorare, scrivere altro.

Cominciamo con le solite, doverose premesse: intanto, il sottoscritto è il primo a battersi la mano sul petto pronunciando “mea culpa, mea maxima culpa” in quanto ha fatto e detto cose di cui si vergogna.

Sono errori che ho commesso, non li disconosco, ma – superati l’imbarazzo, il disagio e lo sconforto – come tali li reputo.

Poi: il gruppo musicale al quale faccio riferimento in questo articolo mi piaceva pure, lo utilizzo in questo contesto perché i loro travestimenti erano usati in maniera intelligente, simbolica e auto-ironica.

Aggiungo: non sono esperto di nulla, assolutamente di nulla.

Perciò ultimamente più che rispondere a provocazioni dette o scritte faccio un respiro profondo e… Tiro avanti.

Perché rispondere sarebbe facile, veramente facile: un ragionamento sensato penso di essere in grado di sostenerlo, ma …

A che scopo?

Servirebbe?

Purtroppo no, non più.

Soprattutto di questi tempi (ma anche in tempi passati, ahimè…) e ad Iglesias, cari concittadini…

Okay, “cari concittadini” è un’espressione che sa fin troppo di politica e lungi da me pensare soltanto di sfiorare l’idea di entrarvi (in politica, appunto): non ne ho le capacità, non ne sarei in grado e soprattutto non lo voglio fare.

Tra l’altro sono uno qualunque, senza titoli, amen. 

Ciò che mi ha fatto riflettere,  invece,  è l’ergersi di qualcuno, ogni tanto, a moralizzatore, giudice, urbanista, commercialista, architetto, critico d’arte, esperto di tutto e di più e via di questo passo, come al solito chi più ne ha più ne metta.

Ribadisco: l’ho fatto anch’io e ho sbagliato a farlo, me ne rendo conto e lo ammetto, spero di non ripetere l’errore.

Perché – qui arriviamo al nocciolo della questione – c’è una bella differenza tra esprimere un’opinione (più che lecita, sia positiva sia negativa) e, invece, sputare sentenze come se si fosse depositari di chissà quale Verità Assoluta e Dogmatica.

Non solo non la possiede nessuno, ma in special modo non la possiede nessuno qui ad Iglesias.

L’ho scritto in altra sede e lo ribadisco: questo è un villaggio un po’ troppo cresciuto, vestito da signora, che ambisce ad essere signora e diventare finalmente città.

Per questo il riferimento a quel vecchio gruppo musicale.

A me piace, intendiamoci, amo Iglesias, contraddizioni e problemi compresi, perché siede sulla Storia (purtroppo spesso ci ha dormito anche, nonostante ultimamente si siano moltiplicate le iniziative in senso contrario e ben vengano!) e ha potenzialità che – sempre a mio parere – sono state valorizzate ancora in minima parte ed è giusto che ci si provi, ci si impegni anche in questo campo come in tanti altri.

Il rovescio della medaglia è però, appunto,  l’aspetto “villaggio”: qui – come in qualsiasi altro centro di provincia del mondo – ci si conosce tutti bene o male e si sa tutto di tutti.

Perciò di ogni gallo che canta si conoscono pollaio, confini dello stesso, vita morte e miracoli, “segreti” che difficilmente sono ancora tali.

Di tutti, nessuno escluso, me compreso e me per primo, sottolineo ancora una volta.

Se questo può essere per certi aspetti un difetto, da un altro punto di vista può essere una garanzia:

<< Cosa stai dicendo? Parli proprio tu che… >>

A tutto ciò aggiungete l’enorme amplificatore dei social, che appunto ingigantisce sia le – poche, ahimè … – buone idee sia le – troppe, ahimè… – cazzate intergalattiche.

Siamo però ad Iglesias, perciò – ripeto – è fin troppo facile fare e disfare.

Mi correggo: fare è difficile, disfare (anche solo a parole…) un’inezia.

Il mio umile appello perciò – e concludo – è quello di guardarci prima allo specchio prima di sparare a zero contro chiunque e qualsiasi cosa.

Sarà un appello inascoltato, non letto?

Pazienza.

Almeno ci avrò provato.

Perché anche qui non solo siamo un po’ tutti “Village People”, ma vale più che mai l’evangelico

<< Chi è senza peccato… >>

Davide De Vita

Recensioni: “Storie Minime” di Stefano Ardau

Storie Minime Stefano Ardau

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Perché acquistare, leggere e recensire “Storie Minime” di Stefano Ardau?

Perché lo merita il testo e lo merita lui.

Mi piace la Storia e mi piacciono le storie o, come le chiama l’autore con azzeccata intuizione, appunto “Storie Minime”.

Più che una raccolta di racconti su persone di Iglesias esistenti od esistite l’ho trovata una godibile galleria di ritratti, dipinti (o scritti, ma in questo caso è lo stesso) con pennellate rapide e precise, a volte ruvide e malinconiche, mai banali.

Un testo onesto scritto di testa e di cuore: di questi tempi non è poco.

Lo sguardo è quello attento di chi ha avuto spesso a che fare col pubblico, magari da dietro il bancone di un bar, con un’attenzione particolare per gli ultimi, gli invisibili, i dimenticati.

Si narra di donne e uomini alcune delle quali e alcuni dei quali ho conosciuto anch’io e di sicuro in tanti in città abbiamo incontrato o visto almeno una volta, per poi – presi come siamo sempre dal nostro imminente e pressante quotidiano – resettarli nella memoria “altra” se non proprio nell’oblio.

Stefano no, Stefano si ferma – o si è fermato – a scattare delle istantanee a queste persone che forse con un brutto termine moderno si potrebbero chiamare “borderline”.

In questo libro però non si cercano etichette e si preferisce, invece,  parlare di persone vere e concrete, dei loro drammi e del loro a volte incredibile e tortuoso vissuto.

Parla di sconfitte, Stefano.

In un mondo e in un periodo storico dove pare che se non sei vincente non sei nessuno.

Con grande coraggio – che gli ammiro molto, lo dichiaro pubblicamente – parla anche delle proprie, arrivando a concludere il testo con quello che immagino sia stato un dolore senza confini per l’improvvisa perdita di una persona a lui molto cara.

Ci sarebbe stata bene – ma per carità, il libro va benissimo così com’è – un’introduzione del tipo:

<< I fatti, le persone, i luoghi di cui si parla NON sono da ritenersi puramente casuali ma precisi e mirati >>

Perché così è: a volte i ritratti non sono più lunghi di una pagina, ma ben delineati, più che sufficienti a far tornare alla mente e alla memoria l’uomo o la donna di cui si parla.

Conosco Stefano da tanti anni anche se non benissimo: leggo ciò che scrive perché m’interessa, nonostante spesso la pensiamo in maniera diversa, soprattutto in ambito politico.

Questo non mi impedisce di apprezzare molto alcune sue idee – che ritengo validissime – come appunto questo libro e il progetto “Favolandia” che consiste – se non sbaglio – nello scrivere favole apposta su richiesta per ogni bambina o bambino che glielo chiede e realizzarla poi oltre che scritta anche colorata.

