La deriva.

sbarcano dalla Diciotti

Buongiorno e buona domenica, come va, come state?

Pronti a chiederci di nuovo un perché?

Perché, per esempio, siamo giunti a questo punto?

Mi si potrà rispondere: perché gli italiani, o meglio la maggioranza di quelli che sono andati a votare, hanno legittimamente eletto chi ora sta al Governo.

Questi stessi elettori magari non immaginavano che si sarebbe arrivati ad un pastrocchio formato da Lega e M5S, probabilmente meno di tutti i duri e puri del Movimento, la cui base infatti si agita e parecchio, così come forse non eravamo preparati alla strategia della massima visibilità dell’attuale leader della Lega.

L’ho già scritto e altri l’hanno scritto prima di me: si può dire di tutto di Salvini, ma non che sia stupido.

In Italia non passa giorno durante il quale non si parli di lui, nel bene e soprattutto nel male: lo sto facendo anch’io in questo preciso istante, purtroppo rendendogli un servizio, pure gratuito.

Non ci sono chissà quali segreti: dice ai “suoi” quello che vogliono sentirsi dire, facendoli contenti a costo zero.

Non ragionano questi, infatti, sui dati effettivi, ultimo esempio la nave Diciotti, che ha tenuto e ancora tiene banco come prima notizia in questi giorni: il “Capitano” (di cosa?) ha sbraitato per giorni che non sarebbe sbarcato nessuno, che decideva lui, bla bla bla.

I fatti sono che lui è indagato (e pure furioso) per imputazioni pesanti e oggi tutti, capite, tutti, sbarcheranno dalla nave, accolti per la maggior parte dalle diocesi, poi dall’Irlanda (dove guarda caso è in visita ufficiale il capo della Chiesa Cattolica) e dall’Albania, secondo le ultimissime notizie.

(alle otto e trenta erano sbarcati tutti, fonte Sky TG24) N.d.A.

Il “Capitano”, oltre che sbraitare contro tutti, dire “vengano a processarmi” (cosa piuttosto difficile visto l’incarico e il ruolo che ricopre al momento), se davvero vuol dimostrare di essere quello che dice, rinunci all’immunità parlamentare di cui gode, poi ne riparliamo.

A chi – con somma ignoranza – scrive o urla che la Chiesa si dovrebbe occupare prima degli italiani rispondo – ma i dati sono pubblici – che, nonostante quanto si dica male di questa istituzione, proprio la Chiesa attraverso le Caritas e tante altre iniziative, spesso pure di singoli parroci che si arrabattano come possono, da sempre si occupa degli italiani più poveri e non solo di questi, ma di tantissimi, troppi ultimi.

Non nego gli scandali, la corruzione, l’osceno fenomeno dei sacerdoti pedofili (non lo fa neppure il Papa, che proprio in queste ore da Dublino ammette il fallimento della Chiesa in questo campo*), ma che quando non si sa più, letteralmente a che santo votarsi, il primo posto dove da disperati (a prescindere da razza, religione, cultura, ceto sociale di provenienza) ci si rivolge è proprio la Caritas più vicina.

Sono proprio i dati Caritas, tra l’altro, che hanno fornito un quadro allarmante dei poveri in Italia, ben prima che si parlasse così tanto di migranti.

Questo per rispondere ad eventuali dubbi ai quali si faceva cenno poco sopra.

Torniamo al nostro discorso iniziale e al titolo che ho voluto dare a questo pezzo, la deriva.

Troppo facile, cari leader di sinistra o ciò che ne rimane, dare tutta la colpa agli altri, no, non va bene così, non funziona così.

Voi e le vostre politiche non proprio illuminate, voi che vi siete voltati dall’altra parte dando l’impressione che l’unico che dicesse ancora “cose davvero di sinistra” fosse rimasto proprio e solo Papa Francesco, che a guardar bene non ha fatto altro che ricordare il Vangelo e l’attenzione verso gli ultimi della Terra, avete parecchie responsabilità, non siete affatto “verginelle senza macchia, peccato e/o colpa”.

