Il “governo Salvini” e la legge dei puri.

Salvini Conte Di Maio caricature

Buonasera e chiediamoci un perché.

Chiediamocene più d’uno, anzi, ch’è meglio.

Cominciamo col

<< Perché Matteo Salvini – attualmente a capo di questo governo e non è una battuta – vincerà o avrà comunque un enorme successo alle prossime elezioni europee? >>

Semplice: agli occhi dei suoi elettori, che lo chiamano il “Capitano”, sta facendo benissimo, tra ieri e oggi ha trasformato in decreto-legge uno dei suoi cavalli di battaglia, quello relativo alla “sicurezza” e in tv e sui social è onnipresente, non importa che se ne parli male o malissimo, lui c’è, gli altri no.

Punto.

Si badi bene che chi scrive NON condivide affatto le idee di questo signore, ma sarei il primo dei cretini a non riconoscere che, dal punto di vista del consenso, questo stesso signore sta andando alla grande.

Non così possiamo dire del suo attuale vassallo, Giggino Di Maio, le cui ultime figuracce cosmiche rimediate dalla sottosegretaria Castelli di certo non aiutano, così come gli accertamenti – attualmente in corso – sulle presunte assunzioni in nero di suo padre…

Vogliamo essere garantisti?

Proviamoci ed aspettiamo di saperne di più, ma quando di mezzo c’erano il padre di Renzi o il padre della Boschi (sia chiaro, stinchi di santo nemmeno loro…) si scatenarono – mediaticamente – fuoco e fiamme…

Già, perché come mi ricordano le orribili e sanguinose “purghe staliniane” (l’eliminazione sistematica – mediante campi di prigionia, tortura e assassinio) oppure la grande distopia politica del “1984” di George Orwell (da cui, per esempio, ha origine il termine “Grande Fratello”, ma le tante mie amiche e i tanti miei amici che leggono da sempre o comunque chi legge lo sa già benissimo) …:

<< C’è sempre uno più puro dei puri che ti epura. >>

Dicevamo quindi dell’attuale governo Salvini ( in teoria sarebbe il governo “Conte” ma al nominarlo la domanda sorge spontanea: “Conte chi?”) e del suo probabile futuro: non mi piace e non mi piacerà, ma… Potrebbe come si dice “far saltare il banco” e sbarazzarsi di Di Maio in men che non si dica, un Giggino che, al momento, visti gli imbarazzanti balbettii della Castelli, ma aspettiamo con ansia il nuovo assunto galileiano di mr. Toninelli (sarà un caso che i due cognomi facciano rima?) , sta facendo anche lui e a seconda di molti suoi elettori pentiti, la figura del “tenero Giacomo” di settimanale ed enigmistica memoria.

<< E allora il PD? >>

Guardate, stavolta c’azzecca.

Perché i capoccioni di quel che resta del partito ancora stanno guardandosi l’ombelico e giocando a chi ce l’ha più lungo o chi piscia più lontano.

Questo Salvini lo sa, ne trae giovamento e consenso, in poche parole, voti.

Lo capisco io, che non sono nessuno!

Spero di sbagliarmi, perché il conto da pagare sarà salato, enormemente salato, se pensavamo di aver conosciuto il “peggio” ci renderemo conto che invece davvero a questo non c’è limite e chissà a che santo ci voteremo…

Spero di sbagliarmi per il futuro dei figli degli altri: non ne ho, ma mi dispiace lo stesso, perché chi oggi è bambino un giorno crescerà, si volterà, guarderà dritto in padre i proprio genitori e a sua volta chiederà loro:

<< Perché? >>

P.S.: speravo di sbagliarmi anche quando scrivevo, in tempi non sospetti in cui tutti davano vincente Hillary Clinton, che sarebbe stato Trump a vincere le elezioni…

Stavolta, di essere in errore, lo spero proprio con tanta più forza.

Davide De Vita

Del tunnel del Brennero e altre amenità.

Toninelli Salvini e Di Maio

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché, magari prendendo un caffè.

Premessa: chiunque abbia già – come un colpo in canna pronto ad essere sparato – in punta di tastiera la frase “e allora il PD?” è pregato di fare altro piuttosto che leggermi, perché, lo sottolineo, NON è l’argomento di cui vorrei occuparmi, ma restare su ciò che ho in mente e non divagare troppo.

Per gli irrimediabilmente distratti: tutto ciò NON giustifica gli innegabili errori del PD.

Siamo a posto con le premesse e il leggere attentamente le avvertenze prima dell’uso?

Bene. Altrimenti, se avete saltato le righe precedenti, vi prego di ricominciare daccapo e agire di conseguenza.

Ciò detto, arriviamo al dunque: sono preoccupato, se avessi dei figli lo sarei ancora di più, perché il fatto che siamo in mano a degli ignoranti, incapaci, incompetenti è sotto gli occhi del mondo, ahimè.

