Io, artigiano della penna nella Sardegna (forse) Covid Free.

scrittore immagine per 26 maggio 2020

Buona sera e chiediamoci un perché.

Come state?

Oggi ha un significato più profondo questa domanda, eh?

Spero bene in ogni senso, perché dovreste e dovremmo soltanto essere grati, voi ed io.

Voi, perché se state leggendo queste righe, possedete un computer o uno smartphone e un abbonamento o una ricaricabile attivi.

Io perché queste righe le ho potute scrivere.

Oltre a tanto altro che molti magari sognano soltanto.

Ci sarebbero da fare migliaia di riflessioni su queste ultime considerazioni, ma eviterò.

Allora, questo «perché»?

Forse sarebbe più corretto un «perché no?» in quanto questo è uno di quei post riflessivi, intimisti come direbbe qualcuno colto.

Insomma, scrivo perché da tempo non scrivevo sul blog e dedicavo – lo dedico tuttora – moltissimo del mio poco tempo libero al nuovo romanzo; è quasi un’ossessione ormai, però ci son dentro da un anno e mezzo e continuo a togliere, “sgrezzare”, rendere più fluido, gradevole, avvincente.

Beh, spero lo sia o lo diventi una volta presa la forma definitiva.

Perché lo sto facendo?

Domanda sbagliata; quella giusta è: per chi.

Per voi, per ciascuno di voi, lettrici o lettori, passati, presenti, si spera futuri.

Ho imparato che una delle domande giuste da porsi prima di mettersi a scrivere è la seguente: a me LETTORE, cosa piacerebbe leggere?

Accompagnata da: chi è il pubblico al quale mi rivolgo? 

Ce l’ho, un pubblico?

Così in questi mesi di quarantena ho studiato, oltre che scritto.

Certo, ho anche fatto il pane in casa, postato la foto su Facebook, fatto la pizza, non ho cantato o suonato dal balcone, se non un secchio per imitare il suono del tamburo della processione del Venerdì Santo, ho penato per trovare le mascherine, insieme a Rita, ma siamo stati tra i fortunati che hanno potuto continuare a lavorare, non senza difficoltà che ovviamente si sono manifestate tutte insieme nei momenti peggiori e più drammatici della pandemia.

Lo so, ognuno potrebbe raccontarne “di ogni”, ma questa è parte della mia piccola storia.

A proposito di storie da raccontare…

Ho seguito – e continuo a seguire – non uno ma due corsi di scrittura creativa, progettazione di romanzi, narratologia.

(Una disciplina poco conosciuta che studia come strutturare le varie parti di un romanzo, fino al minimo dettaglio, ma anche molti altri aspetti soprattutto tecnici)

Comprendendo che ho ancora moltissimo da imparare, se voglio sedurvi.

Sì, perché è di questo che si tratta, né più né meno: devo metterci tutto l’impegno possibile perché tu lettore o tu lettrice ti chieda alla fine di ogni pagina:

«E adesso cosa succederà?»

Per renderlo possibile sappi, Santa Lettrice e Santo Lettore, che ci vogliono – ogni giorno-  ore e ore di studio, documentazione, rilettura, correzione, revisione, scelta di ogni singola parola, confronto, rimescolamento, tecnica, scelta del ritmo e dello stile (a proposito, lo stile di uno scrittore non rimane mai lo stesso, non solo si evolve nel tempo ma si adatta alla storia che scrive, giusto per chiarire un altro dubbio emerso tempo fa…)insomma sacrificio, che però tu dovrai solo intuire, perché voglio che la storia che creo ti immerga e ti piaccia, insomma ti conquisti e ti… Seduca.

Non io, bada bene, io autore devo SPARIRE

La mia storia deve conquistare il tuo cuore e la tua mente

Se leggendola poi ti dimenticherai completamente di me, avrò raggiunto il mio scopo, perché saranno stati i miei personaggi a fare tutto il lavoro e spero tanto siano diventati anche, se non soprattutto, tuoi.

Per concludere, non penso a me stesso come “scrittore”, non vivo di quello anche se ovviamente mi piacerebbe tanto, ma – l’ho affermato più volte – come ad un artigiano della penna, o della tastiera, o delle parole.

Questo mi sento, questo sono.

Il post doveva andare a parare da un’altra parte, ma alla fine si è scritto da solo e forse è meglio così.

Perché l’ho scritto?

Perché no?

Davide De Vita

 

 

Iglesias, Venerdì Santo 2020: il suono delle matracche.

foto Cucca

(foto di Angelo Cucca; per gentile concessione dell’autore)

Buongiorno, buona Pasqua e chiediamoci un perché.

Perché venerdì 10 aprile 2020, ad Iglesias, sarà ricordato per sempre?

Certo, perché a causa del CoVid 19 e delle conseguenti restrizioni imposte dal governo la sentitissima, secolare processione del Venerdì Santo non c’è stata.

Sicuri?

Secondo chi scrive – e secondo moltissimi iglesienti – c’è stata lo stesso.

Perché nonostante le strade deserte, dai balconi è arrivato il suono delle matracche, specialmente in sa Costera ma anche in tutto il centro storico, insieme al suono ritmato di tamburi, alcuni improvvisati, che idealmente accompagnavano il tradizionale percorso della Processione.

Su tutti, a dare il tempo, quello suonato dal campanile della cattedrale.

C’erano bambini vestiti da “baballotti” sui balconi, c’era la magia di una città che si è voluta ritrovare intorno alle proprie radici sia sacre e religiose sia storiche, in un momento di condivisione toccante.

Iglesias è sì miniere, chiese, mare, montagne, storia, tradizioni, ma è anche e soprattutto composta dai suoi abitanti che quando vogliono sanno essere straordinari.

Lo testimonia la splendida foto di Angelo Cucca riportata in apertura e che l’autore mi ha gentilmente concesso di utilizzare, così come Davide Contu, bravissimo batterista non nuovo a proposte inconsuete della sua arte, mi ha permesso di citarlo: c’era lui sotto il cappuccio, sul campanile, a suonare il tamburo.

Diciamo di più e meglio: sempre citando una sua frase, non c’era lui o solo lui, ma tutta una comunità.