S’è già detto e scritto tante volte, vi siete dimenticati di quella “base” che storicamente era la parte maggiore del vostro elettorato, lasciando che migrasse (eccola la vera migrazione di milioni di… Voti!) verso la Lega e il M5S.

Quindi la “colpa” di tutto questo di chi è, alla fine?

Nostra.

Ognuno di noi, chi più chi meno, ha una parte di responsabilità per come stanno andando le cose oggi in Italia.

Sia che abbiamo votato, sia che non l’abbiamo fatto (è una scelta lecita anche quella e bisogna rispettarla) in quanto schifati da tutto ciò che odorava e odora ancora di politica, il nostro comportamento ha portato dei risultati: quelli che stiamo vivendo.

Il futuro non è dei più rosei: saranno prima l’economia, prestissimo, forse già da settembre, poi la Storia a presentarci il conto di questi brutti, tristi giorni.

Sarà salatissimo, perché ci metterà di fronte una volta per tutte ad una deriva peggiore, molto più triste di quella pur angosciante dei vari barconi carichi di disperati a galla sul Mediterraneo.

Quella delle nostre anime.

Davide De Vita

Fonti:

(RAI News)

* Papa Francesco ha pubblicamente riconosciuto a Dublino “il fallimento delle autorità ecclesiastiche, vescovi, superiori religiosi, sacerdoti e altri, nell’affrontare adeguatamente questi crimini ripugnanti”. Quanto è accaduto, ha affermato, “ha giustamente suscitato indignazione e rimane causa di sofferenza e di vergogna per la comunità cattolica”. “Io stesso – ha scandito – condivido questi sentimenti”. –

(adnkronos)

http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2018/08/25/diciotti-sbarco-immediato-per-migranti_5e3LFVXUw5yfRX5D8DKgiI.html

Questione di scelte. Sempre.

scelte

Buon pomeriggio e chiediamoci un perché.

Questa volta il perché più che altro me lo chiedo io, quindi questa può passare, se volete, come riflessione personale, per cui come sempre se avete di meglio da fare piuttosto che leggere queste righe… Fate pure, non mi offendo! 

Ah. Ci siete ancora? Okay…

Perché, dunque, a poco meno di sessant’anni ho scelto di schierarmi, di dichiarare pubblicamente “da che parte sto” piuttosto che restare passivamente a guardare?

L’ho già scritto altre volte, perché lo ritengo necessario, perché il rimorso (“ho fatto qualcosa, anche se magari sbagliata, ma ho agito”) è sempre meglio del rimpianto (“non ho fatto nulla, ah, se avessi fatto così o cosà…”), perché mi sento di farlo, perché il mio vissuto pare indicare, qui e ora, proprio quella strada e/o quel percorso, perché lo posso fare, da uomo libero.

Consapevole di non avere la verità assoluta in tasca, di cavalcare un’idea, forse un ideale ma non un’ideologia, nonostante ci siano ancora in giro le macerie della stessa…

Il senso è dunque: forse sbaglio, ma ci provo.

Solo chi non fa, non sbaglia.

Sapete, di recente un mio carissimo amico (che ha tutta la mia più incondizionata stima, anzi, forse anche di più proprio per questo) dopo un mio azzardato commento su qualcosa che aveva più che legittimamente scritto, m’ha chiamato con un termine che non riporto, ma che lui capirà.

Beh, un po’ e forse più di un po’ devo dargli ragione, intanto perché è una testa pensante, ragiona, argomenta e non butta giù concetti “random” come tanti altri, nonostante su tante cose la vediamo diversamente (inoltre scrive benissimo e qui c’è più di una punta d’invidia da parte mia…), poi perché spesso assumo davvero questo atteggiamento saccente e, francamente, piuttosto antipatico.

Chiedo scusa a tutti e ringrazio lui che, dopo Rita che con amore e dolcezza ha provato a farmelo capire in tutti i modi, ha ribadito il concetto centrando probabilmente il bersaglio o andandoci vicinissimo.