Un’ottima idea: lui l’ha avuta, io no.

Per tornare a “Storie Minime”, con dieci euro si può comprare una ricarica telefonica oppure proprio questo libro, che invece è una ricarica per la memoria e…

Per l’anima.

Davide De Vita

Over.

Carola Rackete

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché non posso fare  a meno di parlare e riflettere su questa capitana coraggiosa?

Perché, consapevole di ciò che faceva, l’ha fatto.

Sapeva di infrangere regole, di andare contro una nuova legge italiana ma ha considerato di maggiore importanza condurre in un porto sicuro quelle restanti quarantadue persone, salvandole di fatto da un destino quanto mai incerto.

Colpisce la decisione nella sua voce, quell’ << Over >> ( “chiudo”) che conclude le sue comunicazioni e un po’ tutti abbiamo sentito in queste ultime ore. 

Okay: poteva portarli da qualche altra parte?

Sì, ma non sarebbe stato il “porto sicuro più vicino”.

Vengono tutti in Italia?

Niente di più falso: questi sono i dati ufficiali UNHCR riguardo all’ <<emergenza sbarchi>> aggiornati a giugno 2019.sbarchi 2019 UNHCR

Questa è la realtà dei numeri, che nessuno ha smentito, il resto è la percezione distorta della realtàNon ho il coraggio di questa ragazza, non credo l’avrò mai, ma l’ammiro: si è assunta le proprie responsabilità davanti al mondo intero, in “diretta streaming” che tanto piaceva, per esempio, al M5S “prima maniera” (come mai niente più streaming, a proposito, ragazzi?) Mentre scrivo, nel pomeriggio di oggi giovedì 27 giugno 2019, questa giovane donna trentunenne che ha già navigato nell’Artico, ha tre lauree e parla cinque lingue, ha provato di nuovo ad oltrepassare il blocco tentando l’approdo ma è stata bloccata ad un miglio da Lampedusa; leggo che ora (sedici e trenta circa) a bordo della Sea Watch 3 c’è la Guardia di Finanza con lo scopo di identificare i quarantadue migranti; c’è anche una delegazione di politici.

Ora da quando la Capitana è balzata agli onori della cronaca per ciò che sta facendo – l’ha fatto e lo sta continuando a fare, non ne sta parlando, non lo sta promettendo, non lo sta ipotizzando – decine se non centinaia di onanisti (come altro definirli?) dalla facilissima tastiera hanno rovesciato addosso a lei tutte le loro repressioni (ovviamente sgrammaticate quanto mai…) soprattutto sessuali. A cominciare da quel “campione” che le ha augurato di essere impalata con un tubo d’acciaio (tralascio il percorso anatomico suggerito, tanto l’abbiamo letto tutti) …

Bene – si fa per dire – io vorrei proprio essere davanti a questo mezzo uomo che ha scritto una bestialità simile mentre magari entra in chiesa e si comunica pure.

Sì, vorrei essere proprio lì davanti e guardarlo in faccia, o feccia, se volete.

Ammesso che l’ostia consacrata non prenda fuoco piuttosto che essere ricevuta, il che non mi stupirebbe affatto.

Mi sono stufato del razzismo mascherato, dell’ipocrisia falso – cristiana, dell’ignoranza dilagante, della realtà distorta, di quell’uomo lì che non nomino altrimenti faccio un favore al suo stramaledetto algoritmo che lo tiene a galla…

Perché è ora che ci svegliamo, che capiamo che il vero avversario NON è lui, ma un algoritmo, anzi un’altra persona che sta dietro sia a “lui” sia ad un intero team chiamato la “Bestia”.

Ogni tanto se ne parla ma in maniera marginale, perché così dev’essere, chi deve stare sempre in prima pagina o meglio su ogni schermo possibile è quello lì.

Sì, perché per quanto vi sembri assurdo e paradossale, episodi come questo a quello lì servono – eccome se servono – ad aumentare o consolidare il suo consenso.

Questo algoritmo (o il team composto da quanti si occupano della sua immagine) fa sì che ogni volta che lo si nomini, lo si insulti, comunque se ne parli, aumenti.

Tutto ciò l’ha inventato un “nerd” che si chiama Luca Morisi (accanto nella foto)Luca Morisi, definito “spin – doctor” … Occhei, mi fermo e andiamo a vedere cosa significa…

Recita mamma Wiki:

Lo spin doctor (dall’inglese [top] spin «colpo a effetto» nel gioco del tennis e doctor, «esperto») è un esperto di comunicazione che lavora come consulente per conto di personaggi politici. Il suo compito è elaborare mediante precise strategie di immagine un’apparenza del politico adeguata da sottoporre attraverso i media all’opinione pubblica, al fine di ottenere consenso elettorale o più in generale per ottenere consensi riguardo al proprio mandato politico

In poche parole, un bravissimo “costruttore d’immagine” nell’era dei social.

A dirla tutta lui rifiuta questa definizione e nega l’esistenza di bot o algoritmi, affermando invece che l’unico spin – doctor di quello lì è…

Quello lì stesso.

Probabilmente lo direi anch’io se…

Nato nel 1973, Morisi ha unito i suoi destini a quelli di Salvini dal 2013, da quando è diventato responsabile della comunicazione e social media strategist dell’allora neosegretario del Carroccio. Imprenditore, libero professionista e professore a contratto all’Università degli studi di Verona, ha insegnato dal 2004 al 2015 nel corso “Siti Web di Filosofia” e in quello “Laboratorio di informatica filosofica”. Con un compenso annuo di sessantacinque mila euro, è consigliere strategico della comunicazione di Salvini da quando quest’ultimo è diventato ministro dell’Interno.

Sono circa cinquemila cinquecento euro mensili: non un super stipendio astronomico ma di questi tempi direi che ci si possa abbondantemente accontentare.

Dunque, per quanto io possa pensarla molto diversamente in ambito politico, sarei un idiota a non ammettere che quest’uomo sappia fare benissimo il suo lavoro

È sempre lui, tra le altre cose,  ad inventare il soprannome “il Capitano” per…

Quello lì.

Data l’assonanza, torniamo a Carola Rackete, la “capitana” – sul serio però – della Sea Watch 3, al momento in cui scrivo in stallo a poco meno di due chilometri (per parlare semplice, altrimenti un miglio marino, cioè poco più di un chilometro e ottocento metri) da Lampedusa e che va incontro al suo destino entrando nella Storia, se già non l’ha fatto. Rischia grosso, lo sapeva, lo sa benissimo, ma conta su tantissime altre persone in Italia e nel mondo che hanno scelto, per quanto ancora possibile, di … #restareumani.

Over, capitana.

Davide De Vita

Fonti:

https://www.ilsole24ore.com/art/chi-e-luca-morisi-guru-web-che-ha-postato-foto-salvini-col-mitra-ABQLG7qB

https://tg24.sky.it/cronaca/2019/06/27/sea-watch-ultima-ora-diretta.html

Durga: the day after. Grazie a tutti :-)

immagine per articolo su presentazione

Attenzione: questo è un articolo dove me la suono e me la canto, sappiatelo! 🙂

Buona sera, buona domenica e chiediamoci un perché.