Partiamo dal principio: l’idea è nata da Stefano Ardau e Angelo Pani e ha trovato il favore dell’ Arciconfraternita della Vergine della Pietà del Santo Monte, perché la città “vivesse” lo stesso quell’atmosfera tanto cara, così sentita e tramandata nei secoli.

«Sì, l’idea è mia e di Angelo, ci è venuta qualche settimana fa

mi conferma Stefano al quale ho chiesto via Messenger

«L’intenzione era quella di tenere vivo il legame con il rito che ci rappresenta, ci unisce tutti. Perciò cosa meglio delle “matracche” e del loro suono? Così è nata la pagina, che ha subito ottenuto numerosissime adesioni e condivisioni. A queste si sono aggiunte decine di foto e testimonianze che hanno arricchito le pagine. Un grazie va senza dubbio all’ Arciconfraternita che ha subito accolto con entusiasmo l’iniziativa, al Comune in particolare nella persona di Claudia Sanna che ci ha appoggiato in tutto ma soprattutto ai cittadini: per merito loro il suono delle matracche, venerdì, è diventato la voce di Iglesias.»

L’augurio è che tutto ciò rimanga presto solo un ricordo incancellabile, per tornare quanto prima a quella “normalità” e serenità che purtroppo davamo per scontate.

L’autore ringrazia per la loro gentile disponibilità ed il permesso di citare nomi ed opere Stefano Ardau, Angelo Pani, Davide Contu, Angelo Cucca.

Rivolge inoltre un rispettoso e grato saluto all’ Arciconfraternita, consapevole che i riti della Settimana Santa sono solo una parte delle secolari opere di carità da essa compiute e con la speranza e l’augurio che l’anno prossimo si torni alla splendida tradizione nota in tutto il mondo.

Ringrazia inoltre tutta l’amministrazione comunale e la minoranza, che sa uniti per il bene della città.

Ringrazia ancora, soprattutto, gli iglesienti.

Tutti.

Buona Pasqua.

Davide De Vita

Manca il pane nel mio villaggio

mani che offrono pane

Buongiorno, buona domenica e chiediamoci un perché.

Perché “manca il pane” nel nostro villaggio?

Perché questa pandemia sta paralizzando il mondo, in troppi non possono lavorare e quindi non hanno soldi per comprarlo.

Qui è anche peggio, perché la crisi economica c’era già, pesantissima, anche prima di quel coso lì, si quello sferico con le punte.

Si badi bene che chi scrive non è nessuno, sta solo mettendo per iscritto considerazioni e riflessioni che si agitano da giorni nella sua mente e se permettete nel suo cuore.

Quindi che si fa?

Si fa come si fa nei villaggi.

Ho spesso paragonato Iglesias ad un villaggio, ma in questo caso il paragone è in senso positivo: so per certo di molti gesti di solidarietà autentica già compiuti e che si continuano a compiere.

Dovremmo continuare su questa strada, ognuno per quanto può, come può.

Se possiamo permetterci una “spesa” pensiamo di lasciare una o una parte “sospesa” come si usa dire, per chi non ce la fa.

Lasciamola al nostro piccolo market di fiducia, o al Mercato Civico come è stato suggerito, oppure alle varie istituzioni, associazioni, enti, organizzazioni già presenti e operative da tempo in città o alla nostra parrocchia, sempre se e quando possibile e rispettando le regole.

In molti si stanno organizzando per il ritiro e la distribuzione a domicilio.

Credo che questa catastrofe ci stia offrendo l’opportunità di rivalutare cosa significhi vivere in una comunità tutto sommato non troppo grande – per questo “villaggio” ma, ripeto, nel senso migliore del termine – dove alla fine ci si conosce tutti o quasi.

Davvero qui e ora ci giochiamo la nostra dignità di esseri umani: proprio perché siamo “altro” da chi, oltre Atlantico, ha già le armi pronte – parlo proprio di fucili e pistole – da usare contro chiunque non gli vada a genio.

Ci sarà tempo per riprendere le schermaglie politiche, più che lecite in quanto diversità e dialogo anche serrato sono ricchezza.

Ora è tempo di guardare se e quanto chi vive ad un passo da noi ha bisogno e fare ciò che possiamo per dare una mano.

Così come è tempo di favorire in ogni modo medici e personale sanitario, anche facendo un passo indietro quando in una fila qualsiasi c’è qualcuno di loro.

Come in molti stanno ripetendo, non sono eroi, ma persone che tentano in mezzo a mille difficoltà di fare al meglio il loro lavoro.

Se ne abbiamo la possibilità, seguiamo il loro esempio e anche noi cerchiamo di fare al meglio il nostro: ora più che mai ne va del bene di tutti.

Come in un villaggio.

Stiamo a casa quanto è possibile, usciamo solo se assolutamente necessario, teniamo duro.

Auguri a tutti da un nessuno che ogni tanto prova a buttar giù due righe ma che oggi più che mai preferisce sperare piuttosto che sparare.

Davide De Vita

Il sole tornerà anche qui.

Iglesias per post 11 marzo il sole tornerà

Iglesias, 11 marzo 2020, terzo giorno di Red Zone nazionale.

Buon pomeriggio,  chiediamoci un perché.

Chissà quanti e quali sono, i perché da chiederci, a pensarci…

Ho iniziato a scrivere questo blog qualche anno fa con questo incipit e così proseguo anche se non ho risposte alle innumerevoli domande, agli infiniti “perché” che tutti ci poniamo in questo periodo.

Scrivo rigorosamente da un’abitazione, durante qualche minuto di pausa di lavoro.

Giro i turni,  per cui esco da casa mia intorno alle sette e trenta del mattino per essere qui a lavoro alle otto, poi smonto il giorno dopo, sempre alle otto, quindi percorro sempre lo stesso tragitto.

Da alcuni giorni è cambiato tutto: non vedo più all’andata, dalla macchina, la ragazza persa nel suo mondo e nella sua musica ascoltata dalle cuffiette andava a scuola un po’ imbronciata, pensierosa ma spedita.

Non vedo più, al ritorno, un’altra ragazzina dai capelli lunghi e ricci, sbarazzina, coi jeans strappati come si usa, parlare al cellulare immagino col proprio fidanzatino: lei era sempre sorridente, apparentemente padrona del mondo e col futuro davanti.

