Italia, settembre 2018: a che punto è la notte?

Italia 2018 a che punto è la notte

 

(“A che punto è la notte” è un romanzo giallo di Fruttero & Lucentini del 1979. Nel 1994 ne è stata tratta un’omonima miniserie televisiva Rai, diretta da Nanni Loy e interpretata da Marcello Mastroianni. Qui riprendo quel titolo trovandolo azzeccato anche per quanto state per leggere, sempre se ne avete voglia.)

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Perché non ci piace il periodo che stiamo vivendo?

Questo, dove per “noi” intendo chi, come me, è stato etichettato “buonista”, “radical – chic”, “pidiota” e via di questo passo, conosciamo bene tutta la filastrocca.

Di certo perché non è il Ventunesimo secolo che speravamo di vivere, nel quale ad un incredibile sviluppo tecnologico (soprattutto nel campo informatico e suoi annessi e connessi) non ha corrisposto un equivalente progresso nel pensiero e nel sentire comune, attenzione, almeno stando a ciò che si percepisce e che, dati alla mano, NON è la realtà

Anche “noi” siamo vittima di questa percezione: non esiste un’ “emergenza migranti”, il loro numero è anzi in nettissimo calo rispetto all’anno scorso, così come non è quello il problema principale di questo Paese disgraziato, così come non ci sono sessanta milioni di italiani a seguire quello là.

Gli piacerebbe tanto, ma non è così.

Poco fa ho letto un interessante articolo di Mauro Munafò (l’Espresso, vedi link a fondo pagina) nel quale sono evidenti i parallelismi (brutta parola, ma al momento non ne trovo altre per esprimere il concetto) con ciò che si scriveva nel 1938 contro gli ebrei e quello che si scrive oggi contro i migranti.

Basta sostituire “ebrei” con “migranti” e i testi sono spaventosamente identici. 

Questi ultimi, di cui si parla un giorno sì e l’altro anche, sono uno spauracchio, uno spaventapasseri molto social e molto spendibile, utilizzato per distrarre l’opinione pubblica dal pochissimo che questo raffazzonato governo ha fatto finora e dal nulla che farà nell’immediato futuro, quando i nodi verranno al pettine, soprattutto in materia economica (sta già cominciando a succedere) e i “verdi” e i “gialli” non troveranno più accordo com’è successo, invece, quando si è trattato di spartirsi le poltrone e il potere.

Temporaneo.

Perché prima o poi anche i loro stessi elettori si renderanno conto che mantenere quelle promesse non è materialmente possibile, che di rimando in rimando non si approderà ad un bel nulla, che il carburante è già aumentato, le prossime bollette saranno ancora più salate di prima, lo spread non ci darà tregua e l’Italia rischierà di crollare proprio come il disgraziatissimo ponte Morandi.

Non è una visione catastrofica, ma solo appena realistica.

Non giustifico e difendo (me lo si vuol far dire o scrivere, ma non è così, non l’ho mai fatto) il o i governi precedenti, quella che pretendeva di chiamarsi “sinistra” ha la sua enorme fetta di responsabilità in questo sfascio totale, ma il tempo stringe ed incalza, non possiamo continuare a far finta che vada tutto bene o che “quello là” sia la salvezza…

Non lo è, punto e basta.

E allora?

Allora la strada è stata indicata dai bagnanti pugliesi che hanno scacciato quest’estate un malcapitato manipoli di “verdi” chiamandoli con quella parola che a volte temiamo di usare: fascisti.

Spiacente, abbiamo già visto a cosa porta un’esperienza simile, se non noi i nostri padri e i nostri nonni e beh, io non la voglio proprio ripetere.

Immagino anche altri, parecchi altri, forse finalmente stiamo alzando la testa, forse non l’abbiamo mai chinata.

Perché, vedete, era iniziata esattamente nello stesso modo, prendere libri di Storia e leggere, di grazia, oppure, se avete la fortuna di avere ancora parenti in vita che quella disgrazia l’hanno vissuta in prima persona, fatevela raccontare da loro, prima che sia troppo tardi.

Uso dunque l’unica arma che ho, pacifica e non violenta, del mio pensiero, aiutato dalla fortuna che pare mi sia riconosciuta di saper mettere per iscritto due parole in croce senza troppi errori.

Perché credo nelle idee e nella loro circolazione, nel fermento dato loro dalla lettura dei libri, credo si possano e si debbano educare prima di tutto i bambini e poi i ragazzi nei valori che, al prezzo di tantissimo sangue, sono stati, come si usa dire “sanciti dalla Costituzione”. 

Credo anche che quest’ultima andrebbe letta e riletta con attenzione, oltre che insegnata a scuola, dovrebbe essere un testo obbligatorio, ma forse pretendo troppo. 

Però lo scrivo, finché mi è concesso. 

Quest’Italia non mi piace, se quello che scrivo serve anche solo in minima parte a cambiarla, ecco qua, ci metto come sempre la faccia e la firma.

Saluti.

Davide De Vita

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonti:

http://munafo.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/07/09/invece-di-difendere-gli-ebrei-caro-pietista-coi-soldi-perche-non-pensi-ai-poveri-italiani/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...