Perché ringraziare sia quanti erano presenti ieri alla presentazione del mio ultimo romanzo “Durga: il ritorno di Spiga – Emme 2” sia chi non ha potuto raggiungerci ma ha letto il libro o lo sta leggendo?

Perché lo ritengo giusto, doveroso.

Sono un tizio qualunque che soltanto grazie a tutti voi può continuare  a sognare questa specie di bellissimo sogno diventato realtà. Solo grazie a voi può continuare ad esistere e proseguire ancora per qualche altra “avventura”.

Non mi sembra ancora vero – come mi è capitato più volte – di sentire per strada persone che parlano dei personaggi dei miei libri come se li conoscessero benissimo e fossero persone “reali”: una sensazione bellissima, perché siete voi che leggete che li avete fatti “vostri” e per me che li ho creati questa è una grandissima soddisfazione.

Mi si dice “scrittore” e forse lo sono, ma ho ancora tanto, tantissimo da imparare, devo “crescere”, parecchio, ovviamente la perfezione non è di questo mondo quindi sicuramente ho commesso degli errori e altri ne commetterò, ma non sarei umano altrimenti.

Più che “scrittore” preferisco pensare a me stesso come ad un “artigiano della parola scritta”, perché il lavoro che c’è dopo la primissima stesura di una storia è davvero grande e ha bisogno di pazienza, umiltà, fermate e riprese, tagli e cuciture, revisione, revisione, revisione, revisione e ancora revisione.

Nel caso di un giallo come quelli che scrivo, ancora di più: proprio come il lavoro paziente e certosino di un antico artigiano e nella fattispecie un orologiaio d’altri tempi, che riparava gli orologi a molla con gesti esperti e sapienti.

Ho fatto in tempo a conoscere gli ultimi in attività ad Iglesias prima che sparissero e qualcosa ho imparato: per esempio come si apre una cassa d’orologio (in quale punto fare leva) o con quanta pazienza e precisione bisogna (quando ancora c’erano) rimettere a posto una molla a spirale…

Cosa c’entra tutto questo con lo scrivere gialli?

Moltissimo.

Devi controllare tutto, ore, date, luoghi, nomi, situazioni, concatenazione degli eventi e tante altre cose, poi come già dicevo sopra controllare ancora e ricontrollare ancora: deve “funzionare”.

Se poi hai la fortuna di avere accanto a te persone che quando è necessario sanno essere molto esigenti e severissime, avendo anche uno sguardo attento e “altro”, diverso dal tuo, tanto di guadagnato.

Aggiungici amici scrittori che davanti ad un bicchiere di birra o di vino ti aiutano, criticano, suggeriscono ma soprattutto si confrontano lealmente ed apertamente con te e con ciò che tutti scriviamo, ognuno nel suo genere: ecco,  ancora meglio.

Per questi motivi – oltre molti altri – mi sento un uomo molto fortunato.

Nonostante le ansie provate e vissute la “notte prima”, che ho scritto mentre le stavo “attraversando” un po’ per scaramanzia e un po’ per non perderle e che ora vi ripropongo.

Durga’s night.

Questa è la notte prima della presentazione del mio ultimo romanzo “Durga: il ritorno di Spiga – Emme 2”. Il mio quarto romanzo dopo “Saiselgi”, “Arecibo”, “Emme” di cui è il naturale seguito. Tutto bello, lineare, semplice… Invece no, non lo è per niente. Provo ansia, in questi giorni migliaia di studenti affrontano gli esami di maturità e mi sento un po’ come loro…

Dovrei avere un vantaggio enorme, visto che per il mio “esame” di domani il testo l’ho scritto io.

In fondo non è proprio del tutto vero neanche questo: dopo “Emme” la forza dei personaggi era tale che molti di loro era come se chiedessero maggiore spazio, respiro, vita. Quindi sono stati loro, in un modo che forse solo chi scrive può capire, a impormi di andare avanti e probabilmente non solo per un primo sequel ma anche altri, al momento non saprei se andrò oltre un eventuale “3 “.

Per quanto riguarda la presentazione di domani sera ho immaginato di tutto, dal cadere sugli scalini che portano al palco al trovarmi di fronte la sala vuota, al non sapere come andare avanti mentre recito e magari mi viene un vuoto di memoria, al troppo caldo che soffriremo insieme agli spettatori…

Non so, ho paura, ma forse è giusto che sia così, sarei un pazzo a non averne neanche un po’…

Non è la prima presentazione che faccio ma la quarta, però il confronto con quella di “Emme” è perduto in partenza, quella resterà unica ed irripetibile…

Continuo a scrivere perché mi piace moltissimo, diverte prima di tutto me stesso, poi spero piaccia ai lettori… Mi si dice che sono in tanti a leggere i miei pezzi, gli articoli che scrivo su questo blog o in rete in generale e faccio fatica a rendermene conto, certo mi fa piacere, ma come mi hanno detto di recente, ad Iglesias “si sa” che scrivo e non è poco.

Se poi lo faccio bene o male non sta a me giudicarlo.

Fatto sta che per me è come respirare e se non lo faccio per troppo tempo sto male.

Finché potrò andrò avanti, sperando di non arrivare mai a stancare chi per leggermi spende soldi e tempo.

Grazie a tutti, avevo bisogno di sfogarmi un po’, in questa “Durga’s night”, in questa notte prima di Durga, la mia “notte prima dell’ennesimo esame”.

Ce l’ho messa tutta, tocca a voi, se vi andrà, dovrete solo… Leggere.

Piazza del Minatore 2, Iglesias, venerdì 21 giugno 2019, ore 22,56.

***

Domenica 23 giugno, ore 16,27.

Le cose sono poi andate invece molto bene, sono contento e soddisfatto, tanti gli amici che sono venuti a trovarmi nonostante il caldo infernale, per cui vederne decine nella sala azzurra del Centro Culturale è stato davvero molto bello. Era sabato e in tanti sono andati al mare, non posso biasimarli, spero solo che chi c’era non si sia annoiato e abbia passato un’oretta se non proprio divertente almeno interessante.

Ringrazio qui pubblicamente tutti gli amici del CIC – ARCI Iglesias per la squisita ospitalità, la disponibilità a 360° e il grandioso lavoro che svolgono alla Casa del Cinema che hanno in gestione e che in tanti forse ignorano o ignoriamo: non parlo degli innumerevoli eventi e serate che organizzano ma di quel lavoro “oscuro” di archivio comprensibile anche soltanto dando un’occhiata al piano superiore dell’edificio e che considero di enorme importanza e valenza sociale prima che culturale.

Non starò ad elencare chi c’era perché rischierei di dimenticare qualcuno e mi dispiacerebbe troppo: sappiate che per me siete tutte e tutti importantissimi, scrivo per voi. 

Un enorme ringraziamento infine alla grandiosa Nicoletta Pusceddu, autrice, attrice, regista e non ricordo quante altre cose, che ha avuto la pazienza infinita di provare a farmi recitare…

Se non sono stato troppo “cane” è solo merito suo!