Solo per fare due piccoli esempi di normale vita quotidiana.

Non vedo più tante altre persone che incontravo nel mio percorso abituale e – come stiamo scrivendo in tanti – mi colpiscono il silenzio e le strade deserte.

Tutto appare innaturale, surreale, come in un sogno o in un incubo.

Provo ansia, non lo nascondo, scrivo per combatterla, ma nutro speranza.

Provo sdegno per comportamenti a dir poco irresponsabili e non aggiungo altro, tutti sappiamo, leggiamo, vediamo.

Provo grande tristezza per i bar e altri esercizi commerciali che stanno chiudendo volontariamente, senza aspettare qualche ordinanza da un qualsiasi livello, locale o centrale.

Non si navigava in buone acque prima di questa sciagura, ora siamo peggio che in ginocchio.

Pure, non voglio credere che crolleremo, non è da noi.

Per rialzarci,  però,  dobbiamo finalmente avere il coraggio di lasciare – temporaneamente, se volete – le sciocchezze, le cose inutili e concentrarci su ciò che conta davvero più di tutto: la nostra residua umanità.

Quella bella, quella che non fa rumore se non quando si sacrifica, si immola come stanno facendo migliaia di medici e infermieri in tutta Italia, con turni senza fine (al loro confronto i miei diventano ridicoli), sottopagati, derisi, insultati, picchiati fino a pochi giorni fa e ora in prima linea, in trincea.

Notizia di ieri: alcuni di loro si sono presi degli sputi in faccia da uno che “aveva perso la pazienza” e non voleva più aspettare.

Pure, medici, infermieri, operatori sanitari ci sono sempre stati, lì, solo che non ci volevamo pensare.

C’eravamo sempre “prima noi”.

Prima “io”.

Quando tornerà il sole – e tornerà – saremo chiamati tutti a ricostruire, ripartire, riprendere la strada: spero avremo imparato tanto da tutto questo, soprattutto che continuare a pensare “prima io” non solo è sbagliato, ma estremamente dannoso.

Analisti, psicologi, antropologi, storici esamineranno questo fenomeno globale senza precedenti e, come già stanno facendo alcuni di loro, ci faranno notare come questa situazione ci abbia fatto comprendere, drasticamente, che rallentare il ritmo della vita è possibile; fermare il campionato di calcio è possibile; ridurre notevolmente l’inquinamento (vedi Cina dallo spazio) è possibile; che le sciocchezze, le idiozie prive di fondamento scientifico prima o poi si rivelano per ciò che sono, con  valore pari a zero; che leggere non è poi così brutto; che studiare è assolutamente necessario, indispensabile; che i confini – lo ribadisco – esistono solo nella nostra testa e in un rapidissimo giro di giostra si può passare da “respingenti” a “respinti”.

Amara, dura e cruda come lezione, ma esemplare: non la apprenderemo tutti, purtroppo, spero però che si sia in tanti, soprattutto tra quelli che prima “chi se ne frega“.

Non sono il primo a scriverlo però condivido il pensiero: è come se la Natura, il Pianeta, o anche Dio se volete e per chi ci crede, si fossero rotti abbastanza i cosiddetti per la nostra presunzione, superficialità, pressapochismo, egoismo, intolleranza e ci stesse prendendo a schiaffoni ogni giorno (“a talleri”, con un tagliere di legno spesso, diceva un mio caro zio…) per metterci di fronte alla nostra mancanza di responsabilità.

Da giorni, settimane – in attesa di poterlo rifare serenamente – non è più tempo di giocare ma di assumerla, tutti e ciascuno, questa responsabilità.

Così il sole, se gli avremo facilitato la strada, tornerà prima.

Davide De Vita

 

 

È qui.

CoVid 19 molecola

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Solita doverosa premessa: non sono un esperto, non lo sono in niente, né un medico, né un infermiere, né un qualsiasi operatore sanitario.

Parlo naturalmente di chi, unico vero esercito schierato al fronte, in prima linea a contrastare questa guerra contro il virus, fa parte della sanità pubblica.

Sono uno dei tanti che dovrebbe fare un enorme “mea culpa” per aver sottovalutato l’importanza di tutte queste persone e del loro ruolo; che se ne ricorda – in tempi normali – solo quando gli tocca direttamente o riguarda persone a care.

Ho commesso questo e di certo molti altri errori di valutazione e non solo.

Io.

Non “gli altri”.

Io sono privo di competenze specifiche e scientifiche, perciò non mi permetto di sparare idiozie senza fondamento: dovessi farlo, sparate contro di me.

Non sono neanche un giudice e di sicuro non sono “senza peccato”, per cui non punto il dito, non accuso, se dovessi farlo, sparate contro di me.

Era solo questione di tempo: il virus è arrivato in città, è qui.

Scrivo per questo, dopo il fatto accertato: farlo prima mi sembrava inutile.

Se non fosse arrivato com’è arrivato sarebbe stato in un altro modo, ma nessuno poteva escluderlo.

Non esistono confini: li abbiamo inventati noi, prima nella nostra testa, poi sulle mappe.

Dallo spazio non si vedono.

Il virus se ne frega altamente, l’abbiamo visto, lo stiamo vedendo, lo vedremo.

La città è in forte difficoltà, scuole, biblioteche, archivio chiusi, manifestazioni ed eventi sospesi, compresi quelli religiosi, processioni incluse, ma anche il Paese, l’Europa, il pianeta; non si vuole pronunciare ancora, ufficialmente, la parola “pandemia” però ciò che stiamo vivendo gli somiglia davvero tanto.

La definizione che dà la “treccani.it” è la seguente:

«Epidemia con tendenza a diffondersi ovunque, cioè a invadere rapidamente vastissimi territori e continenti.»

Ognuno tragga le proprie conclusioni.

Lasciando perdere le migliaia di sciocchezze che affollano la rete, credo siano importanti, fondamentali, gli appelli che alcune delle persone impegnate in prima linea – di cui sopra –   stanno affidando ad alcuni video.