La manovra economica, il famoso DEF (decreto di economia e finanza) è stato definito sbagliato, incompleto, senza coperture adeguate da chiunque ne mastichi un po’ NEL MONDO, tranne che da Stanlio e Ollio, sì, il Gatto e la Volpe, insomma, ci siamo capiti, Giggino e Matthew.

Loro no, loro (che già cominciano a mostrare che su parecchie cose non vanno d’accordo, contratto di governo o no) “tirano dritto”, avanti tutta verso il …

Baratro.

Poi se volete essere cool, chiamatelo “default” modello Grecia o meno pomposamente rovina economica del Paese.

Pure, non è difficile come concetto: è la vecchissima ed efficace metafora della coperta troppo corta.

Se tiri verso la testa lasci scoperti i piedi e viceversa, insomma non basta per coprire tutta intera una persona.

Tradotto: non solo non ci sono i soldi per fare ciò che i due buontemponi hanno promesso e ripromesso, ma a forza di dichiarazioni roboanti, mr. “Spread” continua inesorabilmente a salire, salire, salire, mangiandosi ogni giorno miliardi di euro di interessi insieme a quel pochissimo di credibilità che ancora l’Italia aveva.

Poiché benissimo non me lo ricordo nemmeno io, facciamo un breve ripasso su cosa sia questo spauracchio dell’economia, mr. “Spread”, appunto. Beh, questo è: 

La differenza tra il rendimento dei titoli di Stato Italiani e Tedeschi. Esempio: se il rendimento dei titoli di Stato Tedeschi è del 2%, e il rendimento dei titoli di Stato Italiani è del 5% lo spread è del 3% (5%-2%).

Ad esempio, se al telegiornale senti che lo spread fra i rendimenti (gli interessi) dei titoli di Stato tedeschi e quelli italiani è a 500 punti base vuol dire che noi italiani paghiamo sui questi un’interesse maggiore pari al 5,00% in più rispetto alla Germania.

Se uno stato è affidabile emetterà dei titoli di stato con un interesse più basso rispetto a uno stato”meno affidabile”.

Quindi, parlando come mangiamo, possiamo affermare che lo spread è anche un indice di “affidabilità” (o fiducia se vogliamo farla ancora più semplice) di uno Stato, in questo caso l’Italia.

Maggiore è lo spread, minore è l’affidabilità, la credibilità di uno Stato: non si crede più, in sostanza, o si crede sempre meno che quel determinato Stato possa onorare in concreto gli impegni presi, nonostante proclami e dichiarazioni di ogni sorta.

Già, “cari” (si fa per dire) elettori gialli e verdi, sappiate che, se avevate dei risparmi, la politica irresponsabile dei vostri eroi ve li ha GIA’ rosicchiati e continuerà a farlo: visto che ragionate con la pancia, magari ora che – nei fatti – vi stanno toccando il portafoglio (tra l’altro avevano promesso, giurato e spergiurato che questo non sarebbe successo…) vi sveglierete dal sonno (pesantissimo) della ragione…

Non basta.

Perché oltre all’inesistente, impalpabile, inconsistente pseudo – primo ministro Conte, a “corte” c’è pure un giullare, l’ineffabile Toni-nulla.

Come faccia questa compagnia di giro a collezionare anche più di una figura di merda (non c’è un altro termine altrettanto efficace, perdonatemi…) al giorno resta ancora un mistero, mentre è sempre meno misterioso il fatto che i conti da pagare, che pagheremo tutti quanti, a prescindere da chi o cosa abbiamo votato, saranno al solito salatissimi.

Non c’è solo il prossimo quindici ottobre da temere, ma il primo gennaio del prossimo anno, quando sarà ancora più chiaro di che morte dovremo morire.

Non si può tornare all’autarchia – ahimè già malamente sperimentata – così come non si può esistere, come Stato, isolandoci appunto dal resto del mondo politicamente ed economicamente, come, per esempio, la Corea del Nord, che almeno apparentemente sta compiendo minuscoli passi d’apertura verso l’occidente.

Noi no, noi si tira dritto, verso dove fingiamo di non saperlo, tanto a breve ci saranno le elezioni europee e tutto cambierà… La stessa Europa così com’è adesso – dicono Giggino e Matthew – non ci sarà più.

Questo lo vedremo dopo aver letto i dati ufficiali, nel frattempo, cari miei, cari tutti miei, saranno ancora e sempre sudore, lacrime e sangue.

Lì a “corte” però ci sarà sempre l’“irresistibile” (si fa per dire, è ironico, per chi non l’avesse capito…) Toni-nulla che si inventa tunnel che non esistono, mentre Giggino sta ancora facendo i conti con le percentuali di H2O della quale – secondo lui – è fatto il corpo umano… Nozioni da scuola elementare, evidentemente …

Non pervenute.

