I fili hanno preso il burattino.

Salvini e Bennato

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perché un’immagine – oggi – è così importante?

(Ringrazio intanto l’amico carissimo Toto Cadoni: la frase “I fili hanno preso il burattino” che ho scelto per il titolo è sua e gliene do atto.)

Aggiungo la solita doverosa premessa: sono perfettamente consapevole che ci sono problemi ben più gravi, ma oggi mi va di scrivere di questo fatto, proprio perché mi ha colpito e perché le immagini, ciò che rappresentano, hanno un fortissimo impatto, stavolta anche emotivo oltre che politico.

Oggi dunque, dopo aver visto una foto che ritrae insieme Bennato e Salvini, mi sono sentito triste, molto triste, tradito.

Vedi, ormai “poco caro” Edo, non sai chi sono e non lo saprai probabilmente mai, così come molto difficilmente leggerai queste righe, però sono cresciuto cantando le tue canzoni che sapevo a memoria, i primi accordi con la chitarra li ho strimpellati provando “Il gatto e la volpe” o “L’isola che non c’è”, la passione per l’armonica a bocca me l’hai trasmessa tu…

Regalavi sogni al ragazzino che ero e che litigò coi suoi genitori per poter assistere per la prima volta ad un concerto, il tuo.

Eri di sinistra? Non lo eri?

Non lo so, di certo in quegli anni non avresti mai fatto una foto insieme al potente di turno, non saresti salito spudoratamente sul “carro del vincitore”, non saresti stato, per usare il tuo linguaggio, a… Mangiafuoco. 

Mi è stato scritto che me la sto prendendo fin troppo per una semplice foto: beh, “poco caro” Edo, sai molto bene che l’immagine ha una sua forza dirompente, tu che nei tuoi testi hai sempre utilizzato metafore, molte riuscitissime.

Ebbene quella foto, per chi come me ha ancora tutti i tuoi dischi originali e faceva sacrifici per poterseli comprare, è come un pugno nello stomaco: un tradimento per il ragazzino che ero e per l’uomo che sono diventato.

Come ha scritto con intelligenza il mio amico Toto, che ringrazio e dal quale mi sono permesso di “rubare” la frase, i fili hanno preso il burattino.

Mi hai rubato i sogni, tu che me li avevi cantati.

Cantavi ironicamente “Arrivano i buoni” ti sei fatto fotografare insieme al Lupo Cattivo, o quello che ai miei occhi (e non solo i miei) lo è o lo appare, lo percepisco (oggi va tanto di moda questa parola “percepire” …) così.

Preferivo, parecchio, la foto insieme al grandissimo Bo Diddley, pensa un po’…

Per altri sarà soltanto una foto, non per me.

Ho scritto e lo ribadisco, che da oggi “mi dimetto” da tuo fan, perché mi hai deluso profondamente.

Un episodio, giusto per farti capire: il ragazzino che ero, entusiasta del tuo concerto a Carbonia (è un paese del sud ovest sardo del quale probabilmente ti sarai pure dimenticato…) che come t’ho scritto era il primo per me, s’era attardato perché voleva vederti da vicino, stringerti la mano, strapparti un autografo…

Non lo sapevo, non mi rendevo conto dell’ora tarda, ma in quel preciso momento il mio caro nonno, al quale mi avevano affidato i miei genitori, pur anziano ma preoccupatissimo uscì in Lambretta nella notte per venire a cercarmi…

Andò tutto bene, per fortuna, così continuai a cantare le tue canzoni, anche sulla spiaggia intorno al fuoco (un classico…) dove “Il gatto e la volpe” arrivava sempre più o meno dopo “La canzone del sole” di Battisti…

Ho cantato quelle canzoni anche tra le basse ma antichissime montagne della Sardegna, insieme ad amici che condividevano (alcuni di loro li condividono ancora, poi a loro se ne sono aggiunti altri, spesso i loro figli o le loro figlie…) sogni, valori, emozioni…

Altri tempi, altri sogni.

Mai e poi mai avrei immaginato perciò di vederti un giorno anche solo in fotografia, sorridente insieme a qualcuno che, a mio avviso, più che sogni ha mire.

Mai e poi mai avrei immaginato di vederti preso, avviluppato da quei fili del potere che – allora – contestavi in musica.

Sì, mi hai tradito, Edo, resteranno per me le tue prime bellissime canzoni, ma non sarò più un tuo fan, mai più.

Sai? Per me non furono “solo canzonette” e poi com’è che cantavi? 

Ah sì,

e nei sogni di bambino la chitarra era una spada… “.

Già ma per me di certo non era e non sarà mai quella di … Alberto da Giussano.

Davide De Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...