Le scelte di Sophia, woman robot

Robot Sophia

Buongiorno e chiediamoci un perché. Quello di oggi appassiona da decenni – in alcuni casi terrorizza – gli appassionati di fantascienza come il sottoscritto, con il piccolo dettaglio che… L’argomento non è più fantascienza ma realtà. Accade infatti che, anzi è già accaduto, un robot dalle sembianze umanoidi (secondo i suoi realizzatori somiglierebbe ad Audrey Hepburn, secondo il sottoscritto nemmeno lontanamente) non solo sia stato progettato, costruito e – per il momento – funzioni benissimo, ma abbia acquisito cittadinanza, per la precisione saudita.

Probabilmente in molti ne avrete sentito parlare, anche perché sui social il commento più diffuso in merito è che questo umanoide dalle fattezze femminili ha quasi – o del tutto – più diritti, da quelle parti, delle donne in carne ed ossa.

È solo uno degli aspetti del problema: fatto sta che per la prima volta nella Storia, una macchina – sì, è tecnologicamente avanzatissima, ma è pur sempre sorella di una lavatrice o un forno a microonde: è un elettrodomestico – ha acquisito dei diritti fino a quel momento prerogativa esclusiva degli esseri umani e di qualche animale privilegiato.

Isaac Asimov, universalmente riconosciuto padre della robotica o quanto meno delle sue teorie ispiratrici, aveva previsto nei suoi racconti e romanzi che qualcosa del genere non sarebbe potuto accadere prima del duemila cinquanta.

La realtà, per l’ennesima volta, ha superato di gran lunga la pur fervidissima immaginazione del buon dottore, come lo chiamavano i suoi fan.

Nel frattempo Sophia ha concesso un’intervista al giornalista americano Andrew Ross Sorkin; tra le cose che ha detto:

«Devo esprimere le emozioni per capire gli esseri umani e costruire fiducia con le persone»

Al momento il robot, progettato dalla Hanston Robotics di Honk Kong, mostra una mimica facciale in via di perfezionamento ma che già le permette (lapsus freudiano che ha costretto anche me a percepirne l’umanità, da cui il “le permette”) di mostrare allegria o tristezza, insomma alcune delle emozioni più comuni e di facile interpretazione.

Quanto costa ‘sta lavatrice?

Sembra che il costo effettivo sia ancora top secret, ma se pensiamo che Sophia ha ottenuto la cittadinanza al forum “Future investment initiative” di Riad, dove a sua volta è stato presentato il grandioso progetto di un’intera città per la maggior parte abitata da robot come lei e che tutto ciò è stato finanziato da alcuni signori sauditi possessori di … Fantastiliardi, beh, ecco, voi ed io temo non potremo permettercelo per le prossime sei o sette vite.

Perché lo hanno fatto?

In tanti ce lo chiediamo, alcuni rispondono che i robot potranno aiutare l’uomo in molti lavori, quando non sostituirli del tutto, compresi quelli a vocazione educativa oppure sociale come l’assistenza anziani, ma il sottoscritto è parecchio, ma davvero parecchio perplesso in materia.

Un’altra risposta a questo perché, pensando di nuovo ai signori sauditi è, inevitabilmente: perché lo possono fare.

Nel frattempo, quando ancora non si ha notizia di capacità di scelta da parte di Sophia o robot umanoidi simili a lei (il nocciolo vero della questione è sempre – e ancora – quello), cominciamo a riflettere su una tagliente risposta che sempre Sophia ha dato ad Elon Musk, altro visionario multimiliardario appassionato di tecnologia avanzata; alla perplessità espressa da Musk sul sempre più vivo interesse mostrato dagli investitori nel campo robotico, l’umanoide ha risposto:

«Stai guardando troppi film di Hollywood, se tu sarai gentile con me, io sarò gentile con te». 

Davide De Vita

Fonti:

http://www.ilmessaggero.it/tecnologia/hitech/arabia_saudita_robot_sophia-3329473.html

Video:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...