Non basta ancora: perché un altro “genio”, l’attuale ministro dell’istruzione Bussetti (che leggo ora ha la mia età…) proclama prima che la vita non si impara sui libri (fa un certo effetto, detto da un docente universitario…) poi abolisce il tema di storia dall’esame di maturità… Ma sì, rendiamo i nostri ragazzi ancora più ignoranti di quanto già non siano – non tutti, grazie al cielo … – e freghiamocene altamente del fatto – non opinione – che nel resto d’Europa quasi tutti i loro coetanei li sopravanzino come formazione e preparazione scolastica…

Ce ne sarebbe più che abbastanza, in un Paese normale, per cacciarli a pedate, non i ragazzi ma quelli lassù, sui vari colli del potere, ma … Questo non è un Paese normale così come, evidentemente, non lo sono tanti suoi abitanti, che però continuano a proclamarsi contenti di come stanno prospettandosi le cose, tanto è sempre colpa degli altri, di chi c’era prima, dei “poteri forti”, di Cicciobello (nero…) e di Barbapapà.

Il disastro del cagliaritano di ieri undici ottobre l’ha fatta passare sotto silenzio, ma una delle battute migliori, tragicomiche, circolate in rete nelle ultime ore è stata  la seguente:

<< Dopo l’allarme di criticità massima dato dalla Protezione Civile, il ministro Toninelli per precauzione ordina la chiusura al traffico del… Ponte di Messina. >> (grazie a Rita Cao che l’ha letta e a Antonella Origa che l’ha condivisa).

Al momento, stiamo messi cosi.

The show must go on.

Davide De Vita

Tandem nos habere imperium

Governo Conte 31 maggio 2018Buonasera – o buongiorno e chiediamoci un perché.

Ce lo chiederemo per mesi, per anni, dei poveri disgraziati di studenti del futuro lo studieranno a scuola (forse…) e non ci capiranno niente lo stesso, ma… È finita, quest’interminabile, grottesca, folle, costosissima telenovela che in molti hanno definito semplicemente “caos governo” è finita. Ce l’abbiamo, un governo, da circa un’ora al momento in cui scrivo.

A proposito, la frase in latino del titolo significa appunto 

<< finalmente abbiamo un governo >>

Abbiamo visto in diretta Mattarella soddisfatto e sorridente uscire da quel portone con ai lati i due imponenti corazzieri (unici ad essere per disciplina rimasti seri e austeri in tutto questo guazzabuglio) e dire che sì, il governo ora c’è, il Presidente del Consiglio, professor Conte e i suoi ministri giureranno domani (forse oggi per chi leggerà queste righe il primo di giugno) alle quattro del pomeriggio.

Poi tutti a casa che è venerdì e sabato è la festa della Repubblica o di quel che ne rimane, a seconda dei punti di vista…

A prescindere dai punti di vista, invece, questi quasi tre mesi di non-si-sa-bene-che-cosa, con quel tackle-in-scivolata dello stesso Mattarella contro gli stinchi del professor Savona che per alcuni è un capolavoro politico e per altri un’incomprensibile follia, sono costati e costeranno all’Italia cifre iperastronomiche, si parla già di decine di miliardi bruciati a causa dell’enorme perdita di tempo.

Perché, di nuovo da qualunque parte la si guardi, è con l’economia prima di tutto che, scusate il forzato e forzoso gioco di parole, bisogna fare i conti, signor Conte appena (di nuovo) incaricato…

Traduco per tutti: se ho a malapena i soldi per acquistare una Fiat Duna (la più brutta macchina che sia mai stata disegnata …) di quindicesima mano, non posso nemmeno pensarci, alla… Ferrari di Vettel!

Di più: se arrivo a fatica non a fine mese, non a fine settimana, ma a fine giornata e non so cosa mangerò domani, non è che abbia proprio tutta questa voglia di andare a leggere (e capire…) cos’è la Costituzione e cosa dice in merito…

Fatta questa più che doverosa premessa che in qualche modo ci ricorda che esiste – eccome se esiste – quello che “quelli bravi e competenti” chiamano il “paese reale”, abbiamo assistito (quando non partecipato in prima persona) ad un interesse per le cose della politica che difficilmente s’era visto prima. Complici le tv ma soprattutto i media, i social e – so di ripeterlo in continuazione, ma è così, siamo fatti così, soprattutto i maschietti, col pallone e quell’altra cosa sempre in testa … – con il “lutto” non ancora metabolizzato dell’esclusione dai Mondiali di Calcio al sorgere di migliaia, milioni di improvvisati, ma proprio tanto super esperti di Costituzione …

Ora, ragazzi, ho già scritto che esami di diritto ne ho dato solo due e quindi proprio non sono un costituzionalista, ma il signor Sergio Mattarella, comunque la si pensi, dice Mamma Wiki che …

 nel 1964 si laureò in giurisprudenza presso l’università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti e la lode, discutendo una tesi su “La funzione dell’indirizzo politico”.