Fin qui la parte propriamente personale, l’analisi del mio modus operandi sia verbale sia scritto, ma torniamo a bomba – solo per modo di dire, per carità! – e affrontiamo ciò che c’è da affrontare.

Partiamo da quella che ormai è diventata una sorta di battuta:

<< E allora il PD? >>

Esattamente.

Chiariamo: non sono innamorato di questo partito che, siamo oggettivi, rischia davvero l’estinzione.

Mi piacciono, invece, alcune figure emergenti, giovani, che stanno provando – credo – a fare un vero e proprio refresh.

Sono ragazze e ragazzi che potrebbero essere miei figli e nelle quali e nei quali, sarò l’ultimo degli idealisti come ho ripetuto più volte, nutro moltissime speranze.

Perché?

Perché ora o mai più, perché se è vero che il PD in quanto tale com’era e com’è ancora  (e non mi piace) se non si dà una bella strigliata è a rischio estinzione, è anche vero, sempre secondo me, che ha un’occasione unica, storica, per reinventarsi e imbroccare finalmente la strada giusta.

Come?

Il mezzo o i mezzi.

Il Movimento 5 Stelle, che non è il demonio assoluto, ha mostrato come si può usare il mezzo simbolo di quest’epoca: Internet.

Nasce nel e sul web, grazie a questo, streaming dopo streaming, è arrivato al potere, in quello stesso “palazzo” che ha sempre affermato di voler “rivoltare come un calzino”.

Sono “lassù” da poche settimane, sarà la Storia a scrivere il giudizio sul loro operato, ma che sappiano e abbiano saputo usare questo mezzo meglio di chiunque altro è indubbio.

Non c’è naturalmente solo la rete, esistono ancora la carta stampata, la tv, la radio, ma sono sempre più interconnessi alla rete stessa, quindi bisogna migliorarsi, perfezionarsi proprio in questo campo.

I contenuti.

La Storia, la tradizione, i grandi uomini che hanno trasmesso idee e proposte in quello che era prima il PCI e poi è diventato tante altre cose, non possono andare perdute, lo scrivo da persona che non ha mai avuto quella tessera in tasca – non ne ho mai avuto di nessun partito o politiche in genere – ma andrebbero ristudiate, ri – analizzate alla luce del XXI secolo e di chi ci vive; un altro dei concetti sbandierati proprio dai 5 stelle (ma non so, all’atto pratico, quanto realizzato nella vita di tutti i giorni) è che siamo in un’epoca post – ideologica.

Forse.

Fatto sta che, a prescindere dalla provenienza, dall’etnia, dalla religione, dalla fede politica, c’è gente, migliaia, milioni di persone che provengono dal Sud del mondo (non necessariamente geografico) e hanno fame, sete, non hanno accesso non dico ad Internet ma all’istruzione di base, alla medicina di base e via di questo passo.

La rappresentanza.

Chi rappresentare?

Di recente qualcuno ha spiegato che la parola “partito” significa appunto “rappresentare una parte”; bisogna capire quale; sempre secondo il mio modestissimo parere, bisogna ricominciare, per essere nuovamente credibili, a rappresentare gli ultimi, coloro che hanno più bisogno degli altri, che hanno più bisogno di noi.

Italiani, congolesi, coreani, cileni, argentini, ecuadoregni, quello che vi pare.

Persone bisognose, vedi proprio parabola del buon samaritano.

Ribadisco, urlo, scrivo, ripeto: prima le persone.

Cosa c’entra questo con l’essere di sinistra?

Forse, una volta per tutte, proprio questo è essere di sinistra, così come è essere cristiano nella pratica e non a parole, ve lo dice un peccatore che spesso davanti allo specchio ha dovuto abbassare lo sguardo.

Due estremi che si incontrano? Forse. Magari non sono due estremi ma i due volti della stessa, classica medaglia.

Insomma, questione di scelte e… Grazie, amico mio (tu sai chi sei 😉) per avermi dato l’input per questo pezzo!