In essi si spiega che l’altro rischio vero è che non siano più sufficienti i posti letto e quelli per la terapia intensiva; la misura più concreta per contrastare il contagio è dunque quella di evitare assembramenti composti da numeri elevati di persone, perché in più si è e maggiore è il rischio della diffusione del virus.

Meno si è, meglio è.

Meno si esce, meglio è.

Parole loro, non mie.

Per essere ancora più chiari è per questo che ci viene chiesto, salvo motivi assolutamente indispensabili, di

STARE A CASA.

Non ci stanno chiedendo di fare chissà che: solo di STARE A CASA.

Credo quindi sia il momento – doveva esserlo già da tempo, ma – ahimè – meglio tardi che mai…  – della responsabilità, singola e collettiva, per il bene di tutti.

Io devo essere responsabile, prima degli altri.

Io devo essere responsabile, anche per gli altri.

Io devo essere responsabile, con gli altri.

Questa è una guerra contro un nemico invisibile che non conoscevamo e che difficilmente si poteva prevedere; non sarà breve e sarà dura per tutti; sono solo le prime battaglie, serve combatterle prima dentro la nostra testa, per vincerle, insieme ad un fortissimo, comune senso di responsabilità

Ma forse l’ho già detto…

Sabato, 7 marzo 2020, primo giorno di CoVid 19 accertato ad Iglesias.

Davide De Vita

Buona strada, Mario.

Mario Triverio scomparso il 3 gennaio 2020

Buonasera e chiediamoci un perché.

Perché non dovrei scrivere di Mario?

Sì, certo, sono uno dei tanti, tantissimi che lo potrebbero fare, probabilmente meglio di me, ma…

Sono io, voglio farlo io o anch’io.

Glielo devo.

Il problema è che davvero non so da dove cominciare, tanti sono i ricordi che mi legano a quest’uomo che, comunque la si pensi, è stato un visionario quando altri non lo erano e si è sempre battuto per ciò in cui credeva.

Tanto per cominciare, insieme a Giovanni Diaz ha rifondato lo scoutismo nel Sulcis Iglesiente negli anni Sessanta.

Certo non da solo, tanti si sono fidati e l’hanno seguito, dando ognuno ciò che poteva, facendo ognuno “del suo meglio”.

Ha “visto” l’Agesci prima che questa nascesse e diventandone poi uno dei fondatori; si è battuto per la “Zona” di cui è stato responsabile, portando nei primi anni Settanta più di mille scout a Cortoghiana per un’Inaugurazione.

Se non ricordo male è stato anche Responsabile Regionale e Consigliere Nazionale, ma altri sanno queste cose meglio di me, se ho sbagliato me ne scuso.

La faccenda è – se già non bastasse – che non è questo il punto.

Non per me e non adesso che non ci sei più.

Perché, per esempio, sei stata la prima persona a regalarmi un Vangelo, che custodisco ancora molto gelosamente, ci sono sopra, scritti di tuo pugno, il tuo nome totem “Sparviero” e la tua firma.

Ed ero soltanto un caposquadriglia – scarsissimo, dei Caimani, figuriamoci, hanno fatto anche le vignette su quella squadriglia… – che cercava di capire, tra le altre cose, cosa diavolo fosse quella benedetta “Alta Squadriglia”.

Con te ho camminato, riso, pianto, discusso, disegnato, parlato, ascoltato, cantato, pregato.

Insieme al mio Clan, che era il “tuo” mi hai portato a conoscere Assisi, l’Eremo delle Carceri, quindi Spello e Carlo Carretto.

Sei stato uno dei miei Capi Reparto, poi Maestro dei Novizi, il mio Capo Clan, mi hai dato la Partenza e mi hai accolto in Comunità Capi.

Dalla prima adolescenza fino al tempo in cui son dovuto partire militare ho avuto al collo il fazzolettone dell’Iglesias 2, dove a mia volta sono stato Capo Reparto, mi sono formato, ho preso il “Brevetto” di capo.

Non ho dimenticato niente e credo – spero – di aver fatto miei, anche nella vita, i valori dello scoutismo.

Certo, non sono state sempre rose e fiori e abbiamo avuto visioni divergenti, ma ce lo siamo detti in faccia, anche questo mi è piaciuto, alla fine.

La vita mi ha condotto presso un altro gruppo, quell’Iglesias 6 che è diventata “casa mia” e dove ancora sono stato a mia volta Capo Reparto, Maestro dei Novizi, Capo Clan, capo gruppo: tutto ciò mi ha permesso di capire meglio e fare mie certe cose, certi concetti che per la prima volta ascoltai da te.

In questi ultimi anni ci siamo un pochino riavvicinati e il grande rispetto, la stima e – forse – l’affetto nei miei confronti che ho letto nei tuoi occhi hanno avuto per me un grande valore, un valore ormai “adulto” da entrambe le parti.

Ricordo – tra tanti, innumerevoli ricordi – la tua poesia delle “Orme”: ne hai lasciato davvero tante, non saranno cancellate dalla marea.

Domani (oggi per chi legge) ci sarà il tuo funerale e sono sicuro che ci sarà tanta gente: persone che – parecchio grazie a te – hanno scoperto il valore dell’amicizia e sono amici o amiche ormai da decenni.

Questo anche, basterebbe, ma non basta.

Perché non mancherai solo a Vanna, Alessandro, Alberto, Andrea (che saluto e abbraccio per quando avranno voglia di leggermi) ma a chiunque da queste parti abbia mai indossato un’uniforme prima “cachi” o “grigia”, quindi “carta da zucchero” insieme ad un fazzolettone.

Ci sarebbe tanto altro da scrivere e raccontare ma credo basti così: ognuno ci metterà del suo ricordando quel pezzetto di strada, lungo o corto non importa, fatto accanto a te.

Ciao Mario, sei stato per me una persona veramente importante, segnante e sognante.

Grazie di tutto e per tutto, buona strada

Davide

 

Buon compleanno commissario Spiga!

Panda beige

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Perdonatemi l’autoreferenzialità, ma da due anni a questa parte questo (oggi) per me è diventato un giorno importante.