Poi… 

 intraprese la carriera accademica presso l’Istituto di Diritto Pubblico dell’Università di Palermo, come collaboratore di Pietro Virga, divenendo nel 1965 assistente di diritto costituzionale, e poi professore associato, insegnando diritto parlamentare sino al 1983,

che sembrerebbero cose buone, giuste ed encomiabili, ma fu sempre lui che …

…curò il progetto di riforma complessiva della scuola elementare che dopo alcuni anni di sperimentazione, con la legge 148 del 23 maggio 1990, rese universale il modulo dei tre insegnanti su due classi portando al superamento del tradizionale maestro unico…

Di cui si discute ancora, così come di quanto segue:

Nel corso dell’XI legislatura fu relatore delle leggi di riforma del sistema elettorale della Camera e del Senato che, recependo l’esito del referendum del 1993, introducevano una preponderante componente maggioritaria sia pure mitigata dall’attribuzione, con il sistema proporzionale, del 25% dei seggi. La legge Mattarella, alla quale il politologo Giovanni Sartori diede l’appellativo di Mattarellum, fu impiegata per le elezioni politiche del 1994, del 1996 e del 2001. Mattarella, inoltre, fu componente della commissione bicamerale per le riforme costituzionali, della quale per pochi mesi ricoprì l’incarico di vicepresidente…

Insomma quest’uomo, questo democristiano (non svaniranno mai, è una pia illusione che scompaiano… ) che ha cavalcato i decenni e – massima e assoluta solidarietà per questo, senza se e senza ma – ha raccolto tra le proprie braccia il fratello morente assassinato dalla mafia, è cresciuto a “pane e costituzione” per cui è lecito pensare che fosse ben consapevole di ciò che faceva… 

Il resto è storia recentissima se non cronaca degli ultimi giorni e delle ultime ore, ma il succo del discorso qual è: di sicuro il Presidente la Costituzione la conosce…

Vogliamo dire, per tenerci bassi, almeno meglio di me?

Che poi il suo gran rifiuto dell’euroscettico Paolo Savona sia stata una grande mossa o… No (non voglio essere volgare), credo sarà appunto la Storia e soltanto quella a giudicarla.

Nel frattempo, votatissimi e come è giusto che sia in democrazia, Luigi e Matteo, facendo un passettino di lato a testa e rinunciando entrambi alla carica di premier (da quel che ho appena letto faranno entrambi i vicepremier e i ministri di ministeri importantissimi, lavoro e politiche sociali il primo, interno il secondo) a favore di Conte, si godranno da domani un grande momento di popolarità molto vicino al trionfo.

Poi certo arriverà anche per loro la dura realtà e i conti che bisognerà far tornare, di qualsiasi colore sia la “casacca” indossata e l’ideologia (o post – ideologia) propugnata e promossa fino adesso, ma quella è un’altra storia, per qualche giorno può aspettare.

Personalmente non mi piace questo governo, non mi ci sento rappresentato per nulla, credo che il Movimento 5 stelle sia molto simile (seppur figlio di questi tempi e non di quelli) al Partito dell’Uomo Qualunque di qualche tempo fa, con in più robusti innesti tecnologici e frasi fatte o slogan molto simili a quelli che si possono leggere in certi uffici dove alle pareti sono appesi dei “poster motivazionali”…

Questo però è solo il mio parere e chi la pensa come me le elezioni le ha perse.

Non mi piace nemmeno la Lega, mi fa quasi paura per le sue nemmeno troppo celate idee quasi autarchiche e pericolosamente più destrorse di quanto non sembri, non mi piace Salvini ma gli riconosco una capacità affabulatoria fuori dal comune: sa parlare alla “sua” gente (anche Di Maio lo sa fare, riconosciamoglielo) dicendo ciò che la sua gente vuol sentirsi dire, ma, lo ripeto ancora una volta, vediamolo – vediamoli – alle prese con la dura responsabilità di governare.

Sapete che mi piace moltissimo la Storia, quindi sono andato a rispolverare la figura di un De Gasperi o del povero Moro, ricordato di recente, ma anche di un Berlinguer che come minimo diceva cose di sinistra: uomini, guarda un po’, con una robusta, solidissima preparazione di base prima e politica poi, statisti, persone che non pensavano alle prossime elezioni ma ai prossimi decenni, quelli che stiamo vivendo non esattamente benissimo e nei quali classe dirigente e politica (da noi eletta, si badi bene, noi che  sempre di più sembra abbiamo dimenticato il valore della competenza, della formazione, della preparazione reale nei vari ambiti) tendono o hanno paurosamente raggiunto la…

Mediocrità.

Ciò detto e ripetendo per la miliardesima volta che queste sono solo mie considerazioni personali, quindi sempre opinabili, ma di cui rivendico l’unica e sola proprietà e responsabilità intellettuale, auguri al nuovo governo, auguri Italia e…

Che Dio ci aiuti!

Davide De Vita

 

 

 

Il Gatto – Salvini e la Volpe – Di Maio: ogni favola è un gioco, ma…

Salvini Gatto e Di Maio Volpe

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Già.