Davvero, grazie di cuore a tutti e …

Sì, sto già scrivendo quello che immaginate!

Davide De Vita

 

 

 

 

 

 

Intellettuali di tutto il mondo unitevi. L’appello di Massimo Cacciari.

Massimo Cacciari con scritta

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché ritengo giusto diffondere quanto più possibile un appello come questo, già apparso in centinaia se non migliaia di bacheche? 

Intanto, perché credo così, a occhio e croce, sia meglio che sparare da un balcone e poi mentire alla polizia, tanto per dirne una. 

Poi perché ho sempre detto, scritto e ripetuto che preferisco sperare piuttosto che sparare. 

Poi perché questo appello somiglia in maniera eclatante (chi l’avrebbe mai detto, solo poco tempo fa) alle accorate parole di Papa Francesco contro il clima disumano che stiamo vivendo. 

Poi perché, forse, la parola scritta e ragionata è l’unico strumento rimastoci per arginare questa deriva apparentemente irrefrenabile. 

Il testo. 

INTELLETTUALI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI

Non ho vissuto l’età dei totalitarismi, l’età della morte del pensiero critico ma oggi più che mai posso considerare quanto sia pericoloso il sonno della ragione. Nell’età del ritorno dei Malvolio di montaliana memoria un semplice prendere le distanze non può bastare, non è più possibile una “fuga immobile” anzi può rappresentare una scelta immorale, un disimpegno colpevole. Oggi non è più tempo di tacere, è tempo di prendere una posizione perché ogni esitazione potrebbe mettere a rischio le grandi conquiste culturali del secondo dopoguerra. La cooperazione internazionale, la democrazia, l’integrazione, la tolleranza non possono essere valori negoziabili.

Quello che maggiormente preoccupa non è il ristretto e circoscritto disegno politico di Salvini ma la constatazione dei consensi numerosi che colleziona, non è di Di Maio, che mi preoccupo e del suo serbatoio di voti “protestanti” ma la constatazione che la protesta sinistroide abbia consegnato il paese ad una destra becera e livida e che una larga fetta anche di intellettuali non si sia resa ancora conto che si è prostituita alla peggiore delle destre , non a quella progressista e europeista ma alla destra razzista e violenta di Salvini. Ad una destra incapace di cogliere i segni del tempo, incapace di progettare un mondo di uomini in grado di vivere insieme pacificamente nella consapevolezza che ogni vero progresso raggiunge la sua pienezza col contributo di molti e con l ‘inclusione di tutti, seguendo l’insegnamento terenziano alla base della nostra cultura occidentale: “Homo sum humani nihil a me alienum puto“.

(letteralmente: «Sono un essere umano, niente di ciò ch’è umano ritengo estraneo a me»; in parole più semplici: «Nulla che sia umano mi è estraneo». La frase è di Publio Terenzio Afro che la usò nella sua commedia Heautontimorùmenos – Il punitore di sé stesso, v. 77 – del 165 a.C.)

Appartengo al mondo della formazione, sto, pertanto, in trincea a contatto con una generazione vivace, intelligente, elettronica e “veloce” che “vivendo in burrasca” rischia di precipitare nel baratro dell’indifferenza o, nel peggiore delle ipotesi, dell’intolleranza, dell’aggressività pericolosa e ignorante.

Questi stessi giovani, invece, meritano di essere salvati, meritano una cultura in grado di coniugare pathos e logos, una cultura che percepisca l ‘uomo come fine e non come mezzo, che consideri l ‘”altro da sé “una risorsa importante giammai una minaccia.

Nell’età delle interconnessioni non c ‘è niente di più assurdamente anacronistico dei muri e dei silenzi colpevoli. È solo nelle DIVERSITÀ che si può cogliere il vero senso della BELLEZZA e l’essenza di un impegno costruttivo che non è mai discriminante ma sempre inclusivo, totalizzante e interdipendente.

Non è neanche questione di destra o di sinistra, di rosso o nero ma il problema è, soprattutto, di carattere culturale. La vera emergenza è quella di costruire un argine contro ogni forma di populismo, contro la xenofobia, contro i nuovi razzismi in nome di una società civile che riparta dall’ UOMO, non prima dall’uomo Italiano, né come in passato, prima dall’uomo della Padania ma dall’ UOMO  in quanto umanità È necessario che in ogni campo sia politico che economico, culturale e sociale non si perda mai di vista l’uomo, la sua dignità, il suo inestimabile valore e, al di là di ogni faglia e filo spinato, lo si consideri il fine ultimo di ogni progetto.

INTELLETTUALI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI, c ‘è molto da fare, a partire dalla formazione scolastica. Se uniti si costituirà una forza inarrestabile, la forza della cultura, la sola che possa costituire un argine autentico contro la deriva pericolosa del populismo e della miseria, principalmente di quella della mente.

Massimo Cacciari

(Testo raccolto e riprodotto da Davide De Vita)

Zingari, Zingarelli e Zingaretti.

Zingari Zingarelli e Zingaretti immagine

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché, ad esempio, siamo arrivati a questo punto in Italia?

Perché ce ne siamo fregati, sempre, da decenni, di quanto accadeva e soprattutto sarebbe potuto accadere e infatti …

È accaduto, sta accadendo: non è il mondo che sognavamo. 

Gli zingari li ho inseriti nel titolo non solo perché purtroppo per i più sono il simbolo di qualcosa o qualcuno che dà estremamente fastidio, ma mi serviva il termine per il giochino di parole.

Tra loro ci sono ladri e ladre, borseggiatori e borseggiatrici ma…

Siamo sicuri che tra noi non ce ne siano altrettanti e magari ci sia anche di peggio?

Un esempio di queste ore: un italianissimo marito ha ammazzato l’italianissima moglie a martellate (sì, a martellate…) perché la sospettava di adulterio o qualcosa del genere.

La donna massacrata e coperta di sangue è stata scoperta dalla figlia di dieci anni.

Tutto rigorosamente “made in Italy”: prima gli italiani. ( 1) 

Ora, parliamoci chiaro perché ormai i coglioni me li sono rotti davvero anch’io: se a compiere un simile,  orribile delitto fossero stati gli zingari o altra minoranza a lui sgradita, l’indegno uomo (vabbèh… ) che ricopre la carica di ministro dell’interno ne avrebbe fatto, come sempre,  uso e abuso sui social che gli piacciono tanto.

Egli – sui social – è impegnatissimo sempre e così evita di andare a lavorare sul serio (ma non l’ha mai fatto in vita sua, meglio ricordarlo all’infinito) come invece dovrebbe fare, pagato dallo Stato, cioè da tutti noi.

Non approfondisco sul fatto che gli zingari sono tra le etnie più perseguitate di sempre e da sempre, anche moltissimi di loro sono finiti nei forni crematori nazisti, ma lo cito perché ricordare fa sempre bene, anche se dà fastidio, anzi forse proprio per quello.(2)

L’elemento in questione, che tanto si è riempito la bocca nelle piazze e nei comizi (non ha mai smesso di fare campagna elettorale, ho enormi dubbi su come, quando e per quanto sia stato nel suo ufficio…) della questione migranti e sul come l’Europa se ne sia disinteressata, quando è stato il momento di andare a confrontarsi con gli altri ministri degli interni proprio su questa precisa questione…

Non c’è andato.