Non perché sia l’anniversario ufficiale della fondazione di Carbonia, che saluto insieme ai suoi abitanti e ai miei cari parenti che ancora ci vivono, ma perché, nella mia fantasia e poi nei miei romanzi, oggi è il compleanno del commissario Spiga, immaginario capo della stazione di Polizia di Iglesias.

Dire che lui e gli altri personaggi di contorno – naturalmente su tutti il serial killer “Emme” – mi abbiano portato fortuna è dir poco: mai mi sarei aspettato, infatti,  una risposta simile, piacevolmente sorpreso dagli iglesienti, che quando vogliono sono capaci di bellissimi gesti.

Ancora soltanto ieri una persona mi ha fermato alla cassa di un supermercato per chiedermi dove trovare il seguito di “Emme”, perché voleva regalarlo per Natale in quanto il primo gli era piaciuto tanto.

Ma non “tanto per dire”: tanto da regalare “Emme” come bomboniera per un battesimo.

Ieri sera un’altra persona mi ha cercato su Messenger per lo stesso motivo, voleva sapere dove trovare “Durga” per regalarlo per Natale.

Sono solo gli ultimi esempi di quello che è successo e sta succedendo ancora da quando ho scritto e pubblicato “Emme”, che è diventato – allora non me ne rendevo conto – il primo capitolo di quella che per ora sarà una trilogia ma potrebbe diventare un ciclo, una serie.

Devo perciò ancora una volta ringraziare pubblicamente il Maestro Roberto Trastu che ha scritto un brano originale ispirato al romanzo, il bravissimo video maker Ignazio Soddu che ha creato lo splendido video che ancora gira su YouTube e la straordinaria Nicoletta Pusceddu che ha curato la regia teatrale durante la presentazione di “Emme”, dirigendo magistralmente Andrea Sitzia nel ruolo del maniaco Melis segregato nei sotterranei di quella che quasi due secoli dopo sarebbe diventata la biblioteca che conosciamo oggi e dove tutto ha avuto inizio, sia nella realtà sia nell’immaginazione.

Nicoletta avrà poi il coraggio di farmi recitare insieme a lei per la presentazione di “Durga” quest’estate, chi c’era potrà raccontarvi com’è andata…

Roberto, Ignazio e Nicoletta sono stati, molto più di me, il primo, unico e solo “Emme Team”: un’esperienza fantastica, irripetibile.

Dopo quello, infatti, non c’è più stato alcun team, di nessun genere, ma solo sporadiche e occasionali, direi marginali collaborazioni.

Tranne una: poiché l’ho dichiarato pubblicamente durante un altro incontro col pubblico, ripeto qui che per il terzo capitolo – al quale mi sto dedicando da tanti mesi e col massimo impegno possibile – mi sta dando una mano enorme, forte della sua passione per il proprio lavoro ed entusiasta del mio nuovo progetto – la dottoressa archivista e paleografa Daniela Aretino, altra persona squisita che non finirò mai di ringraziare, a prescindere da come andrà “Emme 3” (titolo ovviamente provvisorio).

Come non citare, inoltre, i miei amici prima che colleghi scrittori Pietro Martinetti e Cristiano Niedojadko?

Si sono sorbiti le copie pilota di “Emme”, sono stati fornitori consenzienti di idee – loro – se non addirittura personaggi e continuano a darmi una mano quand’è possibile – tento di fare lo stesso – in un continuo confronto spesso e volentieri …

Davanti a qualche bicchiere di buon vino, ma…

Sempre con moderazione e senza mai esagerare!

Voglio ringraziare inoltre un altro caro amico, sempre molto disponibile, che mi ha portato fortuna: Andrea Sedda, titolare dell’ottimo “Cafè Electra”, piazza Pichi, per lasciarmi usare il suo locale come ufficio di rappresentanza ed essere stato da subito un mio convinto fan.

Lui non posso che salutarlo così: forza Cagliari, sempre e ovunque!

Ancora, una delle titolari del Panificio e Market Vargiu: Giuly, una specie di super agente pubblicitario per i miei libri, molti dei quali… Posso dire li abbia venduti lei!

Un saluto anche per sua mamma, la signora Beatrice, altra mia accanita sostenitrice e affezionata lettrice: unico appunto, se almeno si astenesse dal raccontare i finali, visto che si tratta di thriller, di gialli, gliene sarei grato, ma se non ce la fa…

Va bene lo stesso!

Con enorme affetto, inoltre, voglio ringraziare mia sorella Diana, altra sostenitrice, lettrice e … Venditrice dei miei libri, oltre che fonte di ispirazione per il personaggio di “Durga”.

Anche lei non so più quante copie ha venduto!

Infine, ultima in questo breve ed incompleto – me ne scuso fin da ora – elenco, ma di certo non per importanza, la mia “metà migliore”: Rita che sopporta ormai da anni la mia “follia” letteraria e sa bene tutto ciò che precede l’uscita di ogni romanzo, il lavoro che c’è dietro e mi ha sempre sostenuto, aiutato, letto e riletto, ascoltato, corretto, rivisto eccetera eccetera eccetera…

Che dire?

Amo questa donna!

Torniamo infine al “mio” commissario che oggi compie gli anni: un personaggio che mi somiglia per forza, soprattutto per quanto riguarda i suoi fallimenti.

Non un eroe, ma un uomo normalissimo travolto più che coinvolto nella classica “tragica serie di eventi”.

Chi ha letto almeno il primo romanzo sa a cosa mi riferisco.

Ha problemi di stomaco e sta male ogni volta che mangia pesce, in particolar modo cozze o crostacei, anche se gli piacciono molto; soffre di un tic molto particolare che lo costringe, quand’è nervoso o in tensione – in pratica quasi sempre! – a grattarsi a sangue la mano destra con la sinistra; ha un rapporto molto tormentato con la sua partner professionale Lena Cao che – a corrente alternata – lo è anche nella vita e guida una Panda dal colore orrendo che parte quando il dio dei motori è in giornata buona.

Questo è il “mio” Spiga, che pare abbia incontrato il favore e le simpatie di moltissime lettrici e moltissimi lettori, non solo ad Iglesias: ringrazio tutte e tutti, mi piacerebbe poterlo fare personalmente ma non credo sia possibile.