Se vivessimo in una favola potremmo chiederci: perché ostinarci ad impiegare tempo, fatica e denaro nella preparazione nostra e/o dei nostri figli, facendoli studiare fino alla laurea?

Di più: perché affannarci, noi stessi, i nostri figli quando non i nostri nipoti, nella disperata ricerca di un’occupazione o nel tentativo di salvare quella che, a questo punto miracolosamente, ancora abbiamo?

Visti gli attuali, attualissimi esempi che ci giungono dalla favola che si vive lassù in alto (vedi la selva di microfoni fuori dallo studio del Quirinale due giorni fa che attendevano il Gatto e la Volpe) , non serve a nulla.

Soprattutto se, in tempi come questi dove nel paese che non è dei Balocchi ma potrebbe essere dei <<ciechi>> ( nel senso di chi non vuol vedere come stanno davvero le cose ), dove un guercio è re, si è dotati di una convincente parlantina (chi se ne frega dei contenuti, la platea ama sentirsi dire ciò che vuole sentire) e si è riusciti abilmente a scansare ogni tipo di lavoro degno di tal nome – o quasi – utilizzando la scalata in carriera politica anche per giustificare l’insuccesso negli studi prima e il non aver in sostanza mai lavorato poi, beh allora, come si diceva, perché sacrificarsi?

È inutile, ripeto: perché se ce l’hanno fatta loro, ce la può fare chiunque.

Come in una favola.

Salvo poi, piccolissimo dettaglio, fare i conti con la realtà e la Storia…

Beh, se la si conosce.

Per inciso: nemmeno io sono laureato – non mi basteranno altre quattro vite per finire di pentirmi di non aver proseguito gli studi: quando avevo tempo e possibilità mi mancava la voglia, lo dico proprio ufficialmente, mentre ora che ne avrei voglia e possibilità non ne ho il tempo – ma non ho mai pensato di candidarmi, nemmeno come consigliere comunale, giusto per lambire anche il tema locale, caldissimo in questi giorni nelle lande in cui vivo…

Loro due invece sì, loro, per citare Orwell, si sentono evidentemente più uguali degli altri, mentre è notizia di ieri o di poche ore fa che l’incarico al signor professor Conte non sia più così tanto sicuro, ma la telenovela prosegue…

Si diceva della realtà e della Storia: la realtà è che, per attuare i sogni espressi nel cosiddetto Contratto di Governo (volendomi fare del male, molto male, mi son letto, ma lo trovate ovunque in rete) ci vorrebbero più di cento miliardi di euro all’anno.

Sì, avete capito bene, non sono << cento da spalmare nei cinque anni di legislatura >> come ha affermato, durante una trasmissione tv, Beppe Grillo e non basterebbero mai i venti o trenta miliardi di una << normale finanziaria >> da lei citata.

Torniamo per un attimo al << caso Conte >>: non avevo mai sentito parlare di lui come penso la maggior parte degli italiani, ma era chiaro che, una volta ufficializzato il suo nome, avrebbe avuto tutti i riflettori puntati su di lui e gli avrebbero fatto le pulci.

Mentre si attendono chiarimenti sui suoi veri o presunti <<approfondimenti di studio >> in varie prestigiose università straniere, non mi sembra proprio il caso di prendersela contro di lui per un’onerosa cartella di Equitalia che – quella sì – parrebbe tra l’altro abbia pagato. Quattro quinti d’Italia sa cosa significhi, soprattutto se proprio a pagare non ce la si fa, per non dire di quanti, purtroppo, per una di quelle cartelle si sono tolti la vita (argomento dimenticato fin troppo in fretta da tutte le forze politiche).

Era altrettanto ovvio che avremmo avuto addosso gli occhi del mondo, nel quale esistono delle regole, delle leggi e dei trattati internazionali che, guarda un po’, vanno rispettati, altrimenti ci sono sanzioni e penali pesantissime che andrebbero ad aggravare il già quasi infinito debito pubblico… Non solo: anche la geologia ci insegna parecchio, perché non abbiamo materie prime (una quisquilia evidentemente secondo i nostri eroi…) e le nostre industrie principali sono di trasformazione dei materiali o comunque

Il Gatto e la Volpe tutte queste cose le sanno benissimo, nonostante fingano di essere in grado di contrastarle, non si sa bene come, ripeto anche dopo aver letto il loro << Libro dei Sogni >>.

Il Preside Mattarella prende ancora tempo, infastidito sia dal curriculum non troppo chiaro del professor Conte, sia dal nome dell’euro-scettico professore – questo sì di chiara fama – economista Savona, che proprio non gli va giù, mentre gli italiani, che lentamente si stanno rendendo conto che le elezioni, numeri alla mano, alla fine non le ha vinte nessuno, aspettano non si sa bene cosa, non si sa bene chi.

C’è il rischio che s’incazzino ancora di più, visto che sono (siamo) pure orfani della Nazionale ai Mondiali, con la quale ci saremmo ancora illusi di contare qualcosa nel Grande Gioco dell’Economia e della Politica globale.