Attenzione: non c’è andato per la sesta volta.

Quelli erano il luogo e il momento giusti per far valere le sue idee oltre la propaganda e dove fare il suo lavoro.

Non c’è andato.

S’è invece burlato in un ennesimo comizio di un ragazzo che esponeva un pericolosissima, letale, distruttiva sciarpa con su scritto:

<< Ama il prossimo tuo come te stesso. >>

Lui, che bacia il rosario e si appella al Sacro Cuore di Maria.

Lui, che per il sottoscritto un Vangelo se l’ha aperto di sicuro non l’ha capito, mai.

Lui, che per il sottoscritto è sempre di più un cialtrone, un pagliaccio, un buffone che prima o poi cadrà e non farà nemmeno tanto chiasso, inconsistente com’è.

Abbiamo una grossa responsabilità in merito all’ascesa di uno così.

L’abbiamo permessa.

Qui entra in ballo lo Zingarelli, sì, uno dei dizionari o vocabolari più noti.

Lo cito come esempio perché ormai ce lo siamo dimenticato in tanti, troppi: storpiamo ogni giorno parole di cui ci riempiamo la bocca senza conoscerne il vero significato e senza prenderci la briga di andare a cercarlo, perché costa fatica e ci siamo dimenticati anche della nobiltà della fatica fisica.

Studiare è faticoso, richiede tempo e concentrazione, che però preferiamo dedicare ad altro, da tempo, troppo.

Leggere viene prima di studiare, apre la mente, ma la mente va educata ad imparare e ci vuole metodo e di nuovo fatica, tempo, concentrazione, dedizione, passione.

Molti insegnanti di questa maltratta, maltrattatissima scuola italiana queste qualità le hanno, insieme ad anni di esperienza che però rischiano di non valere più nulla, oppure sono incatenati sia da un precariato pluridecennale sia da uno stipendio tra i più bassi d’Europa.

Ce ne siamo fregati, ce ne stiamo ancora fregando anche di questo.

Così nei decenni passati abbiamo lasciato che generazioni di giovani, oggi adulti, si diseducassero prima dalle regole base, anche della grammatica, quindi dal rispetto reciproco, infine dalla capacità di analisi, sintesi, critica e ragionamento.

Abbiamo sempre più velocemente abbandonato quei valori che comunque la Chiesa (con tutti i suoi enormi problemi e difetti, che non nego, ma condanno) ha tramandato per secoli, per poi rifarli nostri (anche qui senza conoscerli davvero, con un’enorme ipocrisia) a seconda delle circostanze, come feticci ai quali aggrapparci una volta smarriti nel mondo nuovo che avanza e avanza comunque.

Mi si è detto che ci stiamo islamizzando.

Non mi risulta, non ci sono dati statistici che lo dimostrino, ma loro (non parlo degli estremisti e dei fanatici, quelli li condanno senza esitazione, ma di qualsiasi credo, ideologia, pensiero) non hanno vergogna di pregare, anche in pubblico, noi sì, ammesso che ci ricordiamo come si fa.

Se poi degli sgherri portano via tra le risa della folla, incitati dal ministro del’interno in carica ( ! )  una sciarpa con su scritto << Ama il prossimo tuo come te stesso >> (3) ad un ragazzo che poi solo per miracolo non è stato pestato beh, non ci staremo islamizzando, ma di certo non possiamo dirci cristiani.

Attenzione: non voglio fare il moralizzatore di turno, non ne ho i requisiti, sono un peccatore come e più di altri e potrei essere di certo un cristiano migliore, ma il vizio di dire o scrivere ciò che penso, scusate, finché lo posso fare non me lo tolgo.

Zingaretti.

Credo che sia una brava persona, ma …

Non ci siamo ancora.

Perdonate, ma sia Bersani prima sia lui adesso mi hanno fatto tornare in mente la caricatura del vecchio comunista messa in scena da “Ferrini” nei programmi di Arbore. Chi ha qualche annetto se lo ricorderà: l’ho rivisto su YouTube e m’ha fatto tenerezza.

Zingaretti, dicevo: manca qualcosa.

Non ha quel carisma necessario, forse sarà un traghettatore come dicono alcuni, oppure verrà fuori alla lunga distanza.

Il problema è che, proprio in questi giorni in cui si ricorda la scomparsa di Berlinguer, manca al Centro Sinistra o alla Sinistra in generale uno se non come lui (sarebbe chiedere troppo…) almeno che…

Gli si avvicini anche solo un tanto così.

Zingaretti ha il merito di aver tenuto in piedi un partito dato per spacciato, ma sarà come sempre la Storia ad emettere il suo verdetto.

Se siete arrivati fin qui pur non pensandola come me, vi ringrazio moltissimo, il mio rispetto per voi è massimo.

Sottolineo, ribadisco, scrivo in grassetto se volete: non pretendo di avere ragione a tutti i costi, se qualche volta l’ho fatto me ne scuso, ma cerco di ragionare sulla base di quanto vedo e sento ogni giorno, del mio vissuto e delle mie conoscenze, sempre da perfezionare.

Se siete arrivati fin qui e la pensate come me, beh, pensare non basta più, il tempo è scaduto.

Davide De Vita

O il Vangelo, o la Lega. 

Fonti:

(1) : https://www.iltempo.it/cronache/2019/06/10/news/cisterna-latina-elisa-ciotti-uccisa-marito-fabio-trabacchin-martello-figlia-via-palmarola-1170193/

(2): http://tuttoin1.it/rom-zingari-non-sono-chi-pensate/

(3): https://www.vice.com/it/article/a3xyvk/cartello-ama-il-prossimo-tuo-comizio-di-salvini

Sotto il tappeto. (La Commissione UE propone la procedura per debito eccessivo contro l’Italia)

sotto il tappeto

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché in Italia siamo messi così male e da oggi, di giorno in giorno se non di ora in ora sempre peggio?

Non c’è da divagare troppo: come tanti molto più esperti di me avevano ampiamente previsto in tempi non sospetti, per le scelte economiche e finanziare di questo governo.

Questo, non quelli precedenti.

Il governo “Conte”, per essere precisi, anche se costui passerà alla Storia come il più evanescente dei primi ministri che la Repubblica Italiana abbia mai avuto.

I vice primi ministri sappiamo tutti chi sono, uno si è definito quello del governo del “fare” ed è vero, è incontestabile: ha fatto più debito.

L’altro si definisce quello del governo del “cambiamento” ed è vero: si è cambiato, dal male s’è arrivati al peggio, ma c’è ancora tanto margine per… Proseguire in quella nefasta direzione.

Non è una mia opinione, non lo dico io: lo dicono i numeri e quelli colore non ne hanno.

Ho scritto spesso che i nodi sarebbero arrivati al pettine, beh,  ci siamo, è solo l’inizio.

Abbiamo il terzo debito pubblico al mondo.