Davide De Vita

 

Italia giugno 2018 Fahreneheit 451

Italy Fahreneheit

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Perché, se non l’abbiamo già fatto, è necessario prepararci a sopravvivere al periodo appena iniziato che qualcuno ha appena pomposamente definito “Terza Repubblica”?

Perché,  intanto,  non lo è affatto: bisognerà prima vedere se i cosiddetti cambiamenti avverranno sul serio (un esempio su tutti: il celeberrimo reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia dei 5 Stelle, ammesso che vada tutto come loro sperano non nascerà prima del 2020 e sarà molto più limitato di quanto l’immaginario collettivo pensava o pensasse, oltre ad essere già condito da tanti di quei “se” e “ma” che ne ridurranno comunque l’eventuale impatto sociale) e se si troveranno (dove? come? Nello specifico e nel dettaglio, grazie…) le decine e decine di miliardi di euro necessari alla sua realizzazione, per prima cosa e per citare uno dei tanti capitoli del bellissimo << libro dei sogni >> illustrato ieri dal neo presidente del consiglio Conte.

Secondo: tira brutta aria per chi come il sottoscritto crede ancora nonostante tutto nel valore imprescindibile della cultura, dell’educazione, della formazione non soltanto scolastica delle persone e dei ruoli.

Per chi come il sottoscritto s’è innamorato dei libri già in giovane età e farà di tutto per difenderli, a costo di impararne qualcuno a memoria (come appunto in “Fahrenheit 451”, eccezionale e quanto mai profetico romanzo distopico di Ray Bradbury, da me citato molto spesso) pur di garantirne la sopravvivenza.

Per chi – e credo siamo più di quanto si pensi – ha sempre più difficoltà a confrontarsi sui social o nella vita reale con chi è palesemente ignorante (non nel senso dell’insulto, ma semplicemente in quello letterale della parola, cioè “ignora”, “non conosce”, “non ha studiato” o almeno letto qualcosa sull’argomento sul quale pretende pure di aver ragione, purtroppo grazie a strepiti e urla (che possono essere rappresentati anche per iscritto) piuttosto che in seguito ad un ordinato ragionamento.

Ebbene pare che di questi tempi tutto ciò non abbia più alcun valore: “vince” chi urla più forte, fino all’assurdo (per me) che

<<se non la pensi come me, se sei in qualche modo diverso e non omologato alla moda del momento, ti sparo addosso e risolvo>>.

 Spero e mi auguro che le mie siano solo esagerate paure, però il vento che tira è questo e anch’io, anch’io prima di tutti gli altri devo sentirmene responsabile: cos’ho fatto, con tutta la mia cultura, infatti, perché questo, tutto questo non avvenisse?

Cos’ho fatto, con tutta la mia presunzione e la mia superbia (sono difetti che ho, inutile nasconderli) per evitarlo?

Ho sbagliato e tanto, quindi prima cosa individuarli e ammettere gli errori, poi lavorare tanto, per non commetterli più.

Schierandomi, magari, partecipando, mettendoci ancora di più la faccia e la firma, che non è più tempo di stare solo a guardare, anche se non ho figli, oppure proprio perché, interessato come sono da sempre al futuro, penso a quelli e ai nipoti degli altri, insomma alle future generazioni, che voglio immaginare preparate, colte, forti e soprattutto, soprattutto libere (nel senso migliore del termine) di pensiero.

Consapevole di poter sbagliare ancora ma preferendo il rimorso (pentirsi di aver fatto qualcosa) al rimpianto (pentirsi di non aver fatto qualcosa) ma non solo.

Consapevole di dovermi confrontare sempre più spesso con (non voglio cadere nella facile trappola dell’insulto gratuito, ma sono veramente molto tentato…) “persone di cui sopra” rischiando che alla fine non si noti la differenza

Oppure con altre (questa m’è sempre piaciuta…) che non hanno abbastanza intelligenza per capire quanta gliene manca…

Bene, ribadisco che non ce l’ho con nessuno in particolare e sì, stavolta ho generalizzato, ma la mia Resistenza Fahrenheit prosegue e proseguirà!