I sogni prima o poi finiscono e la realtà è sempre dura da accettare, ma proprio con quella – e con la Storia come dicevo – bisogna sempre fare i conti.

Uno solo, un << Conte >> non basta.

Davide De Vita

Fonti: 

https://www.ilpost.it/2018/05/18/costo-programma-lega-movimento-5-stelle/

https://www.agi.it/fact-checking/costo_reddito_cittadinanza_abolizione_fornero_flat_tax-3912582/news/2018-05-17

Di Maio? No, grazie.

Di Maio candidato premier per i 5 Stelle

Buongiorno, buona domenica e chiediamoci un perché. Me lo chiedo io, ci metto la faccia, come si usa dire, ribadendo per l’ennesima volta che solo della mia opinione si tratta.

Perché, fuori dai denti, non mi fido di Di Maio?

Perché, sottolineo ancora che solo del mio pensiero si tratta, è l’espressione di un movimento viscerale (di pancia) che periodicamente in Italia appare, dati storici alla mano, quasi ciclicamente, con nomi diversi e colori pure.

Se poi vogliamo spaccare il capello in quattro, visti i dati numerici ufficiali forniti dallo stesso movimento, egli è – in sostanza – l’espressione di una parte minoritaria di questo auto definitosi non partito.

Che le cose in Italia non siano paradisiache lo sanno anche le pietre, così come è risaputa l’assenza di santi in tutte le compagini politiche.

Ci sono però, indiscutibili anche se minimi, segnali di ripresa vera: parliamo di zerovirgola, ma sono i primi di segno positivo dopo dieci anni. Addirittura le stime sono migliori di quanto previsto, per cui permetteranno al governo in carica un più ampio spazio di manovra (qui si parla di economia pura, più che di politica, ma le materie si fondono una nell’altra; potrebbero addirittura crearsi, udite udite, nuovi e veri posti di lavoro!) nella prossima e inevitabile finanziaria.

Questo al Di Maio e al di lui Movimento ( con l’immancabile supervisione, parole sue, del padre protettore Grillo, che fa un passo indietro ma continua a percepirsi come colui che tira i fili, vedi ambigua e fumosa ultima vicenda Fico, giusto per citarne una) non può andar bene: hanno predicato e urlato che l’attuale governo non ne ha fatta una giusta, invece l’Istat o chi per lui, carte alla mano, dati ufficiali incontrovertibili, si permette di dire addirittura che proprio l’attuale governo, certo lentissimamente, è proprio quello che ha compiuto il primo, vero, gracile passo in avanti in direzione dell’uscita dalla crisi e quindi della ripresa.

Come lo si spiega questo alla pancia degli italiani?

Si prosegue con il già noto e abusato << Cambieremo l’Italia a suon di milioni di voti >> pronunciato ieri dal palco dallo stesso Di Maio dall’alto delle sue trentamila (e noccioline) preferenze.

Per la cronaca, secondo quanto detto dallo stesso Movimento qualche giorno fa, avevano diritto di voto cento sessantamila, cento settantamila iscritto, uno più, uno meno. Hanno votato in trentasettemila, quindi anche tra questi ce n’erano diverse migliaia ai quali il Di Maio andava stretto o non andava giù per niente.

Sono le normali dinamiche interne di un partito…

Dicono.

Sì, ma non eravate un non partito?

Chiedo io.

Intendiamoci: non è che veda chissà quali rosei orizzonti nel centro sinistra, nello stesso PD o dall’altra parte, destra o centro destra che dir si voglia.

Sarò l’ultimo degli elettori esigenti, ma mi piacerebbe tanto essere rappresentato da un uomo politico vero, preparato, onesto (vabbé, qui scantoniamo nella fantascienza …) e almeno di spessore.

Non dico un De Gasperi, un Aldo Moro, un Enrico Berlinguer (che già sarebbe veramente tanto…) ma almeno che un pochino somigli ad uno di loro o quanto meno gli si ispiri o sappia chi erano e cos’hanno fatto.

Perché mi sa che in tanti, troppi, ne abbiamo proprio perduto memoria, ahinoi.

D’altra parte, finché sarà ancora permesso, il popolo è sovrano, ergo se continuiamo a voltare la testa dall’altra parte e lasciare che a decidere e scegliere (traduzione: votare) siano solo e sempre gli altri, ci meritiamo qualsiasi cosa arrivi dalle urne.

Amen.

Davide De Vita

Sinottica politica

Sinottica politica

Buonasera e chiediamoci un perché.

Perché, per esempio, ciò che offrono il presente e l’immediato futuro della politica italiana lascia chi scrive quanto meno perplesso.

Solita e doverosa premessa: nell’assoluto rispetto dell’opinione (e del diritto – dovere di voto) di tutti e di ciascuno, mi assumo come sempre la totale responsabilità di quanto sto per scrivere, rivendicandone l’assoluta indipendenza e proprietà intellettuale.