L’Europa – che abbiamo fondato, siamo tra i fondatori dell’Euro e abbiamo sottoscritto nero su bianco degli accordi che NON vogliamo più rispettare … – è ad un passo dalla procedura per debito eccessivo nei confronti del nostro Paese.

Qualcosa di mai successo prima, ma dovevamo distinguerci, no?

Titola il “Sole24ore” on line poche ore fa (scrivo nel pomeriggio del 5 giugno 2019):

“La commissione UE propone la procedura per debito eccessivo contro l’Italia”

Poi non fa giri di parole, all’interno dell’articolo si legge:

Il rapporto approvato dal collegio dei commissari è di 23 pagine, una radiografia tanto minuziosa quanto deprimente non solo dell’andamento del debito pubblico, ma anche delle scelte controverse adottate dai più recenti governi italiani, in particolare l’esecutivo guidato dal premier Giuseppe Conte e sostenuto da una maggioranza Lega-M5S. Limitare l’indebitamento è un impegno di ogni paese per garantire la stabilità finanziaria della zona euro.

E ancora:

Parlando in una conferenza stampa qui a Bruxelles, durante la quale la Commissione ha annunciato l’uscita della Spagna dalla procedura per deficit eccessivo, il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha notato nel 2018 un forte aumento dei costi per il servizio del debito, anche per via del nervosismo sui mercati provocato dal governo Conte: 65,0 miliardi di euro rispetto ai 62,8 miliardi di euro preventivati all’inizio dell’anno scorso. 

Il governo “Conte”.

Quello attualmente in carica, meglio ribadirlo, non “quelli precedenti”.

Quello presieduto da un uomo che appena insediato si era autoproclamato “avvocato di tutti gli italiani”.

Lo stesso che aveva detto:

<< Sarà un anno bellissimo. >>

Il problema, il grosso, enorme problema, è che a furia di distrarre l’opinione pubblica dai veri e reali problemi del Paese, nascondendo la verità sotto il tappeto, questa alla fine non ci sta più, il tappeto finisce e non copre più niente.

Saranno toccate le tasche di tutti, di chi ha votato questo governo e di non l’ha votato, indistintamente.

In queste ore, i risparmiatori ai quali erano state fatte promesse eclatanti di rimborsi e “ristori” e non hanno invece visto proprio niente (com’era ampiamente prevedibile), sono sul piede di guerra e chiedono di incontrare qualche esponente del governo.

Già, ma guarda un po’: anche loro – adesso – vogliono parlare con questo governo, non con “quelli precedenti”.

Quand’ero nel commercio – e mi è andata male, ma non cerco un “Davide precedente”, è stata mia la responsabilità – se non pagavo un fornitore merce da lui non ne ricevevo più, o nella migliore delle ipotesi, dopo il saldo del debito, solo ed esclusivamente dopo pagamento anticipato.

Vecchia inossidabile formula vincente: “pagare moneta, vedere cammello”.

Semplice, efficace, comprensibile a tutti.

Questo governo, questo, non altri, ha indirizzato,  invece,  l’attenzione dell’opinione pubblica prima sui migranti, poi sulla scorta di Saviano per citare i primi due argomenti che mi vengono in mente e su qualsiasi altra cosa – ultima in ordine di tempo, sulla scia dell’ultima sentenza della Cassazione le infiorescenze della cannabis … – pur di distrarre o provare a distrarre tutti (o molti) da quelli che sono i veri, reali, incontrovertibili problemi di questo Paese: il debito spaventoso e la crescita economica pari a zero.

Per contrastare questi problemi, conti alla mano, questo governo – questo, non altri, non “i precedenti” – non ha fatto nulla o quasi.

Ho scelto di proposito l’immagine della “camerierina sexy”che nasconde la polvere sotto il tappeto perché è una valida metafora per quella “distrazione di massa” di cui sopra: i maschietti la noteranno ammiccando, le femminucce se la prenderanno con me per la scelta, mentre la polvere sotto il tappeto, vera protagonista della rappresentazione, sarà ignorata, diverrà quasi invisibile.

La verità ci fa paura, è sempre estremamente scomoda: meglio nasconderla sotto il tappeto, finché possibile.

C’è un problemino però, come scrivevo in apertura: il tappeto, prima o poi, finisce, la polvere… No.

Davide De Vita

Fonte: 

https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2019-06-05/bruxelles-avvia-procedura-debito-eccessivo-contro-l-italia-e-prima-volta-110035.shtml?uuid=ACt041M

Perché ho votato a queste europee

Elezioni europee 2019

Buongiorno, buona domenica  e chiediamoci un perché.

Perché ho votato anche per queste elezioni europee e ritengo sia molto importante che lo si faccia?

Perché non vedo alternative valide e realmente realizzabili rispetto all’Unione Europea.

Mi si dirà: ma quella stessa Unione Europea è piena di difetti.

D’accordo.

Quindi che facciamo, ce ne andiamo, noi italiani che siamo stati tra i fondatori di quella stessa Unione, proprio quando la barca affonda?

Passiamo da “fondare” ad “affondare”?

Tra l’altro, andiamoci piano con le critiche al Parlamento Europeo.

Siamo sicuri di avere tutte le carte in regola per poterci permettere di aprire bocca in merito?

Riporto alcune righe di un giornale che non è il << Manifesto >>, non è <<la Repubblica>> e nemmeno << l’Espresso >> giusto per citare alcune testate palesemente antigovernative.

Il pezzo è di metà 2018, ma ricordare alcuni concetti è sempre importante, soprattutto per chi, come noi, ha la memoria corta e sezionata a seconda di ciò che serve di più al momento.

Solo qualche mese fa, infatti, sia Lega sia 5 Stelle parlavano ancora della possibile uscita dalla moneta unica; forse ce lo siamo scordati, o voluti scordare, ma nessuna delle due forze politiche ne ha più fatto cenno.

Perché anche loro, gioco forza, sanno che l’uscita non solo è impossibile, ma sarebbe oltremodo dannosa. Parlarne nei giorni scorsi, a ridosso delle elezioni di oggi, sarebbe stata una sicura perdita di consenso e quindi di voti.

Ecco il primo stralcio dell’articolo di cui parlavo:

<< … i continui rimbrotti da Bruxelles sui conti dell’Italia sono fastidiosi, come quelli di un professore troppo severo. L’ancoraggio all’euro, però, ha salvato l’Italia dal tracollo finanziario. L’attuale situazione economica del Paese non è dovuta alla moneta unica. Del debito pubblico sono responsabili i governi del passato, che preferivano scaricare gli oneri sulle generazioni future, invece di assumersi, fino in fondo, le proprie responsabilità davanti agli elettori. Smettiamola di parlare male dell’euro e dell’Unione Europea, come se si trattasse di una banale partita di pallone tra Italia e Germania. Solo il rigore nella tenuta dei conti impostoci dall’Europa, ha salvato e sta tutelando il futuro dell’Italia e dei nostri figli. L’Unione è come una famiglia, dove ci sono delle regole da rispettare, anche se in Italia c’è sempre stata la tendenza allo scaricabarile: «Piove, governo ladro». Ora, se qualcosa non va per il verso giusto, si dà la colpa all’Europa.