Così, simbolicamente, nel fare gli auguri di buon compleanno a lui li faccio a tutti per le prossime feste che spero portino serenità e pace ovunque ce ne sia bisogno.

Ringrazio ancora una volta – ci tengo – Iglesias nella sua interezza e complessità, i suoi abitanti così… Iglesienti, nel bene e nel male, ma questo siamo, non possiamo rinnegarlo: una città ricchissima di Storia, storie e misteri ancora tutti da scoprire e svelare…

Beh, ci sto lavorando!

Sono ben consapevole di essere un nessuno qualsiasi, molto più “artigiano della penna, o della tastiera o meglio ancora delle parole” piuttosto che scrittore: se lo sarò diventato, se lo diventerò, sarà solo il tempo a dirlo.

Insomma, buon compleanno commissario Spiga e buon Natale e felice anno nuovo a tutti!

Davide De Vita

P.S.: “Emme” e “Durga” si possono trovare ad Iglesias presso il negozio “Il Diapason” in via Azuni (via “Commercio”) e la Libreria Mondadori Store in piazza La Marmora, oltre che su Amazon e nei principali stores on line, anche in formato e-book.

Ad oggi 18 dicembre 2019, “Durga” in formato cartaceo, sulla piattaforma on line “ilmiolibro.it” è ancora saldamente al terzo posto tra i libri più venduti dell’anno, preceduto da due saggi, per cui è il primo tra i romanzi in classifica.

Grazie di cuore! 

Pensieri sparsi; novembre 2019

Pensieri sparsi copertina 3D

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Come va? Come state?

È da un po’ che non ci si “vede”, eh?

Okay, cominciamo.

Perché c’è da preoccuparsi, parecchio, per come va il mondo, sia quello piccolo piccolo dove voi ed io viviamo (il pianerottolo, il quartiere, la città) sia quello nel senso più ampio del termine (Paese, sistema- nazione, nazioni, macro – aree geopolitiche)?

Perché, da entrambe le prospettive, quella “particolare” e quella “universale”, si vede o intravede poca… Luce.

Non siamo a Venezia, ma più o meno dieci giorni di pioggia intensa ed ininterrotta non solo hanno creato disagi, ma influito anche sul nostro umore che già non era dei migliori.

Sia ben chiaro, chi scrive ha visto i cantieri aperti e ne è contento, pur consapevole che si potrebbe fare di più e meglio, ma il bicchiere mezzo pieno – che è la metafora che preferisco – impone di aggiungere anche che “c’era il rischio di fare meno e peggio”.

Non ho bacchette magiche, non m’interessa un ruolo o un incarico politico, ripeto per l’ennesima volta che non mi ritengo in grado, non ne sono all’altezza, mentre ciò che tento di fare è osservare – quando posso – e raccontare ciò che vedo e sento, questo sì.

Come sempre, sarà la storia o se volete la Storia a scrivere l’ultima parola, ma, volendo restare in materia di “cronaca” bisognerà attendere le prossime amministrative: contano quelle, tutto il resto – sempre a mio modestissimo modo di vedere – è aria fritta o fuffa.

Sinceramente mi preoccupa molto di più l’aria che tira a livello nazionale: vanno a fuoco librerie, locali che si dichiarano apertamente solidali con le stesse, sedi scout.

Sì, è già successo, sono episodi che non hanno avuto la stessa copertura mediatica della gravissima crisi ex Ilva (ora Arcelor Mittal) o dell’acqua alta a Venezia, ma sono accaduti e a me non piacciono, non piacciono per niente.

Così come non mi piace la non – interpretazione del video (nato come sfottò) in cui sono state “rappate” e “remixate” le parole di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia.

Sarò sicuramente l’ultimo ad averlo visto e sentito, ma i ragazzi – pur ripetendone le parole a memoria e ballandoci sopra – non fanno assolutamente caso al significato esatto dei termini usati e di come chi ha composto il video intendesse quanto meno fare satira se non proprio contestare il “messaggio” di … Gggggggiorgia.

Questo perché non sono più capaci di fare una sana e corretta analisi del testo e se, come temo, altre librerie andranno a fuoco, lo saranno sempre meno.

Ho visto le piazze riempirsi di “sardine” e ne sono stato contento, ma in testa mi è tornata la frase – non ricordo di chi – << piazze piene, urne vuote >> ed è questo che ancora e di nuovo mi preoccupa e spaventa.

Vedo una destra rinvigorita e una sinistra smarrita, frammentata e frammentaria, senza una rotta precisa.

Spiacente, ma questo vedo nel nostro tormentatissimo Paese.

***

Lo scenario internazionale è sempre più pauroso: dai ragazzi di Hong Kong che si ribellano contro i poliziotti cinesi con frecce ricavate dagli ombrelli e scudi improvvisati (temono di essere inglobati dall’ultimo colosso “comunista” rimasto sul pianeta) nell’indifferenza totale dell’Occidente, impiegato tanto per cambiare a rimirarsi l’ombelico, Europa in primis, all’eterno esplosivo Medio Oriente, per non dire di Libia, Siria, Libano e via di questo passo, ma tanto – anche se lì si continua a morire – cosa volete che importi a noi, visto che l’Italia di calcio va benissimo e vince addirittura 9 – 1 contro la povera Armenia…

Che manco sappiamo bene dove si trovi, ‘sto posto.

… Brucia libreria, brucia…

Panem et circenses…

Ah già!

Quasi dimenticavo gli incendi spaventosi ovunque qua e là per il pianeta, le grandi città australiane soffocate dal fumo delle foreste in fiamme…

I tornado al largo dell’Isola dell’Elba e gli uragani mediterranei

Tranquilli, non esiste il surriscaldamento globale, è un’invenzione degli ambientalisti più sfegatati che vanno dietro a quella ragazzina, com’è che si chiama, sì, quell’esaltata svedese o norvegese…

Ah già, Greta

… Brucia libreria, brucia…

Ci sarebbe ancora tanto altro, ma mi fermo qui, son riuscito a rattristarmi da solo.

Se mi avete letto fin qui vi ringrazio e quindi vi dico: non preoccupatevi, non preoccupiamoci.

Stiamo solo continuando a distruggere giorno dopo giorno, ora dopo ora, la vita e il futuro dei nostri figli e nipoti.