Per quanto complesso, proverò a non scendere nella politica partitica, ma a mettere invece insieme, uno accanto all’altro, gli attuali candidati all’incarico di Presidente del Consiglio, riportando solo uno stralcio delle loro biografie gentilmente fornite da mamma Wikipedia.

Sinotticamente, come i tre vangeli cosiddetti. 

Okay, che vuol dire “sinottici” ? 

I tre vangeli di Matteo, Marco e Luca sono detti sinottici in quanto, per le analogie dei loro contenuti, permetterebbero, se allineati su colonne parallele, una “visione d’insieme” (in greco sýnopsis): dei 661 versetti di cui è composto il testo di Marco, 600 ritornano in Matteo e 350 in Luca; questo è l’esempio più famoso e classico, da cui il concetto di quadro, prospetto sinottico, dove la materia è compendiata in poche ed essenziali notizie schematiche disposte in modo da essere facilmente raffrontate fra loro.

Poiché qui, invece, si parla in ogni caso di comuni mortali, esprimerò esclusivamente a mio rischio e pericolo, alcune personalissime considerazioni.

Vado, in rigoroso ordine alfabetico.

Berlusconi, Silvio.

Milano, 29 settembre 1936. Ha iniziato la sua attività imprenditoriale nel campo dell’edilizia. (n.d.a.: dubbi e perplessità sull’origine dei fondi che gli permisero di cominciare sono stati espressi in numerosi libri, a cominciare da “Il venditore” di Giuseppe Fiori per arrivare agli innumerevoli attacchi di Marco Travaglio)  Nel 1975 costituì la società finanziaria Fininvest e nel 1993 la società di produzione multimediale Mediaset, nelle quali convergono altre società come Arnoldo Mondadori Editore e Silvio Berlusconi Communications. Fondatore di Forza Italia, strutturatasi nel gennaio successivo e confluita nel 2008 ne Il Popolo della Libertà;  poi rifondato nel 2013. segnando la vita politica italiana dalla metà degli anni novanta in poi con un atteggiamento tipico che è stato definito berlusconismo, ampiamente sostenuto dai suoi seguaci ed elettori, ma suscitando anche un duro antiberlusconismo da parte degli oppositori, che ne hanno più volte sottolineato il conflitto di interesse a causa dell’emanazione di leggi ad personam. (*)

Eletto alla Camera dei deputati nel marzo 1994, è stato confermato nelle successive quattro legislature, mentre nella XVII, a seguito delle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013, è stato eletto per la prima volta senatore a Palazzo Madama. Ha ottenuto quattro incarichi da presidente del Consiglio: il primo nella XII legislatura (1994), due consecutivi nella XIV (2001-2005 e 2005-2006), e infine nella XVI (2008-2011). Con 3340 giorni complessivi (corrispondenti ad oltre nove anni), è il politico che è rimasto in carica più a lungo nel ruolo di presidente del Consiglio dell’Italia repubblicana.

Secondo la rivista americana Forbes, con un patrimonio personale stimato in 7,6 miliardi di dollari USA (circa 6,7 miliardi di euro) Berlusconi era nel 2015 il quinto uomo più ricco d’Italia e il 179º più ricco del mondo. Nel 2009, Forbes lo classificò 12º nella sua lista delle persone più potenti del mondo per via della sua dominazione della politica italiana.

È stato imputato in oltre venti procedimenti giudiziari. Il 1º agosto 2013 è stato condannato a quattro anni di reclusione (con tre anni condonati dall’indulto del 2006) per frode fiscale con sentenza passata in giudicato nel cosiddetto “processo Mediaset“. Il 19 ottobre dello stesso anno gli è stata irrogata la pena accessoria dell’interdizione ai pubblici uffici per due anni a seguito dello stesso processo.

A causa della suddetta condanna il 27 novembre 2013 il Senato della Repubblica ha votato a favore della sua decadenza dalla carica di senatore. Attualmente attende la decisiva sentenza della Corte Europea in seguito al cui esito, se positivo per lui, potrebbe ricandidarsi.

(*) La locuzione latina lex ad personam o legge ad personam, indica, una legge o un atto normativo, avente forza di legge, emanato con lo specifico intento di favorire direttamente o indirettamente (o anche sfavorire) un cittadino, un’azienda o un ristretto gruppo di soggetti (ad personam)

Fin qui la scheda, brevissima per ragioni di spazio; comunque la si pensi, Berlusconi ha segnato, nel bene e nel male, almeno un ventennio (triste parola evocante ombre scure…) della politica italiana. Così, mentre per la sua prima “discesa in campo” si poteva ancora parlare di lui come di un corpo “estraneo” alla politica, questo non è assolutamente più possibile oggi. Figura – per moltissimi, voti alla mano – carismatica, potrebbe ancora riservare sorprese, vista l’imprevedibilità degli italiani.