I nostri parlamentari sono tra i più assenteisti di tutti a Strasburgo, nonostante le lussuose prebende.

(Salvini ha il record assoluto in questo, è un dato di fatto, n. d. a.).

Cambiano ogni cinque anni, perché vedono il Parlamento europeo come una panchina rispetto a quello italiano.

Parlano poco e male le lingue.

Mancando questi requisiti, come possiamo contenere la tendenza della Germania, ad apparire la prima della classe, e l’asse franco-tedesco? >>

Questo un primo assaggio, che condivido in toto e ritengo ancora attuale, attualissimo, perché tra gli sport più diffusi tra noi, intendo italiani, c’è quello della non assunzione di responsabilità.

Esempio pratico, su me stesso, non su altri, che quello dello scaricabarile (<< è sempre colpa di qualcun altro, o di chi c’era prima >>) è un altro degli sport diffusissimi: qualche giorno fa m’è arrivata una multa perché son passato col rosso, qui ad Iglesias, in un incrocio.

Era mattina presto e andavo al lavoro, ma ho fatto memoria ed è vero, ho sbagliato, devo pagare.

Non ci sono “se “o “ma”: la responsabilità è tutta mia e di nessun altro, dovevo stare più attento, mi costa, oltre che parecchi euro,  anche sei punti in meno sulla patente (per fortuna il mio comportamento precedente, considerato “virtuoso” fa sì che questo non sia “gravissimo”) ma è giusto così, per quanto amara sia la “medicina” da mandar giù.

Così se esistono degli accordi internazionali, da noi sottoscritti, per passare da leggi “piccole” che riguardano l’individuo a leggi “grandi” che riguardano invece interi Stati o, appunto, l’Unione di questi, vanno rispettati, non si possono cambiare le regole del gioco… Durante il gioco stesso, troppo comodo.

Un altro stralcio, sempre dallo stesso giornale on line:

<< I Paesi europei, oggi più che mai, devono restare uniti, per competere sulla scena internazionale con i colossi in ascesa. Basti pensare agli Stati che contano ciascuno circa un miliardo e trecentomila abitanti, la Cina, con un PIL che, nel primo trimestre 2018, è cresciuto del 6,8%, e l’India, con una crescita del 6,5% annuo. Oserebbe mai qualcuno fare promesse così mirabolanti se vi fosse la percezione nell’opinione pubblica che l’Italia ha il terzo debito mondiale al mondo? Per decenni l’Italia ha vissuto con la triade inflazione-debito-svalutazione. Con l’entrata nella Eurozona l’inflazione si è ridotta a cifre insignificanti, la svalutazione non è più possibile, rimane il debito. >>

Questa è la realtà: il terzo debito mondiale al mondo.

Sì, ce l’abbiamo noi, ma in pochi lo ricordano o lo vogliono ricordare, non porta voti, anzi.

Attenzione: non assolvo nessuno, da destra a sinistra le responsabilità sono tante e molto grandi, ma questo non basta a convincermi che l’Europa sia da buttare nel cesso.

Credo invece che dovremmo conoscerla meglio e praticarla di più.

Come ho già scritto più volte uno dei miglioramenti urgenti verso cui si dovrebbe tendere è la realizzazione definitiva di quegli “Stati Uniti d’Europa” che ancora purtroppo non esistono, sul modello sì degli Stati Uniti d’America ma con quello spirito appunto europeo e moderno che ci dovrebbe contraddistinguere, quindi comunque più attento alle varie identità locali, alle differenze e alle diversità intese come ricchezze e non come problemi, alle sfide poste dai sempre più ingenti flussi migratori, ai cambiamenti climatici, alle innovazioni tecnologiche, ai problemi del lavoro che non c’è, agli investimenti su scuola e ricerca. Mi rendo conto di sognare e sognare in grande, ma non mi sono mai piaciute le persone prive di sogni.

Se nessuno avesse sognato di raggiungere la Luna, non ci saremmo arrivati.

Sono dunque per un’Europa che abbia una legge comune non solo per l’economia ma anche per altri ambiti altrettanto importanti, così come vedo favorevolmente la creazione di un esercito di professionisti ugualmente europeo.

Un’Europa sì fatta avrebbe molta più voce in capitolo sullo scacchiere internazionale, dove davvero si decidono le “cose del mondo”, ma se ne usciamo, allora sì che conteremmo ancora meno.

Ecco perché, in conclusione, ho votato anche questa volta per le elezioni europee.

Ah sì, il giornale on line dal quale ho tratto gli stralci è…

<< L’ eco di Bergamo >>!

Davide De Vita

Fonti:

https://www.ecodibergamo.it/stories/luoghi-non-comuni

 

La migliore idea che abbiamo mai avuto.

Mattarella a Montecassino

Buongiorno, buona domenica e chiediamoci un perché.

Perché il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Montecassino ha ribadito che quella dell’Europa è la

<< Migliore idea che abbiamo mai avuto>>?

Perché ha ragione.

Deve divenire più inclusiva e giusta, ma è la migliore idea che abbiamo mai avuto

ha detto nel corso della cerimonia per il 75° anniversario della battaglia di Montecassino, cui ha preso parte anche il presidente polacco Andrzej Duda.

Ha poi proseguito:

“Coloro che qui combatterono e caddero, lo fecero per liberare l’Italia dal nazifascismo, e per rendere possibile la nascita di una nuova Europa, i cui popoli, abbattute le ultime barriere che troppo a lungo hanno diviso il nostro Continente, potessero sentirsi uniti. Come oggi possono dirsi, in un’Europa finalmente libera dal giogo della dittatura e del conflitto. Un’Europa della libertà contrapposta all’Europa della prevaricazione e degli orrori. I tre quarti di secolo trascorsi non hanno intaccato il senso di profonda riconoscenza degli italiani per chi ha combattuto”, ha aggiunto. “Un sentimento che è anche un monito per le generazioni che si susseguono, a non cadere più negli errori della guerra, a rispondere alle sfide del nostro tempo rilanciando il progetto di cooperazione europea, rinsaldando il legame fra i nostri popoli e i nostri Paesi, unico antidoto al ripetersi di conflitti fratricidi“.

La Storia gli dà ragione.

Sì, non si può dimenticare la tragedia della guerra nei Balcani, ma anche da quella tristissima vicenda avremmo dovuto imparare qualcosa: la disgregazione dell’ex Iugoslavia (pur tenuta insieme dal vigilante potere sovietico e da un regime non esattamente democratico) ha riportato a galla odio e recriminazioni a vari livelli, ammantati di motivi etnici e religiosi che nascondevano – come sempre, in ogni guerra, da quando esiste l’uomo – meri interessi economici e strategico – militari.

La stessa cosa che sta ancora accadendo in Libia, dove la frantumazione dello Stato (che pure era sotto lo spietato controllo di Gheddafi) ha riportato alla luce una costellazione di fazioni, tribù e clan che combattono l’uno contro l’altro e dove ad avere la peggio sono sempre i più deboli.

Fatte queste premesse, ribadendo che l’Europa come concetto è ancora parecchio perfettibile, tornare indietro, rimettere in piedi confini, muri, filo spinato e cannoni da una parte e dall’altra è sbagliato.