Ma ci penseranno loro a risolvere i problemi – enormi – da noi creati e lasciati loro in eredità, giusto?

Pubblicità.

Davide De Vita

Gli scacchi ad Iglesias: ricordi personali.

logo Aviscacchi

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Perché, ad esempio, non c’è più in città il glorioso circolo di scacchi “Aviscacchi”?

Sono molte le risposte che potremmo dare e darci e sicuramente altri più qualificati e informati di me lo farebbero meglio, inoltre almeno due degli “insegnanti” di quel circolo da qualche anno continuano a portare avanti la cultura del “nobil giuoco” da una sala della scuola dove ha sede la “Remo Branca”.  Qui da qualche anno allenano nuovi e futuri campioni mietendo successi anche a livello nazionale con le varie squadre scolastiche che hanno ottenuto piazzamenti di rilievo.

Questo è il presente, ma sull’onda della nostalgia e dei ricordi personali, voglio raccontare a modo mio del circolo.

Quando vi arrivai, convinto di saper giocare perché avevo battuto un paio di volte un vecchissimo programma di un altrettanto vecchissimo computer, il mio amico e primo maestro V. M. mi disse semplicemente:

<< Siediti. >>

Dopo una ventina di partite “a cinque minuti” dove le presi di santissima ragione, compresi di non sapere un accidenti di scacchi.

Con grandissima pazienza lui e gli altri mi insegnarono quindi i concetti fondamentali quali l’apertura, il medio gioco, i finali, i maledetti / benedetti finali.

Certo, per i non giocatori sono parole forse senza senso, ma per chi gioca sono il pane quotidiano.

Vidi le numerosissime coppe e targhe, vinte singolarmente o in squadra, sopra gli armadi di quelle due stanzette in alto, alla fine di via Cagliari, dove ci ospitava l’Avis.

Non mi accorgevo, ogni volta che ci giocavo, che il Candidato Maestro L.C. approfittando della mia ingenuità mi toglieva – letteralmente! – dalla scacchiera qualche pezzo come se non gli bastasse pestarmi dato l’enorme divario tecnico tra lui e me…

Restammo comunque amici e lo siamo ancora, gli ho appena fatto gli auguri per il suo compleanno che è proprio oggi!

Poi C.C. e V.M. mi insegnarono di più e cominciai a capire che le sessantaquattro caselle andavano osservate tutte e poi di nuovo e di nuovo e di nuovo ancora.

Mi spiegarono che era necessario studiare e vidi per la prima volta il glorioso “Porreca[1], poi mi comprai un’enciclopedia degli scacchi.

Nel frattempo il circolo viveva e coltivava campioni e campionesse: E.P. a divenne campionessa italiana under 16 e gareggiò in tornei internazionali; si riuscì a portare gli scacchi nelle scuole e in città ci furono i primi tornei scolastici che interessarono le superiori.

Non bastava.

Tentammo un esperimento a Villamassargia in accordo col personale scolastico e insegnammo gli scacchi ai bambini della scuola materna (o dell’infanzia per i nuovi puristi… ) 

Portammo una scacchiera gigante e facemmo impersonare agli stessi bambini – entusiasti – i pezzi spiegandone i movimenti facendoli fare a loro.

Rimase proverbiale una domandina:

<< Signor Maestro, perché l’alfiere muove storto? >>

Dalla quale riuscimmo ad insegnare e far comprendere a bambini dai tre ai cinque anni il concetto di diagonale.

Per quanto mi riguarda, cominciai a partecipare ai tornei ufficiali, ricordo soprattutto quello di Ghilarza, ma non rammento l’anno, dove finalmente non feci del tutto schifo, anzi, me lo dissero dopo, stavo per vincere contro uno dei più forti giocatori presenti allora, che però era troppo esperto rispetto a me.

Vidi anche ciò che non si dovrebbe mai vedere: un giocatore che, avendo inequivocabilmente perso, si alzò in preda al nervoso e in un impeto di rabbia spazzò via tutti i pezzi, suoi e dell’avversario, facendo volar via anche la scacchiera tra lo sgomento dei presenti e scatenando l’ira di arbitro e organizzatori…

Ora che sono passati tanti anni, posso citare anche un altro torneo al quale partecipai, un semi – lampo credo, a Tertenia, al quale andai – mamma mia quante curve partendo da Iglesias! – perché… Mi aveva appena piantato la ragazza, il giorno prima.

Beh, non credo di aver giocato proprio con la massima concentrazione.

Partecipai anche ad altri tornei a Cagliari dove conobbi altri giocatori molto forti tuttora e persone degnissime di altri circoli che incredibilmente si ricordavano di me nonostante non fossi ‘sto fulmine di guerra e tra i tavoli dei tornei mi si vedesse raramente.

Partecipai o comunque mi feci vedere anche ad alcuni tornei organizzati ad Iglesias, fino alla mia ultima partecipazione ad un torneo di scacchi viventi proprio in piazza Sella.

In conclusione, questo è un grazie a quel circolo e a ciò che ha rappresentato per me e per tante altre persone per forse due decenni.

Così come è una rinnovata dichiarazione d’amore per un gioco che non è soltanto un gioco ma molto di più: uno strumento che insegna a ragionare, analizzare, prendere decisioni.

Un gioco, una cultura, una scienza, un’arte che ha origini antichissime e la cui origine si perde nella notte dei tempi e che ancora appassiona tantissimi scacchisti, agonisti o semplici amatori.

Scacco matto, stretta di mano all’avversario.

Davide De Vita

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Porreca

Faccio cose, vedo gente… In salsa iglesiente.

faccio cose vedo gente con municipio e cattedrale

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Salve a tutti, è un po’ che non ci si vede, come va? Passate bene le vacanze, chi ne ha potuto godere? Com’era il mare che ho potuto (ma anche voluto, siamo onesti) vedere solo qualche giorno?

Occhei, perdonate le banalità, ma le ho scritte per “inquadrare il contesto” come direbbero autori molto più prestigiosi del vostro umile artigiano della penna o della tastiera, visto che veleggiamo verso la fine dell’estate duemila diciannove e l’inizio dell’autunno che ha già cominciato a manifestarsi.

