Irma, per niente dolce, i suoi fratelli e…Noi.

Uragano Irma

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Lo abbiamo visto in tutti i telegiornali, lo vedremo nei prossimi giorni, mesi, anni: si sono formati e si formeranno uragani di dimensioni apocalittiche, come Irma che si prepara a devastare la ricca Florida dopo aver distrutto luoghi meno… Floridi (perdonate il triste gioco di parole) come le Antille e Puerto Rico, preparando la strada ad un altro che gli esperti hanno battezzato Josè.

Perché si formano fenomeni così impressionanti, degni dei più famosi disaster movies?

Perché la terra è surriscaldata e la responsabilità di questo, se non tutta in buona parte, ce l’abbiamo noi. 

E’ il conto che il pianeta ci sta presentando dopo secoli di sfruttamento selvaggio delle sue risorse (a cominciare dai combustibili fossili) che, non mi stancherò mai di ripeterlo, non sono infinite e, infatti, sono terminate o stanno finendo. 

Certo, ci sono anche scienziati che sostengono che la causa di tutto questo non siamo noi o noi soltanto, ma il presente è quello che è: caldissimo.

Lo profetizzavano, inascoltati, pochi scienziati lungimiranti già trenta, quaranta anni fa.

Ce ne siamo tutti sbattuti il c…, scusate il francesismo e, nei fatti, continuiamo con questo atteggiamento.

Guardate che non è qualcosa che riguarda solo l’Atlantico o altri luoghi relativamente lontani: solo tre giorni fa c’è stato un tornado nel nord Sardegna, tra Olbia e Porto Torres.

Il calore è energia, l’energia in qualche modo deve trovare sfogo, i fenomeni naturali di imponenti dimensioni non sono altro che tale sfogo.

Avete una pentola a pressione in casa?

Bene, fatevi un minestrone o quel che preferite, poi osservate ciò che succede: poi pensate che abbiamo trasformato, noi umanità affamata di energia, il pianeta in un enorme pentola a pressione.

Peccato che, sul cosiddetto globo terracqueo, valvole di sfogo costruite apposta non ce ne siano.

Stiamo bollendo, dopo aver acceso un fuoco che non siamo stati – e ancora non siamo, nonostante tutti gli accordi internazionali sul clima, rimasti di nuovo, nei fatti, lettera morta – di controllare o utilizzare con un minimo di criterio.

La storia di Prometeo, evidentemente, non c’ha insegnato proprio nulla.

Così continueremo ad assistere indifferenti allo scioglimento dei ghiacciai, al formarsi di uragani come Irma, Josè e chissà quanti altri; vedremo, in Italia, alluvioni e frane con lo scatenarsi di nubifragi (che ormai è diventato più cool chiamare bombe d’acqua), che causeranno danni ingenti e – speriamo di no ma purtroppo è probabile – morti, ampiamente prevedibili e quindi evitabili.

Mi spiace apparire come profeta di sventura, ma qui non ci vuole la sfera di cristallo, bastano le statistiche e il dubbio pesante: siamo sicuri che, dopo i tanti disastri accaduti negli anni passati, terremoti compresi, siano state davvero adottate tutte le misure di sicurezza e prevenzione necessarie?

In Italia?

Dai, come scritto e ripetuto più volte, in Italia ora ci si occupa di cose molto più importanti come il campionato di calcio, l’elezione di miss Italia, le prossime elezioni di ogni ordine, numero, genere e grado.

Visto il drammatico, inadeguato, confuso modo in cui soprattutto la classe politica – la stima e l’ammirazione di chi scrive per chi invece affronta il problema sul campo, in trincea, ora dopo ora, giorno dopo giorno, è massima, fatti salvi i casi accertati di illeciti non giustificati – affronta e non solo in Italia il fenomeno del flusso migratorio, c’è ancora una volta da chiedersi: ma a qualcuno frega ancora qualcosa non solo della nostra casa comune, appunto il pianeta di cui sopra, ma proprio del prossimo suo?

Prima di puntare il dito armato contro chiunque, passiamo davanti ad uno specchio e soffermiamoci qualche istante…

Davide De Vita

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...