Giusto, invece, è fare in modo che si arrivi una buona volta a quegli Stati Uniti d’Europa che credo fossero il vero sogno non solo di chi lo sognò a Ventotene, ma addirittura di Mazzini quando pensò alla “Giovine Europa” dopo aver pensato alla “Giovine Italia”, mentre era ricercato ovunque e considerato un pericolosissimo terrorista.

Sono con lei signor Presidente, non posso che essere con lei, mentre non potrò mai essere con chi in un delirio di onnipotenza se la prende con una professoressa che ha avuto il “torto” di lasciare che i suoi alunni pensassero con la propria testa, oppure, mentre si circonda di cosiddetti “sovranisti” e impropriamente impugna un rosario e si appella a vari santi prendendosela contemporaneamente col papa,  ordina ai vigili del fuoco di rimuovere striscioni che manifestano il dissenso: roba da Minculpop se non peggio, molto peggio.

Ho paura di raduni di “sovranisti” come quelli di Milano, che cavalcano il malcontento generale senza risolvere realmente i problemi ma procedendo per slogan e mentendo spudoratamente sulla realtà dei fatti. I nodi arrivano sempre al pettine, prima o poi e quelli in arrivo saranno sotto forma di aumenti salatissimi per tutti, a cominciare dai prezzi assurdi ai quali arriveranno anche i generi di prima necessità: quando questo avverrà, perché avverrà, allora forse anche i più ciechi e i più sordi capiranno l’errore madornale compiuto andando dietro a chi ha tanta voglia di sbraitare da un balcone, dichiarando off limits i balconi altrui.

Ecco perché la ringrazio, signor Presidente.

Davide De Vita

Fonte: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Mattarella-Ue-ancora-in-cammino-ma-ha-portato-liberta-5c84d3d9-6685-41f9-b8ce-a0fb93d97883.html

Fillu miu! – sulla rievocazione (ed. 2019) dell’ 11 maggio 1920 ad Iglesias

rievocazione 2019 11 maggio

Buona sera  e chiediamoci un perché.

Perché è necessario, fondamentale tenere viva la memoria storica di una città, di una terra, di ciò che il suo ventre racchiude da millenni e con enorme fatica, sudore, sacrifico, lacrime e sangue le è stato sottratto?

Perché solo conoscendo il proprio passato e le proprie radici si può costruire un solido futuro.

Perché a volte insegnano di più le storie vere raccontate a casa dal nonno piuttosto che i libri di Storia che certe vicende le ignorano del tutto o – al massimo – vi dedicano due o tre righe superficiali.

Ci sarebbero anche tanti altri motivi, ma per dirla con i ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Eleonora d’Arborea” di Iglesias, che – coordinati da tutto il corpo docente, tra cui il prof che non vuole mai essere nominato ma che in città conosciamo tutti, insieme a tanti altri collaboratori pubblici e privati – ormai dal 2007 rievocano i tragici fatti di sangue del 1920, “per il pane”.

Perché di questo alla fine si tratta: della rivendicazione più che legittima di una paga adeguata, di un salario dignitoso, di un tozzo di pane in più per sé stessi e per le proprie famiglie.

La cronaca della vicenda è nota: i minatori di Campo Pisano, Monteponi e S. Giovanni Miniera protestavano ormai da tempo per avere condizioni salariali e di vita migliori. L’8 maggio 1920 ci fu una massiccia protesta davanti al palazzo della Sottoprefettura: gli operai rivendicando una maggiore razione di pane. Il lunedì successivo il direttore della miniera di Monteponi, l’ingegner Andrea Binetti, comunicò ai minatori che la mezza giornata del sabato precedente non lavorata non sarebbe stata retribuita.

Dopo ripetuti e vani appelli rivolti alla direzione, gli operai decisero di proclamare un’altra giornata di sciopero. Era l’11 maggio 1920, un martedì. Circa 2 mila minatori si ritrovarono nella miniera di Monteponi. Un enorme corteo diretto all’ufficio del sindaco Angelo Corsi si formò in quei due chilometri che separano Monteponi dalla città di Iglesias.

Nel frattempo il Sottoprefetto organizzò le proprie milizie nel timore di tumulti e sommosse, come certificato da documenti storici custoditi nell’archivio storico di Iglesias e Cagliari. Al loro arrivo in prossimità del palazzo comunale, nella via Satta, adiacente la piazza Municipio, i minatori trovarono i soldati della guardia regia a sbarrare loro la strada.

Tutto accadde in pochi minuti. Dopo l’ennesimo tentativo di dialogo col sindaco andato loro incontro gli eventi precipitarono. I soldati iniziarono a sparare contro gli operai. Fu strage. Cinque uomini morirono subito. Altri due morirono dopo alcuni giorni in seguito alle ferite riportate. Altri 22 furono feriti.

Questa la cronaca abbondantemente studiata, verificata, documentata negli anni, degli accadimenti del 1920.

La cronaca spicciola della rievocazione di oggi, 11 maggio 2019, comincia con dei ragazzini e ragazzine visibilmente emozionati, con indosso abiti d’epoca abilmente confezionati, che si incontravano un po’ ovunque per le vie e i vicoli del centro storico.

Chi scrive ha incontrato alcune ragazze e dei “soldati” con tanto di fucile, notando gli sguardi di ammirazione degli altri passanti, perché l’“Undici maggio” fa parte di Iglesias, fortunatamente lo si insegna a scuola in questa splendida maniera, facendolo rivivere a quegli stessi ragazzi che spesso sono pronipoti di chi i fatti del 1920 li visse sulla propria pelle.

La rievocazione comincia e il pubblico è trasportato indietro nel tempo, in un’altalena di emozioni e sentimenti che ha il suo culmine quando partono gli spari, gli operai muoiono, una delle donne urla lasciando cadere una brocca d’acqua e precipitandosi verso il proprio marito morente a terra, altre gridano per lo stesso motivo o perché hanno perso il figlio, il fratello.

Un grido sovrasta gli altri:

Fillu miu!

E la commozione è palpabile tra tutti, anche chi scrive non riesce a trattenere una lacrima.

È una rievocazione laica, ma l’accostamento alla “pietà” della Madonna col Cristo morente tra le braccia è inevitabile, così come alla fine, con tutto il dovuto rispetto per quella sacra, è difficile non pensare all’eucarestia mentre alcune ragazze distribuiscono agli spettatori più vicini dei pezzi di pane.

La folla che oggi gremiva piazza Municipio fin da qualche ora prima che la rievocazione cominciasse è stata accolta dal sindaco Mauro Usai che si trovava accanto ai rappresentanti dei “paesi dell’Oro del Monte Rosa”, gemellati con Iglesias per la comune storia mineraria e la fervida attività delle associazioni “Figli della miniera” e “Prendas de Iglesias”.

Onore ai minatori caduti e profondo rispetto per chi allora si batté per quel tozzo di pane e grazie infinite ragazzi perché se oggi – quando forse ne abbiamo più bisogno  che in altri periodi – c’è una speranza, siete voi.

Davide De Vita