Ricominciamo quindi a chiederci qualche perché, in queste che sono riflessioni su tutto e su niente e che, bontà vostra, pare leggiate spero con piacere.

La prima che mi viene in mente riguarda la politica italiana ed è sotto gli occhi di tutti: perché quello lì non c’è più.

Quello lì “non c’è più” perché ha compiuto quello che la Storia ricorderà come il più idiota dei suicidi politici che si potesse compiere, essere al governo forte di un consenso smisurato ed aprire la crisi, facendolo di fatto crollare (il governo) e servendolo su un piatto d’argento sia ai propri ex alleati sia ai propri avversari (anche se nel suo vocabolario erano e sono “nemici”).

È successo l’insperabile, dando ragione ancora una volta al vecchio adagio che recita:

<< sediamoci sulla riva del fiume ed attendiamo di vederci passare davanti il cadavere del nostro nemico >>, più o meno.

Beh, quello lì nel fiume s’è proprio tuffato e vedremo in quanti lo seguiranno nella manifestazione di piazza annunciata per protestare contro tutto e tutti, a go go.

La Storia, che non perdona i vinti, è già avanti, lui è già il passato ma non se n’è ancora reso conto.

Brutta storia (minuscolo voluto) l’ignoranza in evidenza… 

Nelle prossime puntate di questa italianissima soap opera politica vedremo che accadrà.

***

Solita piccola e doverosa premessa per i meno attenti: sono uno qualunque, che si guarda intorno e scrive, tutto qua e nient’altro che questo.

 Nel nostro piccolo orticello; 

incontro 1.

Capita, nel nostro villaggio che vorrebbe tanto essere una bella città (e sotto molti aspetti si sta impegnando per riuscirci) così come una semplice contadina d’altri tempi sognava di diventare ed essere una gran dama, che il sottoscritto esca di casa e come recita il titolo del pezzo, “faccia cose e veda gente”.

Ora a me Moretti non è mai piaciuto, questione di gusti, ma riconosco che molte sue trovate sono diventate patrimonio non solo dell’immaginario collettivo ma anche del nostro comune parlare, quindi onore al merito.

Al contrario amo senza limiti il “villaggio” dove vivo, problemi (innegabili, ma che si possono se non risolvere almeno contrastare e a mio modestissimo avviso qualcosa in quella direzione si sta facendo), difetti, prospettive, potenzialità e sogni compresi, il pacchetto completo e non sto citando molto altro. 

L’ho già scritto ma ribadirlo non credo faccia male. 

È capitato quindi che qualche giorno fa sia uscito con degli amici e colleghi scrittori coi quali abbiamo giocato a far finta di essere un po’ come quei circoli di due secoli fa presenti soprattutto in Inghilterra e a… Parlare dei mondi, degli universi che la nostra fantasia ha già costruito e continua a costruire e di tante altre cose, cosette, cosacce.

È stato molto piacevole come tante altre volte, magari a voi che leggete non importa proprio nulla di tutto ciò, ma per chi scrive o almeno ci prova, questi incontri e/o confronti sono molto importanti oltre che gradevoli – non nascondo che si parla intorno ad un bel calice di vino, per la precisione l’altra sera era “Carignano di Calasetta” giusto per fare un po’ di pubblicità ma il nettare in questione la merita tutta – e ne approfitto per ringraziare anche per mezzo di queste righe i miei compagni d’avventura.

***

Incontro 2 e fatti bizzarri.

Arriviamo infine all’incontro piacevolissimo di ieri sera: mi sforzerò di non fare nomi, ma ci avete visto in tanti, ergo non credo ce ne sarà bisogno. Capita dunque che mi sia deciso di fargli un regalo, così, a sentimento, un regalo impalpabile, etereo e lui abbia ricambiato facendone uno a me, altrettanto immateriale ma che considero preziosissimo.

Non preciso e non puntualizzo, a suo tempo si saprà, almeno spero.

Quello che mi colpisce ogni volta che ci incontriamo (e ci conosciamo di persona solo da pochi mesi) è l’empatia reciproca che va oltre la stima e l’ammirazione l’uno nei confronti dell’altro.

Cose che accadono quando si incontrano persone che oltre ad osservare la realtà che le circonda, si cimentano nel raccontarla – ognuno col mezzo che predilige, sia la macchina da presa o la tastiera – a modo proprio, col proprio stile, in modo assolutamente libero.

Questo nostro fare, creare, lascerà un segno?

Mi si dice di sì, forse sarà così, mi piacerebbe accadesse ma forse per scarsa autostima non ne sono così certo.

Parlo per me, che scherzo spesso sul fatto che mi farebbe davvero incazzare una eventuale …

Gloria postuma.

Che poi – anche se non nego che ovviamente mi farebbe piacere – non la cerco, non mi interessa: mi interessa e mi piace moltissimo scrivere, mi sono trovato a ripetere a me stesso già molto tempo fa che sono nato per quello e se non lo faccio sto male, mi manca l’aria.

Non pretendo che si capisca fino in fondo questa mia grande esigenza, però è così, per spiegarmi meglio non mi paga nessuno (per scrivere questi e tanti altri pezzi precedenti) anzi pago io (il dominio del blog ha un costo annuale) pur di poterlo fare e continuare a farlo.

Detto ciò, capitano anche, quando ci incontriamo con la persona di cui parlo e che ovviamente si riconoscerà, episodi per così dire …

Bizzarri che sarà lui a decidere se raccontare o meno.

Concludo ribadendo che incontri come questo sono per me molto significativi e preziosi, arricchenti, perché offrono una marea di spunti di riflessione e ancora una volta mi pongono più domande che risposte. 

E’ ciò che preferisco, perché mi aiuta a mettere continuamente in discussione ciò che faccio, dico, penso, scrivo, sono.

Insomma, se non si fosse ancora capito, questo è un enorme grazie, amico mio.

Per sdrammatizzare: sarà vera gloria?

Ai posters (ma anche a qualche manifesto) l’ardua sentenza! 😉

Davide De Vita

P.S.: se qualcuno ha pensato, pensa o penserà che stessimo parlando di politica, non è così.

Non ne stavamo parlando, la stavamo facendo