Davide De Vita

 

 

Il passato, il presente e il futuro attraverso il caso Moro.

Aldo_Moro_br

 

 

Buongiorno e chiediamoci un perché.  

Perché, per esempio, risulta così difficile leggere – nel senso di comprendere – il periodo storico che stiamo vivendo, da qualunque angolazione lo si voglia osservare.  

Abbiamo appena commemorato, ieri sedici marzo, il quarantesimo anniversario del rapimento di Aldo Moro e della strage di via Fani, un tragico episodio della storia italiana sul quale gravano ancora, dopo tanto tempo, innumerevoli “lati oscuri”, a discapito – tanto per cambiare – di quella verità agognata prima di tutto dai familiari delle vittime.  

Non entro in merito alla polemica sulla presenza in tv di alcuni ex brigatisti rossi, ripetendo invece – come faccio da anni – che preferisco sperare piuttosto che sparare, onde per cui non potrò mai accettare la lotta armata come strumento di cambiamento.  

Non è sempre stato così però: nel ’78 ero un ragazzino – anche piuttosto antipatico, a rivedermi ora – di sedici anni che, volendo primeggiare in italiano e avendo come professore uno che si dichiarava apertamente marxista – leninista (in classe, allora non era inconsueto), mi ritrovai a difendere durante un’assemblea d’istituto prontamente indetta (anche questa molto frequente in quegli anni estremamente politicizzati) a poche ore, se non minuti, dal sequestro, l’operato delle BR.  

Nulla sapevo, poco me ne importava – bisogna dirlo, altrimenti se nessuno ha colpa non se ne esce – delle vittime, dei loro familiari, del sangue versato.  

Poliziotti e carabinieri sottopagati immolati in un sacrificio che, alla luce della Storia successiva, non portò a nulla.  

Se non alla coesione delle forze politiche contro le BR e alla loro sconfitta, da attribuire in prima persona alla mente del generale Dalla Chiesa, poi comodamente fatto fuori dalla mafia…  

Cose italiane, come sempre…  

Se vogliamo, possiamo cogliere anche la vicinanza – che strana coincidenza! – della data del sedici marzo col quindici, tradizionalmente ricordata come le << idi di marzo >, giorno in cui fu ucciso Cesare.  

Non è il caso qui di elencare tutti gli omicidi politici – o le stragi – di cui è costellata la Storia italiana, ma di quel sangue siamo eredi.  

Lo dimentichiamo spesso, ma è così.  

Per quanto riguarda il presente – o se vogliamo il futuro, dove timorosi ci stiamo affacciando – non è affatto semplice. 

Sappiamo tutti che, nonostante due siano chiaramente i vincitori delle elezioni (Di Maio e Salvini), da soli non possono avere la maggioranza.  

Col PD fortemente all’opposizione dopo essere finito ai minimi storici, gli scenari sempre più probabili, mentre l’orologio ticchetta inesorabilmente, sono un governo Cinque Stelle – Lega o un governo di scopo, cioè con l’unico obiettivo di modificare la legge elettorale e tornare quindi al voto; qui come al solito gli immancabili analisti danno nuovamente trionfanti i Cinque Stelle e, modestamente, sono d’accordo con loro, la fase storica è quella e non può cambiare in poche settimane o mesi.  

Come legare l’Italia del sequestro Moro a quella di oggi?  

Non si può, o… Quasi.

Sono due pianeti infinitamente distanti, non sovrapponibili, nonostante quella di oggi sia nipote di quella del 1978.  

Allora – non dobbiamo dimenticarlo – esistevano ancora, prepotentemente da entrambe le parti, i due blocchi contrapposti USA – URSS e, per quanto paradossale potesse sembrare, il deterrente nucleare teneva il mondo non in pace (non lo è MAI stato, purtroppo… ) ma almeno lontano da una Terza Guerra Mondiale.