Di Maio, Luigi

Avellino, 6 luglio 1986. Deputato della XVII legislatura della Repubblica Italiana con il Movimento 5 Stelle. Vicepresidente della Camera dei deputati dal 21 marzo 2013, il più giovane nella storia della Repubblica a ricoprire tale carica.

Residente a Pomigliano d’Arco, è il maggiore di tre fratelli. La madre è un’insegnante di italiano e latino mentre il padre Antonio è stato dirigente prima del Movimento Sociale Italiano e in seguito di Alleanza Nazionale.

Dopo il diploma di liceo classico, conseguito con il massimo dei voti si iscrive all’università. Sceglie dapprima la facoltà di ingegneria per poi trasferirsi alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Napoli Federico II, senza tuttavia completare gli studi.

Giornalista pubblicista dal 2007, ha lavorato per un breve periodo come webmaster, per poi lanciarsi in politica candidandosi nel Movimento 5 Stelle.

Ha dichiarato d’aver lavorato come steward allo Stadio San Paolo di Napoli, di aver maturato esperienze lavorative nel campo della regia (in qualità di assistente), dell’assistenza tecnica informatica e della riparazione hardware e di aver inoltre lavorato come agente commerciale, manovale edile e cameriere.

Fin qui la breve scheda, ancora ridotta sempre per motivi di spazio

Questo è quanto, per il volto scelto dai pentastellati (o da chi ha scelto per loro, dicono i maligni, ma chi scrive si astiene…) come candidato alla seconda carica dello Stato. Dovrebbe essere (e per moltissimi lo è, ancora una volta voti alla mano) il vero “nuovo che avanza”, ma solo le urne lo confermeranno o meno.

Salvini, Matteo

Milano, 9 marzo 1973.  Deputato ed europarlamentare, dal dicembre 2013 è segretario federale della Lega Nord. Iscrittosi alla Lega Nord nel 1990, nel 1993 viene eletto consigliere comunale nella sua città, Milano, carica che ha mantenuto fino al 2012. Salvini ha ricoperto vari ruoli all’interno del partito, fino ad essere eletto segretario federale nel dicembre 2013 in seguito alle primarie del partito.

 Nel 1997 inizia l’attività giornalistica: lavora come cronista per il quotidiano la Padania, di cui dichiara: «Un’esperienza affascinante»; dal 1999 lavora inoltre sull’emittente radiofonica leghista Radio Padania Libera. Nel luglio 2003 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti nell’elenco dei giornalisti professionisti.

Anche in questo caso, questo è quanto.

Innegabile il successo personale del “Matteo del Nord”, nonostante la recentissima (ieri) e palese esclusione dal palco (probabilmente anche dal partito, a breve) di Umberto Bossi, che la Lega la pensò e la creò. Personale considerazione (ribadisco, opinione mia): pur dichiarandosi quasi “non politico”, il fiuto di Salvini nel percepire ciò che piace alla “pancia” del paese o da una parte di esso è indubbiamente notevole e non dovrebbe essere sottovalutato, proprio nell’attuale contesto.

Saviano, Roberto

Napoli, 22 settembre 1979.  Scrittore e saggista italiano. Nei suoi scritti, articoli e nel suo libro Gomorra (il suo romanzo d’esordio che lo ha portato alla notorietà) utilizza la letteratura e il reportage per raccontare la realtà economica, di territorio e d’impresa della Camorra e della criminalità organizzata in senso più generale.

Dalle prime minacce di morte del 2006 da parte dei cartelli camorristici del clan dei casalesi, denunciati nel suo esposto e nella piazza di Casal di Principe durante una manifestazione per la legalità, è sottoposto a un protocollo di protezione che dal 13 ottobre 2006 ne prevede la scorta. Per le proprie posizioni è stato destinatario di appelli alle istituzioni da parte di scrittori e altri personaggi della cultura.

Numerose le sue collaborazioni con testate giornalistiche italiane e internazionali. Attualmente in Italia collabora con L’EspressoLa Repubblica, negli Stati Uniti con il Washington Post, il New York TimesNewsweek e il TIME, in Spagna con El País, in Germania con Die Zeit e Der Spiegel, in Svezia con Expressen e in Gran Bretagna con il The Guardian e il The Times.

Poiché la candidatura, sempre nel M5S, per sua stessa ammissione altro non è che una mera provocazione, mi astengo da qualsiasi commento.

In conclusione, un tantino stupisce e brilla per la sua assenza, la casella vuota lasciata al momento dal Centro Sinistra mentre, nella sostanza, al momento al via abbiamo un anziano imprenditore, due giornalisti, uno scrittore. 

Chiamati tutti a risolvere i problemi enormi del Paese.

Mi astengo dal commentare oltre, ma conservo la mia perplessità espressa in apertura.

Staremo a vedere.

Con osservanza e massimo rispetto (lo ribadisco) per qualsiasi opinione e/o posizione civilmente espressa, un saluto dal vostro umile scrivano

Davide De Vita