Recensioni: Joker.

Joker Phoenix

L’ oscena risata del Joker.

Buonasera e chiediamoci un perché.

Perché non è solo consigliabile, ma necessario, vedere il film “Joker” interpretato da Joaquin Phoenix e diretto da Todd Phillips?

Perché Phoenix non è grandioso, è monumentale.

Perché questo è uno di quei film da “prima” e “dopo”.

Sarà la pietra di paragone.

Certo, resta grandissimo il Joker di Jack Nicholson, ma Phoenix si spinge oltre, con quella risata a metà tra l’osceno e il delirante che ti entra nell’anima e risveglia in te, spettatore, lati oscuri che speravi tanto di non avere.

Invece li hai.

Joker – Phoenix scopre e prende consapevolezza di essere stato – letteralmente – preso a calci in culo e in faccia per tutta la vita, a cominciare da chi credeva fosse l’unica persona ad averlo amato e di cui si è preso cura, annullandosi, per anni.

Mi dispiace per lo spoiler, ma quella persona è sua madre, o meglio quella che lui ha sempre creduto lo fosse.

Basta spoiler.

Così questo personaggio nato come antagonista del Batman dei fumetti [1]si evolve ancora nell’interpretazione di Phoenix da quella già grande resa dal compianto Heath Ledger (“Il cavaliere oscuro”, 2008).

Phoenix lo fa più attuale, lo inserisce in una “Gotham” fin troppo sovrapponibile alla New York di oggi, ma quella degli ultimi, dei diseredati, degli homeless di cui diventa una sorta di leader, seppure violentissimo e malvagio.

È malvagio però perché non può farne a meno e la nostra parte oscura, quella inconfessabile che ognuno di noi si porta dentro e nasconde, fa il tifo per lui.

È malvagio secondo il comune sentire e la via maestra e “politicamente corretta” dei buoni sentimenti, ma si ribella, diventa il ribelle per eccellenza, per antonomasia.

La sceneggiatura – scarna, essenziale, lo ammetto, ma tutto sembra studiato per mettere in evidenza la grandezza di Phoenix – fa in modo che lui incontri un Bruce Waine (il futuro Batman) ancora bambino, ma non cade nella facile trappola di seguire la strada dei super eroi.

Qui non ci sono super poteri, qui c’è la follia dell’uomo e degli uomini, tanto che – come sempre – ci si chiede dove sia davvero il confine tra questa e la presunta sanità mentale.

Undici candidature agli Oscar 2020.

Quello per Phoenix come migliore attore protagonista quasi scontato.

Può darsi che i pronostici – come spesso accade – non verranno rispettati, ma secondo chi scrive l’attore, con questa interpretazione magistrale, l’ha già vinto.

Ora permettetemi una nota personale.

Voglio ringraziare pubblicamente l’amico Matteo per le sue parole davvero incoraggianti: mi hanno aiutato molto e tranquillo, la notte stessa ho ricominciato a scrivere.

E poi, Matteo, perdonami l’autocitazione, ma Joker, in fondo, non anche lui una…

Persona gentile?

Davide De Vita

[1] ll Joker è un personaggio immaginario nato dalla collaborazione di Bob Kane, Bill Finger e Jerry Robinson, che ha esordito nel 1940 nel primo numero della serie a fumetti Batman (vol. 1), pubblicata dalla DC Comics. È un pericoloso clown psicopatico, uno dei più celebri supercriminali dei fumetti oltreché la nemesi di Batman. Nelle prime traduzioni italiane era stato chiamato “Il Jolly”, nome italiano più diffuso dell’omonima carta da gioco.