Le due superpotenze si erano spartite le diverse aree di influenza, dove agivano con mezzi leciti e/o illeciti, con una prevalenza neanche troppo occulta dei secondi… Questa è la Storia, ragazzi, santi ce ne sono davvero pochi … 

Anche se non soprattutto in questo contesto va letta la vicenda Moro e la decisione di sacrificare la sua vita in nome del bene superiore dello Stato.

Pure, a rileggere la Storia senza la pretesa di riscriverla secondo il proprio orientamento politico (cosa assai difficile se non impossibile), dovremmo almeno riflettere sullo spessore – e la serietà – degli uomini dello Stato di allora e quelli di oggi.  

Nel bene e nel male, naturalmente.  

Non solo.  

Forse un legame lo si può trovare, anche se in negativo.  

Abbiamo perso, tutti, quell’abitudine al riconoscimento dei nostri errori – quindi all’ammissione delle nostre responsabilità – che forse prima avevamo e che, indubbiamente, ci faceva crescere.  

Oggi conta solo il vincente, che sfiora la sopraffazione.  

Mi riferisco anche – come potrei farne a meno? – ai ragazzi e quindi alla scuola, dove pare che, per tanti genitori – non tutti, grazie al Cielo… – sia fondamentale la promozione a tutti i costi, a discapito della reale preparazione dei propri figli.  

Non mi risultano miei coetanei morti per essere stati rimandati o essere stati bocciati, mentre moltissimi di loro sono persone validissime che godono, per quello che conta, del mio massimo rispetto e della mia stima.  

Oggi, forse anche per ciò che ho appena scritto, c’è il rischio reale che un o una adolescente si suicidi (purtroppo è già successo) per un brutto voto o una nota.  

Non credo questo aiuti a formare donne e uomini nuovi…  

Il futuro, quindi? 

Una grande nebulosa, dove tutto e il contrario di tutto è ahimè possibile.  

Alla prossima, grazie per avermi letto fin qui, chiunque siate e comunque la pensiate.  

Davide De Vita 

Elezioni 2018: la solita coperta troppo corta…

 

coperta troppo corta

Buongiorno e chiediamoci un perché.

Quello di oggi, che già è lunedì, è un signor perché: pronunciamolo insieme, magari a bassa voce che potrebbe essere pericoloso…

Perché qualunque partito – o coalizione – vinca le prossime, vicinissime elezioni, difficilmente potrà mantenere le promesse fatte in questi giorni?

Innumerevoli battute e vignette a parte (in rete abbiamo visto di tutto e ne vedremo sicuramente ancora), perché …

Non ci sono i soldi, non bastano e non basteranno mai.

Non sono di sicuro il primo e nemmeno l’ultimo a proporre queste considerazioni, ma… Facciamolo ugualmente, tanto male non fa.

C’è questa sciocchezzuola del debito pubblico col quale, infatti, chiunque arrivi al governo dovrà fare i conti.

Che cos’è il debito pubblico?

Come al solito, chiedo aiuto a mamma Wikipedia, ma trovate questa definizione anche sui “vecchi” libri, mai siano abbastanza benedetti quei progenitori di tutti i database…

Il debito pubblico in economia è il debito dello Stato nei confronti di altri soggetti economici nazionali o esteri quali individui, imprese, banche o stati esteri, che hanno sottoscritto un credito allo Stato nell’acquisizione di obbligazioni o titoli di stato (in Italia BOT, BTP, CCT, CTZ e altri) destinati a coprire il fabbisogno di cassa statale, nonché l’eventuale deficit pubblico nel bilancio dello Stato.

Ok? Ok.

Invece ‘sto deficit?

Recita ancora mamma Wiki:

Il deficit pubblico, o disavanzo pubblico, è la situazione contabile dello Stato che si verifica quando, nel corso di un esercizio finanziario, le uscite superano le entrate.

Ci siamo?

In sostanza l’Italia spende più di quanto incassa.

Riprendiamo il discorso sul debito pubblico:

Quando il debito, dello Stato o di privati, è contratto con soggetti economici di stati esteri, si parla di debito estero, mentre quando è contratto con soggetti economici interni allo stesso Stato si parla di debito interno: normalmente entrambe le componenti sono presenti in misura variabile all’interno del debito pubblico di uno Stato.

A quanto ammonta secondo gli ultimi dati?

€ 2. 457.325.676.501. 900 alle 07,09 di oggi (dati http://www.italiaora.org) 22 gennaio 2018, in crescita costante come vi mostra questo spaventoso contatore visibile sul sito citato; significa duemila e cinquecento miliardi di euro di debiti o se preferite, visto che in Italia siamo poco meno di sessantatré milioni secondo l’ultimo censimento, ognuno di noi NASCE con già trentanovemila euro di debito sulla testa (debito pro capite).

Mi rendo conto di quanto sia spaventoso, ma sappiate che non esiste al mondo un unico, singolo Stato che non abbia problemi simili: sono l’altra faccia del modello economico in cui viviamo ma di cui in pochi parlano per non terrorizzare i cittadini: la verità nuda e cruda fa sempre paura e per questo può essere una delle armi più pericolose oltre, per stare sul pezzo come si usa dire, a non portare voti…

Per quanto fantasiose e piacevoli da sentire, le << nuove >> promesse elettorali …

Non sono realizzabili in quanto carenti, di copertura: in poche parole, non ci sono i soldi, nemmeno per una.

Per fare un paragone più comprensibile, è come se una qualsiasi casalinga (o casalingo per par condicio che ormai ce ne sono tanti), pur sapendo che non si può permettere due etti di prosciutto, comprasse (o provasse a comprare…) non solo quello ma anche un’affettatrice.

Industriale.

È la solita vecchia storia della coperta troppo corta: se la tiri da una parte lasci fuori i piedi, se la tiri dall’altra rimangono scoperte la testa e le braccia …

La coperta in questione poi – leggi << risorse minime >> – è davvero cortissima…

Se vogliamo essere cool potremmo parlare di PIL, (prodotto interno lordo) al posto delle risorse, quindi andiamo a vedere bene anche in questo caso di che si tratta:

In macroeconomia il PIL (o prodotto interno lordo) misura il valore di mercato aggregato di tutte le merci finite e di tutti i servizi prodotti nei confini di una nazione in un dato periodo di tempo. La nozione di prodotto è riferita quindi ai beni e servizi che hanno una valorizzazione in un processo d scambio.

Il termine interno indica che tale variabile comprende le attività economiche svolte all’interno del Paese; sono dunque esclusi i beni e servizi prodotti dalle imprese, dai lavoratori e da altri operatori nazionali all’estero; mentre sono inclusi i prodotti realizzati da operatori esteri all’interno del Paese. Sono escluse dal PIL anche le prestazioni a titolo gratuito o l’autoconsumo.

Questo, nel 2016 e secondo questa fonte (1) ammontava a 1,85 migliaia di miliardi (stavolta in dollari) …

La famosa “crescita”, quei “punti percentuale” di cui tutti parlano si riferisce dunque proprio al PIL: è stato accertato che, nel 2017, l’Italia ha raggiunto l’1,5 per cento, ma non c’è motivo di andarne fieri, in quanto resta la più bassa d’Europa…

Tornando ai freddi numeri, che non mi sono mai piaciuti ma quelli comandano, risulta evidente che la precedente “colonna” in rosso (del debito) è molto…

In rosso.

Come se ne vien fuori dunque?

Se uno o una qualsiasi di voi lo sa, si faccia avanti perché vincerà di sicuro i prossimi tre o quattro Nobel per l’economia.

Secondo me, invece, che come si diceva sono molto più cool

Lo scudetto quest’anno lo vincerà il Napoli.

Davide De Vita

Fonti:

http://www.la7.it/tagada/video/quanto-costano-le-promesse-elettorali-01-12-2017-228730

http://www.italiaora.org

https://www.google.it/search?q=pil+italiano+2016

https://it.wikipedia.org/wiki/Stati_europei_per_PIL

http://www.ilsole24ore.com